ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Tricotillomania: gioca con i capelli e se li strappa

Mio figlio di otto anni gioca con i capelli fino al punto di avere formato una chiazza senza capelli. E' consigliabile una visita dermatologica per escludere una causa organica.

a cura di: Dott.ssa Monika Runggaldier (psicopedagogista della redazione di www.educare.it)

Mio figlio di otto anni ha l'abitudine di torcersi, in maniera continua e insistente, dei ciuffi di capelli fino al punto da avere formato una chiazza, di piccole dimensioni, sulla sommità del capo. Desidererei sapere quale atteggiamento adottare nei confronti del bambino, ovvero se può risultare controproducente continuare a dirgli di smettere e, inoltre, se il cuoio capelluto può risentirne in futuro.

Il comportamento di torcersi o tirarsi i capelli fino a strapparli si chiama "tricotillomania". Come primo passo necessario, consiglio una visita dermatologica per escludere una causa organica (malattia che genera prurito, ad esempio, oppure una carenza nutrizionale) del persistere del comportamento del piccolo.

Solamente esclusa qualsiasi componente organica causante o concausante, si potrebbe procedere ulteriormente ad analizzare il comportamento del bimbo. Sarebbe interessante osservare in quali occasioni il bambino tende a torcersi i ciuffi e a conoscere un po' meglio il piccolo, le sue ansie e le sue gioie. Potrebbe, molto semplicemente, trattarsi di un'abitudine simile a quella di chi si mangia le unghie nelle situazioni più svariate (di concentrazione e interesse, ma anche in situazioni di ansia, imbarazzo, disagio).

Potrebbe però trattarsi anche di movimenti compulsivi ("rituali inconsapevoli"), la cui natura sarebbe da verificare ulteriormente. Cosa dicono le insegnanti del comportamento di suo figlio? Se e in quali occasioni, a scuola, il bambino si torce i ciuffi? Il discorso va approfondito.

Qualunque sia la causa che sta alla base del comportamento di suo figlio, penso che non abbia senso continuare a dirgli di smettere.

2/7/2001

24/9/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Tricotillomania: gioca con i capelli e se li strappa"

Alopecia: perdita dei capelli
La alopecia o perdita di capelli nei bambini è dovuta a molteplici fattori in età pediatrica, fra cui traumi ed in particolare tricotillomania.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fecondazione: come avviene
Ecco come avviene la fecondazione: in una "gara" fra spermatozoi per la fecondazione dell'ovulo l'inizio della vita.
La crescita del bambino
Il pediatra, per controllare se la crescita e lo sviluppo procedono regolarmente, confronta le misure del bambino con tabelle standardizzate.
Prurito vaginale insistente
Ho una bambina di otto anni che da circa due anni soffre di prurito vaginale insistente. Cause e terapia.
Bendaggio dell'occhio
Il trattamento per l'ambliopia prevede il bendaggio dell'occhio, cioè la copertura dell’occhio sano con un cerotto o bendaggio per riattivare "quello pigro".
Il bagnetto del neonato
Il bagnetto del neonato è un rituale che può sembrare complicato all'inizio, ma poi diventa un bel momento di gioco. Come comportarsi.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa