ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Allattamento al seno: ragadi del capezzolo

Allattare al seno può essere doloroso: dipende da quanto profonde sono le ragadi del capezzolo. Quando le ragadi si sono ormai formate può essere utile l'applicazione di creme cicatrizzanti.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Sono una mamma che allatta e cominciano a crearsi delle piccole fissurazioni dei miei seni (ragadi al capezzolo?). Vorrei qualche consiglio per curarle: devo smettere di allattare?

Le ragadi sono lacerazioni lineari, soluzioni di continuo della cute del capezzolo su base microtraumatica; sono fissurazioni senza perdita tissutale che compaioni sulla cute del capezzolo con una frequenza notevole nel corso dei primi giorni di allattamento. Sono molto fastidiose e quando il lattante si attacca al seno il dolore può essere molto vivo. Oltre a cioò, le ragadi possono essere la prima porta d'ingresso per i germi che poi possono provocare mastite. Per la cura delle ragadi si raccomanda che la poppata non sia troppo prolungata; prima e dopo la poppata il capezzolo deve essere ben pulito (bastano acqua e sapone) e successivamente ben asciugato.

ragadi capezzolo senoQuando le ragadi si sono ormai formate può essere utile l'applicazione di creme cicatrizzanti. In qualche caso sono anche sanguinanti e non bisogna spaventarsi se nelle feci del bambino vengono rinvenute tracce di sangue, che è stato aspirato insieme al latte. Se questa patologia non è troppo dolorosa e le ragadi non sono estese nè molto profonde può essere continuato l'allattamento al seno, magari usando un adatto paracapezzolo.

1/7/1997

15/7/2015

I commenti dei lettori

Io ho avuto le ragadi per due mesi... ed ho pianto tanto, mi si sono deformati i capezzoli, e non sai quanto sangue ho visto uscire però... Dopo 15 mesi sto ancora allattando grazie ai consigli che mi ha dato una consulente del latte (un'ostetrica da cui sono andata a pagamento, visto che in ospedale non mi aiutavano). Il mio problema è che ho il capezzolo piatto e nessuno (neanche le mamme) mi avevano mai detto che all'inizio che la bimba era piccola serviva stimolare un pò il capezzolo per farlo uscire in fuori. Solo così la bimba lo prende bene in bocca e non ti si formano più le ragadi e anzi ti guarisco quelle che hai senza bisogno di cicatrizzanti. Quanto ai germi ti direi che il latte di mamma è sterile: esistono attorno al capezzolo delle giandole (adesso non ricordo il nome) che stimolate dalla suzione secernono una sostanza disinfettante. Poi come di regola x tutte le ferite, lascia il seno libero ('all'aria' ti direi- ma basta una maglia di cotone bianca di taglia comoda indossata senza biancheria intima). Credimi dopo due mesi di stenti (mi stava pure finendo il latte per l'errata suzione di mia figlia) in una settimana sono passate tutte cose, e nel giro di un mesetto la produzione del latte è tornata ad essere quella necessaria per mia figlia (che ha recuperato alla grande e anche di più sul peso!!!). In bocca al lupo, Tiziana.

Tiziana (RM) 22/06/2011

Accertato che l'attacco sia corretto e, fatto un consulto con un'ostetrica (sono le figure migliori che possono capire questo problema) se le ragadi ci sono io ho risolto usando uno specifico reggiseno in fibroina di seta con antimicrobico. Consigliato dalla pediatra mi ha permesso di gioire del periodo dell'attamento. Prima di scoprirlo vedevo le stelle, pingevo dal male. Indossato in brevissimo tempo ho risolto perchè mi ha tolto da subito il dolore e in poco tempo sistemato la pelle del seno.

vanessaroc (TE) 04/04/2013

ciao a tutti sono mamma da una settimana e allatto solo che ho le spaccature del capezzolo e quando allatto ho dolori....ho provato di tutto e ora sto provando una crema cicatrizzante di nome CICALFATE......i miglioramenti sono pochi e non so cos'altro fare....

angela (BA) 14/04/2013

Anche io ho avuto le ragadi già dal primo giorno praticamente...La bimba era famelica e io avevo un dolore insopportabile, quando si svegliava per mangiare mi mettevo a piangere ancora prima che si attaccasse al solo pensiero del dolore che mi aspettava. Non ho risolto in nessun modo, il paracapezzolo la mia bimba non lo voleva, siamo andate avanti 2 mesi con olio Vea. Quando le ragadi stavano guarendo...è finito anche il latte...

titti (AL) 16/04/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allattamento al seno: ragadi del capezzolo"

Seno ingrossato nel neonato
È normale che il neonato abbia il seno ingrossato. Si tratta della crisi genitale, un fenomeno ormonale che passerà da solo.
Ha un capezzolo in più
Gli hanno riscontrato un capezzolo in più sul torace. Molto spesso il reperto passa inosservato. Non bisogna fare alcun controllo.
Ragadi anali
La stipsi determina emissioni di feci dure, secche, di grosse dimensioni che provocano delle piccole ragadi anali.
Rigonfiamento del capezzolo in un ragazzo adolescente
Il rigonfiamento del capezzolo in un ragazzo adolescente è un fenomeno fisiologico che che si presenta in più di due terzi dei ragazzi al momento della pubertà.
Allattamento al seno: non vuole attaccarsi
Il neonato non si attacca al seno. Qualche suggerimento per non rischiare di perdere il latte della mamma.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Incontinenza sfinterica
Incontinenza sfinterica può intendersi come incontinenza fecale (encopresi) o urinaria (enuresi).
Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.
Una cistografia senza catetere
La Cisto-scintigrafia indiretta si differenzia dalla diretta per la mancata introduzione di un catetere "direttamente" in vescica.
Maschio o femmina? Il sesso del nascituro
Maschio o femmina? A quasi tutti i futuri genitori capita di provare una certa curiosità di sapere, forse per prepararsi meglio psicologicamente all'incontro.
Sindrome di Poland
La sindrome di Poland è una malattia rara che è caratterizzata da anomalie unilaterali che colpiscono i muscoli del torace o di un arto superiore.

Quiz della settimana

Qual e' un sinonimo di "globuli rossi"?
Eosinofili
Eritrociti
Leucociti
Monociti