ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

La vitamina B1

La vitamina B1 interviene nel metabolismo degli zuccheri e nella respirazione delle cellule e favorisce lo stato generale di nutrizione dei tessuti nervosi.

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

Dove si trova

La vitamina B1 detta anche tiamina è idrosolubile, cioè si scioglie in acqua. Alimenti ricchi di questa vitamina sono soprattutto i legumi (piselli, fagioli, lenticchie, fave) il lievito di birra, gli strati più esterni del chicco dei cereali integrali, le noci, le nocciole, il maiale.

Una notevole quantità di tiamina viene persa durante la cottura degli alimenti (la massima perdita è dell’80% del quantitativo totale) e durante i processi di raffinazione dei cereali.

A che cosa serve

Interviene nel metabolismo (cioè il complesso di reazioni chimiche che avviene nell’organismo) degli zuccheri e nella respirazione delle cellule. Favorisce lo stato generale di nutrizione dei tessuti nervosi.

Che cosa succede quando manca

La carenza completa è responsabile di una malattia molto grave chiamata “beri-beri” le cui manifestazioni sono nevriti (cioè infiammazione dei nervi), edema (cioè accumulo di liquido nei tessuti con conseguente gonfiore alle gambe) e insufficienza cardiaca; il “beriberi” è diffuso fra le popolazioni del Sud Est asiatico, la cui nutrizione è a base di riso brillato, cioè privato dello strato esterno del chicco.

Nei paesi industrializzati il fabbisogno di questa vitamina, cioè la quantità necessaria all’organismo, risulta largamente coperto dalla dieta abitualmente seguita; si può verificare un deficit soltanto nei rari casi in cui nell’alimentazione siano quasi del tutto prevalenti i cereali raffinati come il pane bianco, la pasta comune, il riso, ecc. I sintomi sono molto sfumati: stanchezza, perdita dell’appetito, apatia, irritabilità, mal di testa, ecc.

9/9/2009

30/4/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La vitamina B1"

Lesioni alle unghie: è carenza di vitamine?
Ha delle lesioni alle unghie: può essere il segnale di qualche carenza di vitamine o di minerali?
Il fosforo
È un macroelemento contenuto nelle ossa e dei denti. Svolge un ruolo importante nel metabolismo energetico. Scopri altre informazioni utili.
Vitamine e gravidanza
E' utile integrare l'alimentazione della mamma in gravidanza con vitamine e sali? I consigli del pediatra.
Il selenio
Si trova negli alimenti di origine animale e vegetale. Non si sa esattamente quanto selenio contenga l’organismo umano.
Vitamine per l'influenza?
E' giusto dare vitamine ad ogni influenza o raffreddore? I polivitaminici aiutano a combattere le infezioni? Il consiglio del pediatra.
La vitamina A
La vitamina A: dove si trova, a che cosa serve e quali problemi causa la sua carenza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte