ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Viaggia con noi

la tua vacanza felice con MAMMAePAPA.it

Scarzuola

Avete voglia di qualcosa di decisamente originale? Se ancora non la conoscete, andate alla Scarzuola.

a cura di: Stefania Gonzales

Scarzuola si presenta come un semplice (anche se bellissimo) giardino, ma che è molto di più.
E' l'opera definitiva di Tommaso Buzzi, uno dei più grandi architetti del Novecento, sintesi di sogno e realtà, fantasia e mistero. Voi potrete apprezzarne i lati mistici, i vostri bambini si stupiranno con i percorsi nel verde, i rivi, i giardini con statue viventi all'Arcimboldo… Convento francescano fondato dal Santo fra i boschi di Montegiove nel 1218, nel ventennio tra il 1965 e il 1981 la Scarzuola fu affiancata, fino a esserne inglobata, dalla "Città Ideale", concepita dall'estroso Tommaso Buzzi come macchina teatrale e percorso iniziatico che l'architetto chiamava "strada della vita".
Magico e surreale labirinto di corridoi verdi, giardini e percorsi d'acqua, la Scarzuola riunisce in un'unica realtà la città sacra/convento/reale e la città profana/teatro/sogno fatta di strane costruzioni, le cosiddette "fabbriche del teatro", sette teatri a incastro con scenografie naturali e artificiali affastellate e sovrapposte l'una dentro l'altra come scatole cinesi.

La rappresentazione del Teatro del mondo culmina nell'Acropoli, simbolica montagna di edifici bucata da gallerie e cellette e formata da miniature del Partenone, Colosseo, Pantheon, Tempio di Vesta, arco di trionfo e torre campanaria.

Notizie utili. La Scarzuola è a Montegabbione (Terni), tel. 0763.837.463 e fa parte del circuito dei Grandi Gardini italiani (tel. 031.756.211-756.769; www.grandigiardini.it). Aperta tutto l'anno solo per visite guidate su appuntamento e per gruppi di minimo 6 persone.

Come andare

Con l'autostrada A/1 Roma-Firenze, uscita Fabro. Proseguite per Fabro Scalo, Montegabbione e Montegiove. Da qui a un chilometro e mezzo circa, c'è un'indicazione per una strada sterrata che arriva all'antico convento. Lì bisogna suonare per entrare nel giardino che non è visibile dall'esterno.

15/9/2009

15/9/2009

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Bendaggio dell'occhio
Il trattamento per l'ambliopia prevede il bendaggio dell'occhio, cioè la copertura dell’occhio sano con un cerotto o bendaggio per riattivare "quello pigro".
Il bagnetto del neonato
Il bagnetto del neonato è un rituale che può sembrare complicato all'inizio, ma poi diventa un bel momento di gioco. Come comportarsi.
Le fiabe e il mondo emotivo dei bambini
La lettura delle fiabe, dei racconti o delle poesie diventa la via maestra per entrare in contatto con il mondo emotivo dei propri figli.
Cardiopatia e sport
Quali tipi di sport può praticare un bambino che soffre di una lieve cardiopatia? Il parere del medico sportivo.
Le principali tappe dello sviluppo del bambino
Le principali tappe dello sviluppo neuro-motorio e cognitivo del bambino da 2 a 12 mesi.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa