ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Vaccinazioni in gravidanza

Le vaccinazioni in gravidanza non sono vietate. I rischi e i benefici di una possibile vaccinazione devono comunque essere considerati caso per caso.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

La regola generale sulle vaccinazioni in gravidanza dice che:

  • I vaccini uccisi o inattivati e quelli costituiti da tossoidi o polisaccaridi, in generale, possono essere somministrati in gravidanza.
  • I vaccini vivi sono generalmente controindicati per i potenziali rischi sul feto.

Le vaccinazioni che possono essere praticate in gravidanza. I rischi e i benefici di una possibile vaccinazione devono comunque essere considerati caso per caso.

Il vaccino contro l'influenza

Il vaccino antiinfluenzale  è costituito da virus uccisi o da loro sub unità. Il suo impiego in gravidanza non sembra associato ad un aumento del rischio di reazioni avverse superiore a quello presente nella popolazione generale, mentre l’influenza contratta in gravidanza risulta associata ad un aumentato rischio di complicanze.
In caso di influenza  il rischio di ospedalizzazione per complicanze cardiorespiratorie è di circa 1,5 volte nelle settimane di gravidanza tra la 14°-20° , aumenta sino a 5 volte presso il termine.
Nel terzo trimestre il tasso di ospedalizzazione per complicanze  è 250/100.000 donne, simile a quello delle donne non in gravidanza con condizioni mediche di rischio.

Per questo motivo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda la vaccinazione antiinfuenzale in ogni epoca di gravidanza. OMS sottolinea la mancanza di studi sull’utilizzo del vaccino nel I° trimestre, ma per l’assenza di prove contrarie e la provata sicurezza dei vaccini a virus inattivato ( es . Tetano ) , il rapporto beneficio/rischio risulta vantaggioso per la gestante e il feto.

In Italia, secondo la Circolare del Ministero della Salute su prevenzione e controllo dell’influenza 2005-2006, tra le categorie di rischio per le quali è indicata la vaccinazione antiinfluenzale, sono comprese le donne nel secondo e terzo trimestre di gravidanza durante la stagione endemica, anche in assenza di condizioni mediche predisponenti.

1/12/2009

3/9/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cambiare casa: è importante far partecipare il bambino
Cambiare casa: è importante far partecipare il bambino. I consigli della psicologa.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.
Togliere o no i denti da latte?
E' necessario rivolgersi all'ortodonzista che è in gradi di valutare se è necessaria l'estrazione del dente da latte.
Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Pressione bassa nel bambino
Mio figlio di 10 anni soffre di pressione bassa. Da che cosa può dipendere? Se l'alimentazione è varia, non sono necessari gli integratori.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa