ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Fuoco di Sant'Antonio

Il "fuoco di Sant'Antonio" (o "Zoster", in termini più tecnici) altro non è che una manifestazione a distanza della varicella.

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Qualche sera fa è venuta a trovarci un'amica di famiglia che abbiamo saputo essere affetta dal cosiddetto "fuoco di sant'Antonio" (non conosco il termine scientifico). Siccome abbiamo un bambino di circa un anno, temiamo ora che possa essere stato contagiato o che noi stessi l'abbiamo contratto, sebbene pensiamo di non avere avuto alcun contatto con questa persona. Vorrei sapere che malattia è, in che modo si trasmette il virus e quali possono essere, eventualmente, le conseguenze per il bambino. Inoltre vorrei sapere in che modo si può accertarsi di un'eventuale infezione del virus dato che da quello che sappiamo esso rimane latente anche per molto tempo nel sistema nervoso.

Il cosiddetto "fuoco di Sant'Antonio" (o "Zoster", in termini più tecnici) altro non è che una manifestazione a distanza della varicella; ed infatti, il virus in causa è il medesimo: il virus VZ (Varicella-Zoster), della famiglia degli Herpes. Dopo una varicella può succedere che il virus non venga del tutto eliminato dall'organismo e che, invece, rimanga nascosto all'interno dei nervi di una qualunque zona del corpo; protetto dalle guaine che rivestono i nervi, al cui interno gli anticorpi non possono entrare, il virus rimane confinato per anni in forma cosiddetta "latente", cioè in uno stato vitale ma senza riprodursi. Non abbiamo alcun esame che ci permetta di dire se il virus è presente in questo stato.

A distanza di tempo, anche di decine di anni, il virus può uscire dalla sua prigione e iniziare a moltiplicarsi. Ciò accade per cause non chiare, ma certamente legate ad uno stato più o meno grave di deficit delle difese immunitarie: terapie per malattie tumorali, malattie che causano immunodepressione, uno stato di stress prolungato o di debilitazione, l'età anziana. In tutte queste situazioni, le difese vengono meno e il virus può dare segni della sue esistenza; un po' come, nell'esperienza comune, succede con la "febbre" alle labbra, che è poi una malattia causata da un altro virus della stessa famiglia, l'herpes simplex. In altre parole, l'eruzione del fuoco di Sant'Antonio viene dall'interno e non richiede alcun contagio recente.

zoster - fuoco di sant'antonioLa malattia vera e propria consiste in una eruzione di piccole vescicole, raggruppate "a grappolo" in una stessa zona corporea (detta "metamero"), che in pratica è data dal decorso del nervo in cui il virus era nascosto; la localizzazione più frequente è il torace, lungo il decorso delle coste, ma particolarmente fastidiosa e pericolosa è la localizzazione al volto. L'eruzione è accompagnata da un vivo dolore e bruciore ("fuoco", appunto) e dura diversi giorni, per poi evolvere in croste e quindi scomparire magari per sempre. Se il malato è però molto debilitato, l'eruzione può diffondersi a tutto il corpo e diventare, in pratica, una seconda varicella.

Per quanto riguarda il contagio, il virus è contenuto nelle vescicole in fase umida (primi giorni di malattia) e quindi occorre venire a contatto con le lesioni. Non è così, invece, nella varicella, in cui il virus è eliminato anche con le goccioline di saliva e quindi ci si può contagiare semplicemente parlando.

Se il contagio è avvenuto, il bambino può sviluppare una varicella; vista l'età, il suo Pediatra valuterà se iniziare un trattamento con acyclovir all'inizio dei sintomi.

1/8/1997

13/7/2015

I commenti dei lettori

Mio papà (76 anni) l'anno scorso ha avuto il fuoco di sant 'Antonio sulla schiena, in seguito a debilitazione perché aveva epatite B ed EPATOCARCINOMI.  Lo ha potuto curare solo con creme antivirali a uso topico nn potendo prendere nulla per bocca. Ha impiegato più tempo ma poi se ne andato così come era venuto. Non ha più avuto quel disturbo si è ripreso ed ora sta bene.

monica (MI) 10/06/2011

Sei mesi fa  per otto giorni ho sentito dei dolori nella schiena come se avessi ricevuto le legnate, poi la settimana seguente  mi è scoppiato  nella schiena e sotto al seno il fuoco di s. Antonio. Ho ancora i dolori!!! Ma quanto durano? Ogni tanto sento uno spillo nel punto che evidentemente è stato colpito, oppure la schiena dolorante, o ancora bruciante. Se mi dicono che i dolori possono durare anche un anno mi metto il cuore in pace. Ho sempre con me un cuscino per il ristorante, un concerto, ovunque;  ormai cuscino ed io siamo inseparabili. Sto ancora prendendo la Lyrica ma non vorrei continuare a lungo. Per fortuna quando sono a letto, coricata sul cuscino di piume sto bene! Ho preso vitamina B, bustine di papaia che aiutano le difese immunitarie, ma ora vorrei smettere! Se qualcuno ha avuto lo stesso problema per lungo tempo...mi consoli! Grazie e ciao

oretta (PV) 17/03/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Fuoco di Sant'Antonio"

Il vaccino della varicella
Come agisce il vaccino contro la varicella? La sola prima dose protegge dal contagio?
Varicella nei bambini
La varicella nei bambini: come fare per alleviare i sintomi, il classico prurito e cosa fare in caso di febbre.
Varicella del neonato: gli anticorpi della mamma possono prevenirla?
Se il fratello maggiore contraesse la varicella, il neonato sarebbe a rischio di contagio.
Prevenire il contagio della varicella
Non esiste portatore sano di varicella: il contagio avviene per contatto diretto con le lesioni o per via aerea, anche due giorni prima dell'esantema.
Acyclovir per la varicella
Perché alcuni pediatri sono restii a somministrare l'acyclovir in caso di varicella? I consigli del Pediatra.
Varicella in un neonato
E' vero che grazie all'allattamento il neonato è protetto dai miei anticorpi contro la varicella? La risposta del pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Gravidanza: credenze e luoghi comuni
Luoghi comuni, fantasie, leggende, credenze popolari sulla gravidanza. Un viaggio fra voglie e segni premonitori, per sorridere insieme, senza stress.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.
Si blocca quando viene richiamato dalle maestre
A scuola si blocca quando viene richiamato dalle maestre. A cosa è dovuta questa paura? I consigli per fargli superare questa fase.
Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Idronefrosi: un difetto al rene trovato nell'ecografia in gravidanza
Idronefrosi nel nascituro: un difetto al rene trovato nell'ecografia eseguita in gravidanza.

Quiz della settimana

Avete notato, sulla cute del vostro piccolo di due anni, una decina di macchie color caffè-latte. Che cosa fate?
Nulla
Cercate di approfondire la diagnosi
Aspettate che sia più grande per farlo vedere ad un dermatologo
Pensate che si tratti di nei della pelle