ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Viaggia con noi

la tua vacanza felice con MAMMAePAPA.it

Taranto

Uno dei maggiori in Italia è quello Oceanografico di Taranto.

a cura di: Stefania Gonzales

Non sempre la visita a un museo è noiosa, soprattutto se si tratta di un museo del mare. Uno dei maggiori in Italia è quello Oceanografico di Taranto, che occupa la sede dell'Istituto talassografico e custodisce rilevanti esemplari della fauna marina provenienti dal golfo di Taranto e da altri mari temperati e tropicali. Nelle classiche vetrinette da museo sono esposte centinaia di specie di pesci, molluschi, piante marine, ma anche uccelli impagliati (va beh, magari a noi genitori fa impressione, ma ai bambini piacciono) e la riproduzione al naturale di grandi mammiferi marini.

Notizie utili. Il Museo Oceanografico si trova in via Roma, 3, tel. 099.459.495.7. Orario: lunedì/venerdì, 9-12.30. Biglietti: ingresso libero.

A Taranto, caratterizzata dal porto naturale del Mar Piccolo e dal ponte girevole che collega le zone della città separate dai due mari (il Piccolo e il Grande), sono da vedere il Castello (del XV secolo) fatto erigere da Ferdinando d'Aragona e poi diventato prigione, la Cattedrale di San Cataldo (1070) e la Chiesa di S. Domenico Maggiore (dell'XI secolo, ma ricostruita nel 1302) che ostenta una doppia scalinata barocca e un portale con baldacchino.
Se non avete voglia di stare in città andate a Martina Franca, il balcone sulla Val d'Itria a 431 metri sul livello del mare (è la più alta cittadina delle Murge). È un misto di case bianche contadine e di sfarzosi edifici barocchi. Da visitare il Palazzo Ducale (del XVII secolo), oggi sede del Municipio, unica opera del Bernini nel Mezzogiorno, e il trionfo del barocco della Collegiata e dei palazzi di via Principe Umberto. Da Martina Franca si domina la Val d'Itria, la valle dei trulli, famosissimi edifici a volta conica, costruiti e rivestiti a secco di "chiancarelle" (pietra locale). Oggi sono un'attrazione turistica, ma la loro origine è ben più pragmatica: il Conte D'Acquaviva, infatti, doveva innalzare costruzioni per i contadini che coltivavano le sue terre, ma solo in forma provvisoria (re Ferdinando I d'Aragona aveva infatti vietato insediamenti stabili nella zona), quindi con tetti a secco facilmente smantellabili in caso di ispezione delle truppe regie.

Come arrivare. A Taranto arrivate con la A16 o la A 14. A Martina Franca dista 30 chilometri da Taranto lungo la ss 172 con la quale si raggiunge anche Alberobello "capitale" dei trulli.

Dove mangiare

A Taranto, Trattoria da Mimmo, via Ciro Giovinazzi, 18, tel. 099.459.373.3.
Si mangiano piatti della tradizione tarantina, orecchiette con basilico, pomodoro e cacio, tubettini con le cozze, parmigiana di melanzane, involtino di vitello al ragù, calamari ripieni.

Dove dormire

A Taranto, Grand Hotel Delfino (viale Virgilio, 66, tel. 099.732.323.2, fax 099.730.465.4), quattro stelle sul mare con piscina. Lettino baby in camera e servizio baby-sitter su richiesta. Aperto tutto l'anno.
In Val d'Itria, Il Vignaletto (Contrada Minco di Tata, 1, Martina Franca, tel. 080.449.035.4) è un'azienda agrituristica di origini antiche: Mario Motolese, attuale proprietario, continua l'attività dei suoi avi che coltivarono queste terre sin dal XVII secolo. Ci sono otto posti letto suddivisi in appartamenti autonomi in un'atmosfera molto cordiale e familiare. 200 ettari di boschi e passeggiate (per adulti) sui cavalli murgesi, piscina, biciclette, tiro con l'arco, bocce. Ottima cucina pugliese della tradizione con prodotti della masseria: formaggi, orecchiette, torcinelli di fegato alla brace. Vino della vigna. 

26/8/2002

26/8/2002

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento ogni due ore
L'allattamento ogni due ore: c'è un metodo per regolarizzare il suo appetito? Cosa consiglia il pediatra.
Bambino timido
Mentre a casa è vivace ed allegro, alla scuola materna è timido e non partecipa ai giochi.
Hanno diagnosticato a mio figlio la sindrome di Poland
La sindrome di Poland è una malformazione rara di un emitorace e di un arto superiore. La cura della sindrome prevede gli interventi correttivi.
Mio marito è nato con una malformazione chiamata "piede torto congentito"
Il piede torto è una malattia assolutamente curabile e che non preclude nulla delle vere gioie della vita.
Soffre di rigurgiti abbondanti
Sono molti i bambini che presentano rigurgiti e/o vomito, non tutti hanno bisogno di medicine.

Quiz della settimana

Come si corregge una ernia ombelicale del diametro di 2 cm in un bambino di sei mesi di età?
Applicandovi sopra un cerotto
Con un intervento chirurgico immediato
Entrambe le cose sono da fare
Non si deve fare nulla