ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

La permanente ai capelli durante la gravidanza

Durante il corso della gravidanza è opportuno non tingersi i capelli poiché le sostanze chimiche contenute nelle tinture sono in grado di passare nel sangue materno e da qui nella placenta.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

1° domanda: sono incinta da tre mesi: posso tingermi i capelli o farmi la permanente?

2° domanda: mia moglie sta allattando da due mesi e si chiede se può creare problemi il farsi fare una permanente o dei trattamenti speciali del capello.

Durante tutto il corso della gravidanza è opportuno non tingersi i capelli poiché le sostanze chimiche (in particolare sali ossidanti e parafenilendiamine) contenute nelle tinture sono in grado, attraverso i vasi sanguigni che nutrono il cuoio capelluto, di passare nel sangue materno e da qui, attraverso la placenta, possono venire a contatto con il feto. Nulla vieta però di ricorrere a tinture a base di sostanze vegetali come la camomilla o l’henné, facilmente acquistabili in erboristeria. Per quanto riguarda la permanente, in genere si utilizzano degli acidi che servono a rompere i ponti solfurici del capello, cioè quelli che gli danno la forma e la struttura.

Queste sostanze potrebbero entrare nel circolo sanguigno e da qui raggiungere il prodotto del concepimento: di conseguenza anche questo tipo di trattamento dei capelli è vietato. Al massimo si può eseguire una permanente molto leggera, solo sulle punte. È possibile invece sottoporsi a meche, colpi di sole e flash, poiché le sostanze chimiche che vengono usate vengono a contatto solo con il capello, e non con il cuoio capelluto. Anche la stiratura con la piastra può essere eseguita senza alcun problema. Non esistono invece prove che l’uso dei prodotti per capelli, come tinture e permanenti, da parte della madre che allatta abbia un effetto sul bambino. È comunque buona norma seguire, se possibile, le indicazioni già date per la gravidanza.

1/4/1999

13/5/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La permanente ai capelli durante la gravidanza"

Allattamento al seno: è nutriente il mio latte?
Uno dei timori più diffusi nelle mamme durante l'allattamento al seno è di sapere se il proprio latte sia più o meno nutriente.
Allattamento al seno: quali vantaggi?
L'allattamento al seno rappresenta in assoluto il miglior tipo di alimentazione per il bambino nei suoi primi mesi di vita.
Allattamento al seno: da che lato attaccarlo al seno?
E' consigliabile iniziare ogni allattamento con lo stesso seno con il quale si è terminata la poppata precedente.
Allattamento al seno: quando posso smettere di allattarlo?
A che età si può interrompere senza problemi l'allattamento al seno? I consigli del pediatra.
Si può allattare in gravidanza?
Non esiste prova che l'allattamento in gravidanza comporti pericoli per la madre o per il feto.
Perdere i capelli quando si allatta
Perdere i capelli quando si allatta è una conseguenza del mancato influsso positivo degli ormoni della gravidanza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Calazio ricorrente
La terapia medica (colliri e pomate antibiotiche associate a cortisonici) può fare regredire i calazi, se instaurata in tempo.
E' morbosamente attaccata ai nonni
Da sempre i nonni coccolano e viziano i nipoti. E' un rapporto stupendo, fatto di giochi e di complicità.
Rigurgito nel neonato
Il rigurgito dopo i pasti è assolutamente normale e non preoccupante, a patto che il neonato cresca normalmente.
Fino a quando sterilizzare il biberon?
La sterilizzazione degli oggetti destinati a essere introdotti in bocca è assolutamente necessaria almeno nei primi 4-5 mesi di vita.
La montata lattea
Normalmente la montata lattea arriva circa 5 o 6 giorni dopo il parto. I consigli del Pediatra.

Quiz della settimana

Cosa è la malattia di Kawasaki?
Colpisce giovani adolescenti che vanno molto in motocicletta
E' un tipo di tumore che colpisce soprattutto i bambini giapponesi
E' una malattia dei vasi sanguigni
E' una malattia inventata