ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

La vitamina K

La vitamina K ha una azione antiemorragica: è indispensabile per la sintesi, a livello del fegato, di vari fattori necessari per la coagulazione del sangue.

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

Dove si trova

La vitamina K è liposolubile, cioè si scioglie in presenza di grassi. E’ presente soprattutto nei vegetali a foglie verdi (spinaci, cavoli, cavolini di Bruxelles, lattuga, broccoli, cime di rapa ecc.) legumi (soia, i piselli, ceci) e nel fegato. Il latte vaccino e ancor più il latte umano sono molto poveri di questa vitamina.

La vitamina K non diminuisce nelle operazioni di preparazione dei cibi, dato che è resistente alla cottura. Nell’uomo la fonte più importante è costituita dai batteri che normalmente risiedono nell’intestino e che sintetizzano questa vitamina.

A che cosa serve

La vitamina K ha una azione antiemorragica in quanto è indispensabile per la sintesi a livello del fegato di vari fattori necessari per la coagulazione del sangue (“fattori K dipendenti”).

Che cosa succede se manca

I sintomi della carenza di vitamina K sono dovuti all’emorragia. l neonati sono particolarmente suscettibili per la mancanza dei batteri intestinali che non si sono ancora costituiti, per le scarse riserve di vitamina K di origine materna e per l’insufficiente apporto con il latte: si può così verificare la malattia emorragica, le cui manifestazioni cliniche più rilevanti sono il sanguinamento a carico della pelle, dello stomaco, dell’intestino e del cervello. L’incidenza di questa malattia è attualmente molto ridotta dalla somministrazione di vitamina K al momento della nascita.

Nelle età successive, in condizioni normali la sintesi da parte dei batteri intestinali e l’apporto con la dieta sono largamente sufficienti a coprire il fabbisogno, cioè la quantità necessaria all’organismo.

Una carenza tuttavia può manifestarsi per una delle seguenti cause:

  • trattamenti antibiotici prolungati che distruggono i batteri intestinali
  • malassorbimento, cioè un cattivo processo di assorbimento intestinale, come si verifica ad esempio nella celiachia
  • malattie del fegato
  • uso di medicine ad azione anticoagulante
  • prematurità, cioè bambini nati prima del termine

9/9/2009

9/5/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La vitamina K"

La verdura nell'alimentazione del bambino
Le verdure vengono introdotte nell'alimentazione del bambino dall'inizio dello svezzamento. Qualche consiglio pratico.
E' necessaria la profilassi con Vitamina K in un neonato?
Il neonato è carente di vitamina K ed è importante fornire una supplementazione.
Le vitamine
Le vitamine sono composti chimici essenziali per le normali funzioni del nostro organismo.
Prevenzione con vitamina K e D nel neonato
La prescrizione in un neonato di vitamina K e D è in accordo con le indicazioni della Comunità Scientifica Nazionale e Internazionale.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

I grassi animali sono preziosi nella dieta dei bambini
I grassi hanno importanti proprietà nutrizionali e nell'alimentazione umana ricoprono un ruolo strutturale e metabolico di primaria importanza.
Il ruolo della carne nella crescita del bambino
La carne (bovina, suina, ovina e avicola) è un alimento essenziale nella dieta di un bambino.
Che cosa mangiare a merenda?
Le “merendine”, oltre a contenere molti grassi idrogenati, sono troppo ricche di zuccheri a rapido assorbimento.
La carne e i salumi sono alimenti essenziali per i bambini che fanno sport
I ragazzi sportivi hanno bisogno di una dieta sana ed equilibrata, con le calorie e le sostanze nutritizie necessarie allo sforzo
Come si producono il prosciutto crudo e gli altri salumi stagionati
Come vengono prodotti i salumi, alimenti importanti della nostra tradizione e costituenti validi di una alimentazione sana.

Quiz della settimana

Quale fra i seguenti è il notevole cambiamento che hanno mostrato i salumi italiani negli ultimi 20 anni?
Un aumento del contenuto di sale
Una diminuzione dei grassi saturi
Una crescita della quantità di nitrati
Un incremento del colesterolo