ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Viaggia con noi

la tua vacanza felice con MAMMAePAPA.it

Sbalzi di clima e abitudini diverse

La vacanza può diventare un’avventura.

Sbalzi di clima e abitudini diverse, la vacanza può diventare un’avventura. Arrivano le vacanze e spesso il cambiamento di clima o anche il solo stress da viaggio sono alla base di fastidiosi disturbi intestinali. Prevenire e ridurre i disturbi è possibile grazie a un riequilibratore della flora intestinale per il benessere di tutto l’organismo. Gonfiori addominali, un leggero stato di malessere generale, mal di pancia, dolori: spesso le vacanze iniziano con questi diffusi disturbi, dovuti principalmente al cambio di clima e delle abitudini alimentari, ma anche allo stress da viaggio, così come a batteri che possono essere ingeriti con acqua o cibi crudi o poco cotti.

Sono tutti fattori, questi, che vanno a incidere sull’equilibrio della flora batterica intestinale, un equilibrio delicato che può essere facilmente alterato. I probiotici, riequilibratori della flora intestinale, creano una vera e propria barriera in grado di proteggere l'organismo dall'attacco di eventuali microrganismi nocivi e di contribuire alla regolarità delle funzioni intestinali, per un buono stato di salute dell'intestino e per il benessere generale di tutto l’organismo. Il principio su cui si basano è quello delle “spore” di Bacillus clausii, microrganismi che grazie alle loro particolari caratteristiche superano l’ambiente acido dello stomaco, molto aggressivo, e arrivano, vive e vitali, nell’intestino dove si attivano ristabilendo il corretto equilibrio intestinale alterato. Le spore sono infatti forme batteriche metabolicamente “dormienti”, che riescono a sopravvivere in condizioni avverse (pH acido, temperature elevate, azione antibiotici…) e sono in grado di trasformarsi nella forma vegetativa (cioè quella “efficace”) nell’intestino dove esplicano la loro azione.

10/5/2006

10/5/2006

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.
Mio figlio ripete le parolacce
Mio figlio di quasi quattro anni ripete le parolacce ogni volta che le sente. Mi hanno consigliato di fingere indifferenza.
Morso di cane
In caso di bambino morso da un cane, bisogna sapere la sede della morsicatura, la profondità del morso e la taglia del cane.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.

Quiz della settimana

Nell'asilo di vostro figlio sono stati segnalati numerosi bambini con i pidocchi, tanto che sono stati esposti avvisi a riguardo. Qual e' il miglior modo per evitare che anche il vostro bambino, che al momento sta benissimo, venga contagiato?
Lo portate dal barbiere per tagliarli i capelli molto corti
Lo trattate subito con un prodotto contro i pidocchi
Non lo mandate all'asilo per una settimana
Controllate accuratamente il cuoio capelluto del bambino almeno una volta alla settimana