ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ha un verme nelle feci

Mia figlia due mesi fa ha espulso con le feci un verme che è risultato essere un ascaride. L'infestazione da ascaridi non è poi così rara. È molto comune nei bambini e più frequente nei paesi caldi.

a cura di: Dott. Ezio Sartori (pediatra)

La mia bambina, di due anni circa, due mesi fa ha espulso con le feci un verme di colore rosa lungo circa venti cm; dall'analisi è risultato essere un ascaride. È stata quindi trattata con … (nome commerciale del Mebendazolo) per tre giorni, dopo i quali ha espulso altri tre vermi lunghi circa 15 cm. Potete comprendere il mio orrore! Dopo altre due settimane abbiamo ripetuto l'analisi delle feci, che è risultato ancora positivo per la presenza di uova di ascaride. A questo punto il pediatra ha prescritto lo … (nome commerciale dell'Albendazolo) in un'unica dose, consigliandomi poi di dimenticare tutta la faccenda. In seguito a quest'ultimo trattamento, non sono stati espulsi altri vermi e adesso, a distanza di venti giorni, dovrei far ripetere le analisi. Noi non abitiamo in campagna: come ha potuto la bimba infestarsi con un parassita che, a quanto ho capito, è piuttosto raro? Come posso essere sicura che i vermi siano stati definitivamente debellati?

L'infestazione da ascaridi non è poi così rara: in un recente testo di pediatria viene definita come la più frequente elmintiasi (infestazione da vermi) che causa un miliardo di casi nel mondo. È molto comune nei bambini e più frequente nei paesi caldi.

Il maschio adulto è lungo circa 15 - 25 cm, la femmina è più grande (20 - 35 cm) e capace di deporre circa 200.000 uova al giorno. Il contagio avviene per ingestione delle uova (emesse con le feci da un soggetto infestato) presenti nel terreno e su alcuni alimenti che abitualmente vengono consumati crudi (verdura e fragole ad esempio). L'abitudine (soprattutto nei paesi più poveri) di concimare il terreno con feci umane favorisce la contaminazione di questi alimenti. Le uova, che sono molto resistenti all'ambiente esterno, aderiscono tenacemente a questi prodotti ed un comune lavaggio non è sufficiente ad eliminarle.

L'uovo, una volta ingerito, percorre un lungo tragitto all'interno del corpo umano, matura in larva e poi in verme adulto ed inizia a produrre nell'intestino le uova che vengono eliminate con le feci. Il verme adulto viene emesso spontaneamente o dopo terapia spaventando i genitori che non sospettano un problema del genere. Assistere all'espulsione di un verme non è mai un'esperienza piacevole, ma può consolarsi pensando che esistono organismi molto più piccoli (microscopici) che sono molto più pericolosi per la salute dei nostri figli. L'ascaridiasi è raramente responsabile di problemi di rilievo in un bambino sano e in buone condizioni dal punto di vista nutrizionale.

Sua figlia ha eseguito due cicli adeguati di terapia ed è molto probabile che abbia risolto definitivamente il problema; in caso contrario il suo pediatra sarà sicuramente in grado di continuare a indicarle la soluzione più adatta. La prevenzione consiste essenzialmente in un corretto trattamento delle coltivazioni. Dal punto di vista individuale continueremo a lavare accuratamente gli alimenti da consumare crudi e a lavarci le mani (e a farle lavare ai nostri figli) prima di mangiare.

Dobbiamo comunque essere consapevoli che non è possibile evitare che un bambino giochi con la terra e si porti le mani alla bocca per cui dovremo rassegnarci a tollerare alcune malattie soprattutto se non provocano gravi conseguenze.

18/10/2002

4/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ha un verme nelle feci"

Disinfestare dalle pulci
La puntura della pulce determina una lesione cutanea pruriginosa. I consigli per disinfestare la casa dalle pulci.
Pericolo toxoplasmosi in gravidanza
Quanto più è avanzata la gravidanza, tanto più facile è la trasmissione della malattia al feto.
Come curare e prevenire i pidocchi
Come comportarsi quando si prendono i pidocchi.
Sintomi di Toxoplasmosi
Cosa succede se si viene contagiati dal Toxoplasma? I sintomi spesso partono da un ingrossamento dei linfonodi.
Giardia
La giardiasi è un'infezione intestinale provocata da un protozoo chiamato Giardia Lamblia.
Ossiuri
Gli ossiuri sono vermi piccoli, bianchi, molto mobili, filiformi con la coda puntuta.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A tre anni non riesce ancora a strutturare le frasi
La variabilità dei tempi e modi dello sviluppo del linguaggio è notevole ma, in presenza di alcuni "segnali" significativi, vanno valutati alcuni aspetti.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Problemi di inserimento in prima media
E' in crisi, continua a piangere per l'enorme cambiamento che le medie comportano.
Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte