ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Xantogranuloma giovanile

Lo Xantogranuloma giovanile è una lesione assolutamente benigna e priva di rischio. Insorge per motivi sconosciuti e solitamente scompare spontaneamente nell'arco di qualche mese.

a cura di: Dott. Fabio Arcangeli (dermatologo)

Ho una bimba che, all'età di due mesi, presentava un piccolo puntino rosso sulla guancia. Credevamo fosse una puntura d'insetto ed invece, dopo svariati esami, compresa biopsia ed esame istologico, le è stato riscontrato uno xantogranuloma giovanile con caratteristiche nodulari. Mi hanno detto che fortunatamente non è da operare e che molto probabilmente andrà via da solo. Ora io ho letto il referto dell'esame istologico ma non essendo un medico ho capito ben poco. Vorrei cortesemente che mi venga spiegato in parole povere cos'ha mia figlia

L'esame istologico non può che esprimersi con un linguaggio tecnico, e ciò che si può spiegare "con parole povere" è appunto che lo Xantogranuloma giovanile è una lesione assolutamente benigna e priva di rischio, la quale insorge per motivi sconosciuti e solitamente scompare spontaneamente nell'arco di qualche mese o anno, senza lasciare traccia.

26/12/1999

12/8/2014

I commenti dei lettori

il mio bimbo di 2 anni ha uno xantogranuloma sul naso..il bimbo sta benissimo xò questa cosa sul naso che cmq è cresciuta di 7 millimetri da un po fastidio,siamo un po indecisi se intervenire chirurgicamente o aspettare il suo corso!qualcuno potrebbe spiegarmi qualcosa per quanto riguarda l operazione?per eventuali risposte..grazie!

vito (MI) 07/01/2013

ho una bimba di 13 mesi affetta da xantogranuloma infantile dall'età di 3 mesi, la stiamo tenendo sotto controllo, ci hanno detto che andranno via da soli entro i 2 anni di vita e che le lesioni più grandi potranno lasciar traccia..chiedo ai dermatoligi che mi leggono che tipo di traccia potranno lasciare e se ci sono degli esami specifici per escludere la possibilità che possa contrarre la neurofibromatosi? e poi c'e' correlazione tra xantogranuloma infantile e mastocitosi maculosa? perchè mia filgia ha anche quella comparsa contemporaneamente.

anonima (MT) 09/07/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Analisi preventive per una bambina di un anno
Gli esami andrebbero prescritti non per controllare se una bimbina sta bene, ma per cercare conferma a seguito di un sospetto clinico fondato e motivato.
Bambini, adolescenti e social network
I social network sono uno strumento per favorire lo scambio di informazioni e la conoscenza reciproca. E' necessario un attento controllo da parte dei genitori.
Ittero del neonato o ittero neonatale
Ittero neonatale (del neonato): l'eccesso di bilirubina ha varie cause e conseguenze anche gravi, per cui si cura con la fototerapia.
Fecondazione: come avviene
Ecco come avviene la fecondazione: in una "gara" fra spermatozoi per la fecondazione dell'ovulo l'inizio della vita.
La crescita del bambino
Il pediatra, per controllare se la crescita e lo sviluppo procedono regolarmente, confronta le misure del bambino con tabelle standardizzate.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa