ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Viaggia con noi

la tua vacanza felice con MAMMAePAPA.it

Miramare

La Riserva Marina di Miramare, istituita quasi trent'anni fa dal WWF.

a cura di: Stefania Gonzales

La Riserva Marina di Miramare, istituita quasi trent'anni fa dal WWF, è, insieme a quella di Ustica, la più vecchia d'Italia. La visita (sopra e sott'acqua) si abbina a quella del Castello soprastante, con il meraviglioso parco e il Giardino delle farfalle. Per arrivare a Trieste prendete l'autostrada A4 e uscite al casello Lisert in direzione di Trieste centro. La riserva e il castello sono a 12 chilometri. La visita inizia nel Castelletto, con gli acquari e, per chi vuole, continua in acqua con maschera e pinne. Nelle vasche (non molte ma rappresentative degli habitat mediterranei) si ammirano i colori dei pesci e delle forme di vita dell'Adriatico: labridi, castagnole, bavose, anemoni e ricci. L'attrattiva è l'acquario di marea, che mostra la fascia di ambiente marino che vive per sei ore all'aria e per altre sei sommersa. E' regolato da pompe comandate da timer che simulano il movimento delle maree. Un'altra vasca molto "toccata" è la touch-tank in cui è possibile avere un contatto diretto con alghe, ricci, oloturie e molluschi bivalvi. Mentre tra le vasche più visitate, c'è quella dedicata al mimetismo con seppie, canocchie e sogliole che cambiano il colore del corpo per adattarlo alle variazioni cromatiche. Inoltre, sono attive due telecamere: una, posta sott'acqua, trasmette in diretta la vita sottomarina di Miramare, l'altra, attraverso un microscopio, mostra la vita del plancton. La visita a Miramare prosegue nel Castello, fatto costruire tra il 1856 e il 1860 dall'arciduca Massimiliano d'Asburgo su progetto di Carl Junker.

All'interno, ancora con arredi e decorazioni originali, si vedono gli appartamenti di Massimiliano e della moglie Carlotta del Belgio, le stanze per gli ospiti, la sala con la storia della costruzione del Castello e del Parco, l'appartamento del Duca Amedeo d'Aosta con arredi degli anni Trenta, la sala del trono restaurata di recente. Il parco di 22 ettari sulla riva del mare, è ricco di piante esotiche

Da vedere

Aanche le Scuderie, che ospitano manifestazioni temporanee, il monumento a Massimiliano (ancora per settembre è allestita una mostra sulla storia e il recente restauro del monumento), e le Antiche Serre con il Giardino delle farfalle, ricostruzione di giungla tropicale, dove esemplari giganti dei colorati insetti volano insieme a pappagalli, colibrì e altri uccelli. Per informazioni: parco e museo del castello, viale Miramare 349, tel. 040.224.143. Riserva Marina, tel. 040.224.147. Giardino delle farfalle, tel. 040.224.144. Orario: il castello è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 19 il parco dalle 8 alle 19 (in settembre). Se ci andate in inverno, gli orari e le vie di accesso cambiano: informatevi prima di partire. www.castello-miramare.it

Dove dormire

Riviera e Maximilian's, hotel tre stelle con 69 camere con vista sul mare e sul castello. Confortevole e tranquillo, ha l'ascensore che porta direttamente in spiaggia (privata ai Bagni Riviera), il parcheggio, il ristorante, piscina (anche per bambini) e giardino. La camera doppia costa 190/260mila lire, il lettino in camera dei genitori 36/42mila lire. L'albergo è aperto tutto l'anno e si trova sulla strada Costiera 22, 66 a Trieste, tel. 040.224.551. Gli amici consigliano Saskia: ”Ci siamo stati di recente con due bimbi (uno di 4 anni e l'altro di pochi mesi), vi segnalo il fatto che, com'è prevedibile, durante la visita al castello non è possibile utilizzare il passeggino (meglio attrezzarsi con lo zainetto in spalla per i piccolissimi). Tutto sommato è consigliabile per bimbi in età scolare, che possono interessarsi anche agli eventi storici connessi al luogo, specie se seguono i cartoni animati di "Sissi". Sempre per bambini un po' grandicelli, interessantissimo è il Laboratorio dell'immaginario scientifico a poca distanza dal Castello, con la possibilità di eseguire degli esperimenti scientifici sulla luce (rifrazione, scomposizione nei colori primari, ecc.) e sul suono. C'è anche un piccolo planetarium, con le spiegazioni pazientemente fornite dallo staff del Laboratorio. Da provare infine (con la supervisione di un adulto) gli specchi ustori! ”.

15/7/2002

15/7/2002

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Frattura del femore
Mio figlio di 4 anni si è fratturato il femore destro. Ora purtroppo deve portare un rialzo.
Gli esami da eseguire in gravidanza
Per monitorare l'andamento della gravidanza sarà necessario fare alcuni esami, alcuni dei quali a carico del Servizio Sanitario Nazionale.
L'igiene del neonato
L'igiene del neonato comincia subito dopo la nascita in sala parto, con sola acqua e senza detergenti. I consigli per l'igiene a casa.
Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura