ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading

Saperne di più

per approfondire insieme

Esami del sangue e delle urine in gravidanza

Durante tutto il decorso della gravidanza vengono richiesti esami del sangue e delle urine indispensabili per tenere sotto controllo la salute della futura mamma e del prodotto del concepimento.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Durante tutto il decorso della gravidanza vengono richiesti esami del sangue e delle urine, indispensabili per tenere sotto controllo la salute della futura mamma e del prodotto del concepimento. Il tipo di esami e la frequenza con cui vengono richiesti variano spesso da caso a caso e solo il ginecologo è in grado di stabilire quali siano quelli necessari per la gestante.

Gli accertamenti che vengono di regola richiesti sono elencati di seguito.

Identificazione del gruppo sanguigno e del gruppo Rh

Serve ad accertare il gruppo sanguigno della mamma. Se la stessa risulta essere Rh negativa, è necessario conoscere il fattore Rh del padre del piccolo. Se anche il suo risulta negativo, non ci sono problemi ma se il papà è Rh positivo, è possibile che il figlio possa ereditare il fattore Rh del padre, e pertanto avere il sangue incompatibile con quello materno. Quando il sangue della futura mamma viene a contatto con quello del feto, produce degli anticorpi che distruggono i globuli rossi del bambino.
Il problema non si verifica quasi mai al primo parto, perché, grazie alla placenta, il sangue materno non incontra mai quello fetale. Subito dopo il parto è però necessario eseguire un'iniezione di immunoglobuline (anticorpi) anti-fattore Rh positivo, che protegge un'eventuale gravidanza successiva.
Se invece la mamma non ha eseguito questa profilassi dopo una precedente gravidanza o un aborto, esiste un rischio elevato di contrarre una grave malattia chiamata eritroblastosi fetale o ittero emolitico del neonato.

Emocromo

Ha lo scopo di controllare il numero dei globuli rossi, dei globuli bianchi, la quantità di emoglobina presente e le dimensioni dei globuli rossi. E' molto frequente che, per effetto dell'aumento considerevole della massa sanguigna materna, il sangue risulti un po' diluito e che perciò si evidenzi una lieve anemia. Viene ripetuto ad ogni prelievo.

Glicemia

Serve a misurare la quantità di glucosio (uno zucchero che, in pratica, costituisce il carburante dell'organismo) nel sangue. Se aumenta troppo può essere indice di insorgenza di un diabete gestazionale. Viene effettuata almeno tre volte nel corso dei nove mesi di gestazione.

Azotemia e creatininemia

Valutano la quantità presente nel sangue di azoto e di creatinina, prodotti di rifiuto dell'organismo, che vengono filtrati ed eliminati dai reni. Se la loro concentrazione aumenta, significa che i reni (che, ricordiamo, sono sottoposti ad un superlavoro poiché devono depurare una quantità di sangue maggiore) non funzionano come dovrebbero. L'esame viene ripetuto in genere tre volte nel corso della gravidanza.

Rubeo-test

Ha lo scopo di controllare se la futura mamma è immunizzata contro la rosolia. Se il risultato è negativo significa che la donna non ha contratto la malattia e che occorre controllare, con successivi prelievi, che non venga contagiata nel corso dei nove mesi di gestazione. Il virus della rosolia infatti, se contratto nel primo trimestre di gravidanza, può contagiare l'embrione nel 70-90% dei casi causando aborto, ritardo di crescita intrauterina oppure gravissime malformazioni quali sordità, cardiopatie congenite, cataratta e altre ancora. Nel secondo trimestre di gestazione il rischio di una infezione fetale si riduce ma rimane pur sempre tra il 25 ed il 40%.

Toxo-test

Serve per controllare se si è immunizzati nei confronti della toxoplasmosi. Se l'esame risulta negativo, significa che la futura mamma potrebbe contrarre la malattia e che, di conseguenza, dovrà rispettare alcune restrizioni dietetiche ed abitudinarie come evitare di mangiare la carne cruda o poco cotta o gli insaccati, lavare molto accuratamente la frutta e la verdura, usare guanti per il giardinaggio, evitare il contatto con i gatti.
Se invece l'esame è positivo, queste precauzioni non sono necessarie.

Ricerca dell'antigene Australia

(vecchio nome, adesso sostituito da HbsAg): serve a scoprire se la donna è "portatrice sana" del virus dell'epatite B, se cioè non è ammalata di epatite ma ha il virus presente nel sangue ed ha perciò la possibilità di trasmetterlo al bambino al momento del parto. Se la mamma ha l'antigene Australia, il neonato verrà sottoposto alla nascita a quelle terapie (vaccinazione e somministrazione di anticorpi sotto forma di immunoglobuline) che sono in grado di evitare l'insorgere dell'epatite B.

Reazione di Wassermann oppure V.D.R.L

Servono ad individuare la sifilide. Non bisogna stupirsi o tantomeno offendersi se il ginecologo prescrive questi accertamenti: la sifilide è la malattia venerea più diffusa, i cui sintomi iniziali sono spesso trascurabili, per cui è possibile essere ammalati senza saperlo. La malattia, se individuata precocemente (nei primi quattro mesi), guarisce facilmente ma se non viene curata come si deve, può portare a gravi conseguenze nel prodotto del concepimento. Se l'esame è normale non viene più ripetuto a meno che non si abbia il sospetto di un contagio insorto successivamente.

Sideremia e percentuale di transferrina insatura

Permettono di evidenziare un eventuale carenza di ferro nel sangue. Questo minerale è infatti necessario ai globuli rossi per trasportare l'ossigeno. Un risultato patologico è indice di anemia.

Bilirubina e transaminasi

Sono utili a valutare la funzionalità epatica. Non sono comunque esami indispensabili e non tutti i ginecologi li richiedono. Servono più che altro a diagnosticare il cosiddetto ittero da stasi biliare, una repentina colorazione giallastra della cute dovuta ad una certa "pigrizia" del fegato materno ad eliminare la bile.

Proteine totali del sangue

Anche questo è un esame che non tutti i medici richiedono. Serve a valutare la quantità di proteine nel sangue: una loro diminuzione può essere un indice di malattia epatica o di una eccessiva perdita di proteine con le urine (come si verifica nella gestosi).

Esame completo delle urine

Fornisce numerose informazioni sia per quanto riguarda la funzionalità renale e sia per quanto concerne lo stato di salute generale della gestante. Perché sia normale occorre, in sintesi, che siano assenti le proteine (in particolare l'albumina, la cui presenza in quantità elevate è invece indice di alterata funzionalità dei reni e di possibile gestosi), il glucosio (il suo riscontro è segno di diabete gestazionale) ed i leucociti, detti anche globuli bianchi (la loro aumentata concentrazione è un segno di infezione delle vie urinarie). Per la sua importanza anche questo esame, come l'emocromo, viene ripetuto regolarmente durante i nove mesi di gestazione.

20/8/2000

16/3/2014

X

Sai che puoi avere tutti i giorni un consiglio del Pediatra? Iscriviti gratis alle nostre Newsletter!

Tutti i giorni le Pillole di Pediatria, un consiglio del Pediatra sulla salute del tuo bambino, su misura per la sua età. E se sei in attesa, 9mesi è la newsletter che ti accompagnerà per tutta la gravidanza, settimana dopo settimana.
Scrivi qui sotto la tua email e clicca su OK!

I commenti dei lettori

Ciao a tutti, ho scoperto tre giorni fa di essere incinta... ho contattato la mia ginecologa ma pare sia in ferie fino a settembre... sono alla quinta settimana. Cosa devo fare? Ho preso un appuntamento con il mio medico curante... sbaglio? ... Sono un po' terrorizzata!

Chiara (MI) 14/07/2011

VDRL negativa che significa?

iuliana (VT) 30/09/2012

Iuliana, in medicina spesso diciamo "negativo" di un esame NORMALE, cioè che non ha dato valori patologici. In questo caso, VDRL negativa significa che la donna non è stata a contatto con il microbo della sifilide.

Lo staff di mammaepapa.it 02/10/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Esami del sangue e delle urine in gravidanza"

Leucociti nelle urine
I leucociti nelle urine significano quasi sempre infezione delle vie urinarie o genitale.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Valori normali dei globuli bianchi
I valori dei globuli bianchi in un bambino di nove mesi si pongono solitamente tra i 6.000 ai 17.000/mmc (con valori medi di 11.500).
Controllo della vista
Entrambi i genitori sono miopi. Quale struttura scegliere per un bambino di nove mesi? I consigli dell'oculista.
Urinocoltura e infezione delle vie urinarie
Urinocoltura: a cosa serve e come si esegue.
Analisi preventive per una bambina di un anno
Gli esami andrebbero prescritti non per controllare se una bimbina sta bene, ma per cercare conferma a seguito di un sospetto clinico fondato e motivato.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a prendere sonno
Anche dopo una giornata stancante, la sera fatica a prendere sonno e di conseguenza si agita.
Giramento di testa e vertigini nei bambini
La vertigine si caratterizza con una sensazione di "giramento di testa". Le cause e la terapia per curare questo sintomo nei bambini.
Ha la milza ingrossata
La milza ingrossata (splenomegalia) può avere tante cause e deve essere valutata anche con esami.
Monitoraggio fetale
Il monitoraggio fetale registra il battito cardiaco del feto, particolarmente utile durante il travaglio del parto.
Shunt cardiaco a livello atriale
Un piccolo shunt a livello atriale (o forame ovale pervio) è "quasi fisiologico" all'età di due mesi.

Quiz della settimana

Qaule regione del corpo è coinvolta nell'idrocefalo?
Il rene
Il cranio
La vescica
La colonna vertebrale