ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Quando dirle che Babbo Natale non esiste?

C'è un'età migliore per dire che Babbo Natale non esiste, evitando così che la verità venga svelata da altri? Il consiglio della psicologa.

a cura di: Dott.ssa Loredana Piratoni (psicologa)

Mia figlia Francesca deve compiere tra breve otto anni. A Natale ha ricevuto, come ogni anno, i regali di Babbo Natale. Mi chiedevo se c'è un'età alla quale è il caso di chiarire le cose alla bimba (cioè che Babbo Natale non esiste), evitando così che la verità le venga svelata da altri (magari amichetti che la farebbero diventare una cosa anche crudele). Io sarei per non dirglielo ma mi preoccupa la reazione nel caso lo sapesse brutalmente da altri.

Cara signora, noi tutti sappiamo che Babbo Natale non esiste, o perlomeno è una idealizzazione di San Nicola artefice della conversione di molti popoli del Nord Europa. Tuttavia spesso noi adulti dimentichiamo l'importanza che riveste questa figura e i bei momenti che questo personaggio ci ha regalato da bambini.

In che modo il Babbo Natale "considerato vero" lascia il posto al Babbo Natale "desiderato ed idealizzato"? Ogni bambino attua le sue strategie. I guai accadono quando gli adulti vogliono mettersi in mezzo a cose di bambini per eccessivo desiderio di protezione. In effetti, non esiste un'età in cui il "segreto" di Babbo Natale debba essere svelato; piuttosto, quando il figlio diventa grandicello, i genitori possono chiedersi quale strategia il bambino stia mettendo in atto.

Mi spiego. Quale utilità avrebbe un bambino a far sapere di non credere a Babbo Natale e quindi a mostrarsi "grande" con i propri genitori? La maggior parte dei "Grandi" non lasciano la calza per la Befana; non ricevono quantità spropositate di uova di cioccolata a Pasqua e, per giunta, a Natale, hanno regali da "Grandi" (che non sono così belli e interessanti come quelli dei "Piccoli"). Quello che voglio dire è che i bambini (come gli adulti) quando vogliono credere fortemente a qualcosa fanno finta di non accorgersi della verità, oppure, anche se la conoscono si divertono a "giocare" con le loro credenze.

Tutti noi sappiamo che un oroscopo generico letto su una rivista non può essere credibile, eppure gli editori continuano a pagare persone che scrivano frasi generiche in modo che noi continuiamo a leggerle e magari a farci sopra anche un sorriso. I bambini di oggi (ma anche quelli che erano bambini negli anni settanta) sono bombardati da "Babbi Natale" in tutte le salse: per strada, nella pubblicità, in televisione, al cinema... vi sono film e telefilm in cui si vede esplicitamente il papà che si traveste da Babbo Natale...

Ma veniamo alla Sua bambina. mi vengono in mente tre situazioni tipo:

  • Può darsi che creda realmente a Babbo Natale. In questo caso perché intaccare quella grande forza dei bambini che è la fantasia? Se Lei sente la necessità di preservare la sua bambina dalla brutalità di altri, prevenga quella brutalità con la delicatezza di una mamma: si potrebbe iniziare a spiegare alla bambina che per raggiungere tutti i bambini del mondo Babbo Natale si fa aiutare dai genitori di quei bambini, per cui spesso sono i genitori che comprano i regali per conto di Babbo Natale. Andando avanti con l'età, sui regali si possono mettere dei bigliettini indicanti il destinatario del biglietto e come mittente una frase molto sibillina ma intrigante e rassicurante (a Davide da Babbo Natale di mamma e papà, a Ludovica da Babbo Natale di zia Marta);
  • Può darsi che Sua figlia "voglia" credere a Babbo Natale pur sospettando la verità. In questo caso la bimba ci aiuta molto nel nostro compito: basterebbe comportarsi normalmente lanciando, nel momento dello scarto dei regali, frasette del tipo "Babbo Natale mi ha detto che volevi questa bambola..." etc. in modo da farle sapere che noi sappiamo che lei sa ma che per gioco possiamo continuare a far finta di non sapere;
  • Può darsi che la bimba ne abbia già parlato con le amichette ma abbia deciso essere meglio continuare a credere a Babbo Natale in modo da non deludere i genitori (continuando a ricevere i regali). In questo caso gli adulti possono continuare a comportarsi normalmente facendo forse la figura dei "fessacchiotti" agli occhi della bambina che proverà tanta tenerezza verso quei genitori che si inventano una storia come quella di Babbo Natale pur di avere una scusa per fare festa.

In conclusione, tutte le possibilità che ho elencato portano ad un atteggiamento accogliente e protettivo da parte della mamma e del papà i quali accompagnano il bambino nella sua crescita senza essere loro ad imporgliela.

13/2/2002

4/4/2014

X

Sai che puoi avere tutti i giorni un consiglio del Pediatra? Iscriviti gratis alle nostre Newsletter!

Tutti i giorni le Pillole di Pediatria, un consiglio del Pediatra sulla salute del tuo bambino, su misura per la sua età. E se sei in attesa, 9mesi è la newsletter che ti accompagnerà per tutta la gravidanza, settimana dopo settimana.
Scrivi qui sotto la tua email e clicca su OK!

I commenti dei lettori

penso che lo debba scoprire da sola come noi tutti abbiamo fatto!! Siamo sopravvissuti

Alessandro (SR) 28/11/2010

quando ero piccola credevo davvero a babbo natale e ci credo ancora naturalmente non può venire da tutti a portare i regali ,secondo me però se hai figli/e ecc.. potresti dirgli no che babbo non esiste ma il contrario che esiste solo che è vecchio per portare i regali a tutto il mondo così manda dei babbo natali che losostituiscano per la notte a portare i regali poi vedrete che lei piano piano si accorgerà da sola del fatto ma comunque un piccolo frammento di babbo natale le resterà nel cuore e le darà la forza di crederci ciao e grazie da elenora.

eleonora 05/12/2010

mi chiamo graziella è ho 39 anni e mia figlia 9 lei non sa ancora che babbo natale non esiste... Come devo dirglielo??

graziella (BG) 05/12/2010

sn eleonora ed è megli che tu glelo dica con tranquillita (leggere il mio commento sopra)lei vedrai che all'inizio ci starà male ma con il tempo capirà e nn si arrabbierà perchè crederà a babbo ma in modo diverso sarà contenta di crederci vedrai prova ad ascoltare il mio consiglio ti sarà d'aiuto sa è fortunata ad avere una figlia così sognatrice.

eleonora 07/12/2010

Quando capiremo che in psicologia X non dà necessariamente e (soprattutto) scientificamente Y, forse saremmo un passo leggermente più avanti. Non sta scritto scientificamente da nessuna parte il risultato della vostra scelta. Potrete dire a vostro figlio che Babbo Natale non esiste, potrete farglielo credere sino all'età che volete, potrete aspettare che se ne accorga da solo... in TUTTI i casi non c'è nessuna regola scientifica che dimostri che la vostra scelta sia giusta o sbagliata. Tutto è relativo, dipende dai casi e bisogna anche essere fortunati... qualunque scelta voi facciate, vostro figlio potrebbe vivere un effetto negativo così come potrebbe vivere un aspetto negativo; è come dire a vostro figlio che la droga fa male: sì, bravi genitori, ottimo insegnamento... ma non sta scritto da nessuna parte che vostro figlio, grazie al vostro insegnamento, non esca di casa e provi la droga. Potrete anche poi fumarvi una canna di fronte a vostro figlio... non c'è nessuna regola scientifica che dimostri che vostro figlio inizierà a fumare. Di conseguenza... fate come vi sentite. Ogni scelta ha aspetti positivi e negativi. Dipende come percepiamo la realtà... Nel mio caso, quando avrò un figlio, saprà fin dal primo Natale che Babbo Natale non esiste. Lo scioccherò oppure lo aiuterà a crescere un po' più forte? Non si sa, nessuno può darmi una risposta oggettivamente scientifica.

Alessio (CA) 14/12/2010

cari ragazzi mi chiamo miranda mukika e ho 10 anni be io ci credo a babbbo natale pero' legendo tutti i vostri commenti e la psicologa be non ci credo molto pero' per me non e una scoprire che babbo natale non esista trgedia quindi io vi direi di dirlo ai vostri figli quando compiano 8,9 anni se poi ci credono molto perche' infragere i loro sogni ciao amici.

miranda (VI) 02/12/2011

Babbo Natale non esiste stop!

GERONIMO (RM) 10/12/2011

io ho 12 anni e ankora i miei genitori nn mi hanno detto ke b.natale nn esiste ma io vi consiglio di dirglielo entro gli 8 anni  xke poi diventa intuitivo ke nn esiste ( ma dai una slitta volane tirata da renne magike) e poi quando glielo dite si arrabbierà xke lo avete  umiliato e vatto sentire male cn i suoi amici  fidatevi a 12! CIAO E BUON NATALE KE B. NATALE VI PORTI I REGALI

MISSY (VE) 05/03/2012

mio figlio ha 10 anni ed è molto fantasioso, ma sono convinta che sappia già da tempo tutta la verità su babbo natale perché un anno e mezzo fa mi raccontò preoccupato di un suo compagno di classe con un fratello maggiore che raccontava di come a portare i doni fossero i genitori. In tale occasione io risposi ambiguamente che ognuno aveva diritto di pensare quello che preferiva . Ero più che disponibile a chiarimenti , ma lui a quel punto non mi fece più domande come se preferisse non andare oltre. Ed io lo rispettai. Lo scorso Natale sono sicura che sapesse benissimo ma ha comunque scritto la letterina per il fratello e non mi ha più chiesto nulla . Pensavo di parlarne con lui all'avvicinarsi del Natale, ma sono stata preceduta: la giovane e zelante maestra di mio figlio, infastidita dal fatto che la gran parte della classe fosse ancora nel mondo delle favole, a metà della quarta ha imposto come compito una lettura chiarificatrice con tanto di questionario per le vacanze pasquali in modo da togliere ogni dubbio anche ai più recidivi. Ma io ho l'amaro in bocca, e mi chiedo se sia corretto che la scuola entri a gamba tesa in un fatto privato ufficializzando il passaggio , anzi imponendolo alle famiglie?? Non potevamo parlarne prima durante una riunione , magari poteva più delicatamente fornirci qualche consiglio o qualche strategia per far comunque risolvere la cosa a noi genitori senza intervenire direttamente . Sono arrabbiata , sapete se succede anche in altre scuole?

fulvia (MI) 12/04/2012

Cose da matti!!! I bambini devono scoprirlo da solo!!!

Kogoro Hitsune (PC) 11/12/2012

Babbo Natale? Per mia madre era già una TRAGEDIA fare l' albero di natale, in quanto brillantini e (finti) aghi di pino cadevano a terra e lei, lavorando tutta la settimana, si ritrovava a dover pulire casa dai vari brillantini di cui le vecchie ed artistiche palline in vetro erano piene, nonostante i tanti natali passati, essendo quasi un cimelio di famiglia, cui avevo divieto di 'tocco'. E questi erano solo i preliminari dei miei 'natali di merda' (mi si passi il termine un po' forte ma molto esplicito nello descrivere il mio rapporto, ancora attuale, con le feste natalizie!). Poi guai ad avere parenti per casa (non i nonni che poveretti, conoscendo la filosofia delle loro figlia, optavano per ospitarci a casa loro!); ma non andava neanche bene ad andare da altri, perchè prima o poi si sarebbe dovuto contraccambiare, non per questioni economiche, ma pratiche di logistica: mia madre era segretaria di dirigenza di una grande industria automobilistica, per cui il cucinare, il resettare e figurarsi l'ospitare qualcuno erano un lavoro IMMENSO ed INSORMONTABILE, per cui meglio ognuno a casa sua, Babbo Natale compreso (magari con gli stivali bagnati di neve e sporchi di escrementi di renna chissà quale untume poteva provocare. Risultato, ora che ho quasi 50 anni odio ancora le feste di Natale a tal punto che avrei voglia di tagliare gli alberi di Natale delle varie piazze con un motosega: poi grandi menti sostengono che il 'mistero' di Babbo Natale non è poi così importante..... Comunque, buone feste a tutti....

Claudio (CN) 25/12/2012

ma che cosa vuol dire "Babbo Natale di mamma e papà" "Babbo Natale della nonna" Lo dice anche mia suocera e mio figlio la guarda come se fosse scema.

PAOLA CERAGIOLI (MI) 26/12/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ferro al neonato
Nel neonato il fabbisogno di ferro è assai elevato a causa della sua rapida crescita in statura e in peso.
Incontinenza sfinterica
Incontinenza sfinterica può intendersi come incontinenza fecale (encopresi) o urinaria (enuresi).
Test di Coombs diretto positivo nel neonato. Posso affrontare una seconda gravidanza?
Il mio primo figlio da neonato aveva il test di Coombs diretto positivo. I rischi di una seconda gravidanza? L'incompatibilità di gruppo sanguigno AB0.
Consigli per l'alimentazione in gravidanza
La dieta per la mamma in gravidanza. Tutti i consigli per una corretta alimentazione.
Ha la mascella in fuori
Da un controllo risulta che mio figlio ha la mascella in fuori. Mi hanno parlato di impalcature esterne che però potrebbero risultare inefficaci.

Quiz della settimana

Quale tra le seguenti affermazioni riguardanti i mucolitici è corretta?
Modificano la consistenza del muco rendendolo più fluido
Rompono i legami chimici tra le molecole proteiche che compongono il muco
Aumentano la velocità con cui le cellule della mucosa bronchiale eliminano il muco
Tutte le risposte sono esatte