ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

La vitamina K

La vitamina K ha una azione antiemorragica: è indispensabile per la sintesi, a livello del fegato, di vari fattori necessari per la coagulazione del sangue.

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

Dove si trova

La vitamina K è liposolubile, cioè si scioglie in presenza di grassi. E’ presente soprattutto nei vegetali a foglie verdi (spinaci, cavoli, cavolini di Bruxelles, lattuga, broccoli, cime di rapa ecc.) legumi (soia, i piselli, ceci) e nel fegato. Il latte vaccino e ancor più il latte umano sono molto poveri di questa vitamina.

La vitamina K non diminuisce nelle operazioni di preparazione dei cibi, dato che è resistente alla cottura. Nell’uomo la fonte più importante è costituita dai batteri che normalmente risiedono nell’intestino e che sintetizzano questa vitamina.

A che cosa serve

La vitamina K ha una azione antiemorragica in quanto è indispensabile per la sintesi a livello del fegato di vari fattori necessari per la coagulazione del sangue (“fattori K dipendenti”).

Che cosa succede se manca

I sintomi della carenza di vitamina K sono dovuti all’emorragia. l neonati sono particolarmente suscettibili per la mancanza dei batteri intestinali che non si sono ancora costituiti, per le scarse riserve di vitamina K di origine materna e per l’insufficiente apporto con il latte: si può così verificare la malattia emorragica, le cui manifestazioni cliniche più rilevanti sono il sanguinamento a carico della pelle, dello stomaco, dell’intestino e del cervello. L’incidenza di questa malattia è attualmente molto ridotta dalla somministrazione di vitamina K al momento della nascita.

Nelle età successive, in condizioni normali la sintesi da parte dei batteri intestinali e l’apporto con la dieta sono largamente sufficienti a coprire il fabbisogno, cioè la quantità necessaria all’organismo.

Una carenza tuttavia può manifestarsi per una delle seguenti cause:

  • trattamenti antibiotici prolungati che distruggono i batteri intestinali
  • malassorbimento, cioè un cattivo processo di assorbimento intestinale, come si verifica ad esempio nella celiachia
  • malattie del fegato
  • uso di medicine ad azione anticoagulante
  • prematurità, cioè bambini nati prima del termine

9/9/2009

9/5/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La vitamina K"

Prevenzione con vitamina K e D nel neonato
La prescrizione in un neonato di vitamina K e D è in accordo con le indicazioni della Comunità Scientifica Nazionale e Internazionale.
La verdura nell'alimentazione del bambino
Le verdure vengono introdotte nell'alimentazione del bambino dall'inizio dello svezzamento. Qualche consiglio pratico.
E' necessaria la profilassi con Vitamina K in un neonato?
Il neonato è carente di vitamina K ed è importante fornire una supplementazione.
Le vitamine
Le vitamine sono composti chimici essenziali per le normali funzioni del nostro organismo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A tre anni non riesce ancora a strutturare le frasi
La variabilità dei tempi e modi dello sviluppo del linguaggio è notevole ma, in presenza di alcuni "segnali" significativi, vanno valutati alcuni aspetti.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Problemi di inserimento in prima media
E' in crisi, continua a piangere per l'enorme cambiamento che le medie comportano.
Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte