ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Vitamine nell'anziano

La popolazione anziana sia una fascia di popolazione particolarmente esposta al rischio di ipovitaminosi.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Da varie indagini epidemiologiche risulta che la popolazione anziana sia una fascia di popolazione particolarmente esposta al rischio di ipovitaminosi. Nell’anziano, il fabbisogno calorico scende in confronto a quello del giovane o dell’adulto, mentre il fabbisogno vitaminico non si discosta molto da quello di altre fasce d’età.

Tuttavia, in alcune condizioni, questo fabbisogno può non essere coperto per cui è necessario un controllo accurato e attento, oltre che dello stato fisico, anche della situazione ambientale e alimentare di questi soggetti per evitare stati carenziali clinici o, più frequentemente, subclinici.

Più spesso, la causa di queste carenze consiste sia in un deficit alimentare che in situazioni intrinseche del soggetto: cattiva masticazione o imperfetto assorbimento, inappetenza, vita in comunità, abulia, solitudine, scarsezza di mezzi finanziari, condizioni patologiche, alcoolismo.

Per l'insieme delle modificazioni metaboliche associate all'invecchiamento e la minore reattività agli agenti patogeni, l'anziano è un destinatario privilegiato delle integrazioni di vitamine, soprattutto del gruppo B.

Durante i periodi di picco per le patologie da raffreddamento, I'accresciuto apporto di questi elementi può contribuire a migliorare il recupero durante e dopo la malattia. Nel resto delI'anno, I'integrazione vitaminica lo aiuta a sostenere le prestazioni intellettive e a utilizzare meglio i substrati energetici.

14/9/2009

23/12/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Pressione bassa nel bambino
Mio figlio di 10 anni soffre di pressione bassa. Da che cosa può dipendere? Se l'alimentazione è varia, non sono necessari gli integratori.
Test di Coombs in gravidanza. Se positivo, che rischi ci sono?
Il Test di Coombs in gravidanza, se positivo, indica l'incompatibilità di sangue fra mamma e figlio. Leggi cosa fare e che rischi ci sono per il bambino.
Contraccezione durante l'allattamento
La contraccezione durante l'allattamento è necessaria se si desidera evitare una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto.
La prima colazione del bambino
E' indispensabile che il bambino faccia una buona colazione. La prima colazione deve coprire il 15-20% dell'apporto calorico giornaliero.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa