ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

La vitamina E

La funzione fondamentale della vitamina E è quella antiossidante: protegge cioè le membrane delle cellule dell'organismo dall'azione nociva di alcune molecole, chiamate radicali liberi.

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

Dove si trova

La vitamina E è liposolubile, cioè si scioglie in presenza di grassi. Questa vitamina è largamente distribuita negli alimenti: è presente soprattutto nei vegetali a foglia verde (ortica, cavolo, lattuga, spinaci), nei piselli, nell’orzo, nel germe di grano, nell’olio di arachide, di soia, di girasole, di oliva.

La vitamina E non diminuisce nelle operazioni di preparazione dei cibi, dato che è resistente alla cottura.

A che cosa serve

La funzione fondamentale è quella antiossidante: protegge cioè le membrane delle cellule dell’organismo dall’azione nociva di alcune molecole chiamate radicali liberi.

Che cosa succede se manca

E’ generalmente molto rara, perché molti alimenti ne sono ricchi e quindi nei bambini non sono necessarie supplementazioni di questa vitamina.

Invece nel bambino nato prima del termine c’è un fabbisogno di questa vitamina superiore a quella del nato a termine e quindi non si ha l’effetto protettivo della vitamina E sulle membrane cellulari dei globuli rossi: di conseguenza si verifica un’anemia emolitica, cioè dovuta ad una distruzione dei globuli rossi. Pertanto i bambini pretermine necessitano di un supplemento di adeguate quantità di vitamina E.

Anche nelle situazioni di malassorbimento, cioè un cattivo processo di assorbimento intestinale, (come avviene ad esempio nella celiachia) e nelle malattie del fegato si può verificare una carenza di questa vitamina: si può determinare un danno delle cellule e delle fibre nervose.

9/9/2009

15/5/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La vitamina E"

La vitamina PP o niacina
La vitamina PP o niacina prende parte alle reazioni della respirazione cellulare.
Lo iodio
Lo iodio si trova negli alimenti di origine animale e vegetale. Buone fonti sono il pesce l’aglio, i fagioli, le zucchine bianche, le bietole e le cime di rapa.
Il magnesio nei bambini
Il magnesio è un macroelemento contenuto negli alimenti di origine animale e vegetale. Perché è fondamentale per la crescita dei bambini.
La vitamina A
La vitamina A: dove si trova, a che cosa serve e quali problemi causa la sua carenza.
La vitamina B12 o cianocobalamina
La cianocobalamina, conosciuta come vitamina B12, è presente in tutti gli alimenti di origine animale in minime quantità.
La vitamina B1
La vitamina B1 interviene nel metabolismo degli zuccheri e nella respirazione delle cellule.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Quale delle seguenti caratteristiche di sviluppo non è di solito presente in un bambino di cinque mesi compiuti?
Emette piccole risa
Sorride ai visi sorridenti
Si osserva le mani
Gioca seduto sul pavimento o nel box