ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Gli vengono le vertigini

Il capogiro può essere difficile da descrivere per un bambino. Talvolta una sensazione di "testa vuota" può accompagnare riduzioni della glicemia.

a cura di: Dott. Italo Marinelli (pediatra)

Mio figlio di anni dodici ha, da ormai circa tre anni, crisi di vertigini (senso di sbandamento) ogni tre mesi, per tre o quattro giorni, che si manifestano in particolar modo la mattina. Abbiamo effettuato controlli ematici e dell'apparato uditivo con esito negativo. Soffre di leggero ipotiroidismo preclinico. Quale può essere la causa?

Il capogiro può essere difficile da descrivere per un bambino e, talvolta, una sensazione di "testa vuota" può accompagnare riduzioni della glicemia e dell'irrorazione o della ossigenazione cerebrale o, più frequentemente, sindromi influenzali o banali infezioni delle alte vie respiratorie. Per vertigine si intende la sensazione di rotazione o giramento nei confronti dell'ambiente circostante o dell'ambiente rispetto a sé stessi. 

Diverse condizioni morbose possono essere alla base delle vertigini. Tra le patologie dell'orecchio medio ed interno, ricordiamo l'otite media acuta e cronica, la labirintite (infiammazione dei canali semicircolari, i "sensori periferici dell'equilibrio"), il colesteatoma (N.d.R.: è un'infezione cronica dell'orecchio medio con secondaria distruzione ossea), i danni da tossici (salicilati come l'aspirina, e alcool) o farmaci (streptomicina, gentamicina). La sindrome di Meniere è causata da un aumento della pressione nell'orecchio interno e può essere associata a vertigine ricorrente. La vertigine, associata a gravi disturbi dell'equilibrio può essere dovuta a malattie del cervelletto, acute, quali la cerebellite post-infettiva (spesso dopo varicella) o evolutive, di natura infiammatoria (sclerosi multipla) o tumorale (astrocitoma, medulloblastoma). Altre forme neoplastiche quali il neurinoma del nervo acustico o glomi del tronco possono essere causa di vertigine.

La valutazione della vertigine può richiedere un approccio multi-specialistico, l'esecuzione di alcuni test funzionali (prove vestibolari, timpanometria) ed, in caso di coesistenza di sintomi neurologici importanti, di elettroencefalogramma e indagini neuroradiologiche (TAC, Risonanza Magnetica). 

Il fatto che da tre anni suo figlio soffra di vertigini senza che sia emersa altra patologia rilevante porta ad escludere le più importanti forme evolutive (neoplasie, patologie infiammatorie croniche). La ripetitività ciclica del fenomeno rende suggestiva l'ipotesi che si possa trattare di una vertigine parossistica benigna. Tale condizione rientra nell'ambito della cosiddetta sindrome periodica, che comprende una serie di malattie quali il vomito ciclico, i dolori addominali ricorrenti, il torcicollo benigno dell'infanzia, i dolori di crescita, le quali hanno in comune la caratteristica di presentarsi in forma acuta (parossistica) con una certa periodicità e di regredire spontaneamente dopo alcuni giorni. Sono considerate precursori o equivalenti dell'emicrania. Una volta escluso che il problema di suo figlio sia dovuto ad una malattia organica sulla base della storia, dell'esame obiettivo e di eventuali esami, la vertigine parossistica benigna può essere trattata con farmaci anti-istaminici o anti-serotoninergici (analogamente a quanto si fa per la profilassi dell'emicrania) ma l'evoluzione sostanzialmente benigna permette anche di praticare un atteggiamento di attesa limitandosi a controlli clinici periodici.

15/3/2001

15/12/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Gli vengono le vertigini"

Atassia cerebellare dopo varicella
Sebbene raramente, la varicella può complicarsi a livello neurologico con meningoencefalite o atassia cerebellare.
Giramento di testa e vertigini nei bambini
La vertigine si caratterizza con una sensazione di "giramento di testa". Le cause e la terapia per curare questo sintomo nei bambini.
Soffre di vertigini
Le vertigini sono una falsa sensazione di rotazione del bambino o di ciò che lo circonda.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La tosse nei bambini: tosse persistente, tosse di notte, tosse secca. Quali rimedi adottare?
I consigli del Pediatra per la tosse nei bambini, i rimedi naturali in caso di tosse persistente, quando usare un sedativo della tosse.
Pratica tanto sport
A nove anni, si allena quattro volte la settimana. E' importante a questa età praticare più attività sportive non dimenticando mai il divertimento.
Vaccinarsi contro la varicella prima di una gravidanza
E' opportuno che le donne che non hanno avuto la varicella eseguano la vaccinazione prima di intraprendere la gravidanza.
Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare