ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Vero e falso in oculistica

Una serie di risposte flash a domande frequenti. E' vero o falso che guardare la TV fa male? Questo ed altri interrogativi.

a cura di: Prof. Paolo Nucci (oculista)

  • Guardare la TV o il computer da vicino fa male agli occhi? Falso. In realtà il monitor trasmette una quantità modestissima di radiazioni che non raggiungono la soglia di pericolosità a livello oculare. E' comunque opportuno evitare che il piccolo stia a meno di due metri dalla TV o di 60 cm. dal videoterminale, e che il loro impegno visivo in queste condizioni non superi le due ore nell'arco della giornata.
  •  Gli occhiali guariscono i difetti di vista? Falso. Indossare la correzione non modifica la spontanea evoluzione dei difetti visivi. E' però necessario che i bambini che presentano problemi visivi indossino sempre gli occhiali prescritti.
  • La benda corregge lo strabismo? Falso. A volte i bambini strabici hanno una differente capacità visiva nei due occhi per cui si rende necessario il bendaggio dell'occhio migliore per far lavorare l'occhio "pigro". La vista migliora ma lo strabismo rimane invariato anche dopo il bendaggio. In genere per riallineare gli assi visivi è necessario effettuare un piccolo intervento chirurgico.
  • L'occhio pigro può essere curato solo nei primi 8-10 anni di vita? Vero. Tre bambini su cento preferiscono lavorare con un occhio solo, riconoscere precocemente questa condizione è fondamentale per potervi porre rimedio. L’occhio pigro o ambliopia è un disturbo che non dipende direttamente dall'occhio ma dal cervello che trascura le immagini inviate da questo: più tardi si interviene meno possibilità ci sono che il cervello riprenda ad usare le immagini trasmesse dall’occhio affetto. Dopo i 10 anni la situazione è irreversibile.
  • Non è possibile visitare i bambini che non sanno leggere. Falso. E' possibile effettuare una visita medico oculistica a qualsiasi età, anche a pochi giorni di vita. Avvalendosi di tecniche più o meno sofisticate il medico oculista è in grado di individuare tutti i problemi oculari dell'infanzia.
  • Le lenti a contatto possono essere usate anche nella prima infanzia? Vero. La lente a contatto può essere utilizzata a qualsiasi età. In alcune malattie, come nella cataratta congenita e nell'aniridia (N.d.R.: mancato sviluppo dell’iride, la parte colorata dell’occhio), è l'unica soluzione medica possibile. E' comunque sempre il medico oculista a suggerire questa opportunità
  • I difetti di vista sono ereditari? Vero. Sebbene sia possibile che due genitori portatori di un difetto visivo non lo trasmettano ai propri figli, la gran parte dei problemi oculari presenti in famiglia viene ereditato. Per questo motivo, sebbene una visita preventiva dal medico oculista è consigliata a tutti i bambini prima dei sei anni, il genitore affetto da miopia, ipermetropia o astigmatismo deve rivolgersi più precocemente allo specialista
  • Carote e mirtilli curano la miopia? Falso. La frutta e la verdura fanno bene in ogni caso, ma non hanno alcuna efficacia nel prevenire o curare qualsivoglia problema oculare. In alcuni paesi in via di sviluppo sono possibili gravi carenze alimentari, che possono giovarsi di apporti vitaminici supplementari; in questi casi preparati con le proprietà nutritive della carota e del mirtillo possono prevenire malattie oculari.
  • Gli impacchi caldi giovano nelle congiuntiviti? Falso. Il calore aumenta la dolorabilità nelle infiammazioni e contribuisce alla diffusione dell’infezione. In presenza di un arrossamento oculare è buona norma lavare con acqua fredda l'occhio e ricorrere al medico oculista se il sintomo persiste per più di 24 ore.
  • Gli occhiali da sole si possono portare anche in tenera età? Vero. I filtri solari o occhiali da sole sono indicati in età pediatrica. Il concetto che il sole è naturale e non è dannoso è stato superato ed i danni prodotti da esposizioni incontrollate ai raggi ultravioletti è stato accertato. Come proteggiamo la pelle dei bambini con le creme così è opportuno proteggere i loro occhi, soprattutto in alta montagna, sulla neve, al mare o in barca. Non si dovrebbe allo stesso tempo dimenticare un cappellino con visier.

 

11/12/2000

26/12/2017

I commenti dei lettori

mio figlio a 4 anni e passa molto tempo a casa con me. pero quando torna a casa mio marito lui cambia, mio marito passa molto più tempo a lavoro che ha casa ,e il bambino quando vede il papà ha deggli atteggiamenti strani. io penso lo faccia per attirare le attenzioni del papà. come si dovrebbe comportare mio marito? GIUSY

giusy (CT) 15/11/2010

Articolo molto utile! Ma a che età è il caso di far fare la prima visita oculistica al proprio piccolo? E come ci si rende conto se c'è qualche problema di vista?

Roberta (BS) 03/01/2011

Buonasera! Mio figlio ha 2 anni e da qualche giorno mi sono accorta che guardando la televisione ha fastidio agli occhi, li "sbatte" velocemente e li tiene un pò socchiusi, secondo voi dovrei fargli fare una visita oculistica? Grazie. Monica (FC)

Monica Padovani (FC) 12/02/2012

La mia bambina di 19 mesi ha crisi convulsive complesse legate alla febbre.La televisione, col passare del tempo, potrebbe causare crisi convulsive di carattere diverso?

Stefania (MI) 28/02/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Vero e falso in oculistica"

Soffre di strabismo
Mette un occhio verso l'interno. Può essere allora solo un vezzo e passerà o soffrirà di strabismo? I consigli dell'oculista.
Lenti a contatto
A quale età si possono usare le lenti a contatto nei bambini?
Allergia ai pollini
Con l'avvento della stagione primaverile ha inizio la patologia allergica da pollini.
Non vuole più portare gli occhiali
Non vuole più portare gli occhiali. Può essere un capriccio o un segno che la sua vista è migliorata? E' sempre necessario affidarsi allo specialista.
Orzaiolo
Da che cosa è causato l'orzaiolo? Come si cura?
Uso dell'occlusore per correggere l'occhio pigro
Prima il trattamento viene iniziato, più rapidamente si recupera l'ambliopia - occhio pigro.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Analisi preventive per una bambina di un anno
Gli esami andrebbero prescritti non per controllare se una bimbina sta bene, ma per cercare conferma a seguito di un sospetto clinico fondato e motivato.
Bambini, adolescenti e social network
I social network sono uno strumento per favorire lo scambio di informazioni e la conoscenza reciproca. E' necessario un attento controllo da parte dei genitori.
Ittero del neonato o ittero neonatale
Ittero neonatale (del neonato): l'eccesso di bilirubina ha varie cause e conseguenze anche gravi, per cui si cura con la fototerapia.
Fecondazione: come avviene
Ecco come avviene la fecondazione: in una "gara" fra spermatozoi per la fecondazione dell'ovulo l'inizio della vita.
La crescita del bambino
Il pediatra, per controllare se la crescita e lo sviluppo procedono regolarmente, confronta le misure del bambino con tabelle standardizzate.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa