ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Varicella nei bambini

La varicella nei bambini: come fare per alleviare i sintomi, il classico prurito e cosa fare in caso di febbre. I consigli dei nostri esperti.

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Sono la mamma di una bambina di 10 mesi e di un bambino di 3 anni. Ho contratto la varicella e temo che anche i bambini siano stati contagiati. La cosa che più mi sta esasperando è il disaccordo dei medici circa il trattamento del mio caso. Anzittutto il mio medico di famiglia non ha voluto prescrivere l'Aciclovir in quanto ha ritenuto che gli effetti collaterali possono essere più fastidiosi della malattia stessa. Mi è stato sconsigliato anche l'uso del talco mentolato per alleviare il prurito. Attualmente, ancora nella fase acuta, sto usando un antistaminico (Oxatomide) che ho acquistato senza prescrizione. Sono particolarmente preoccupata per l'eventuale contagio della bambina di 10 mesi che, per giunta, è attualmente affetta da otite media e trattata con antibiotici. Gli antibiotici non la renderanno più debole di fronte al virus della varicella? Inoltre, visto che ha meno di due anni e l'Aciclovir sembra essere sconsigliato, in che modo potrà essere curata? Come potrà essere alleviato il prurito in sede locale? E' consigliabile il bagnetto? Come evitare le cicatrici se dovesse malauguratamente grattarsi?

La terapia della varicella prevede sia misure dirette ad alleviare il fastidio provocato dalla malattia (febbre, prurito, tosse), sia un farmaco che combatte direttamente il virus che la causa. Meglio ancora sarebbe prevenirla con la vaccinazione.

Alleviare i sintomi della varicella

Per alleviare il prurito è corretto utilizzare al bisogno degli antistaminici (oxatomide va bene anche nei lattanti), fare il bagno anche tutti i giorni (ovviamente, con la dovuta attenzione a non frizionare troppo sulle vescicole) e applicare sulla pelle del latte idratante. Il talco mentolato non è particolarmente utile, in quanto con la sudorazione si raggruma, peggiorando il fastidio; inoltre, nei piccoli è decisamente sconsigliato l'uso di qualsiasi polvere (talco in genere), per il rischio che venga inalata.

In caso di febbre, si raccomanda l'uso del paracetamolo; l'aspirina (acido acetilsalicilico) è invece vietata nella varicella, in quanto sono stati segnalati alcuni casi di reazione indesiderata (sindrome di Reye: malattia molto grave caratterizzata dall'associazione di encefalite ed epatite).

Per la tosse, si possono usare dei sedativi, scegliendo fra quelli centrali (sconsigliati nei lattanti) e periferici.

Non esiste alcun sistema per impedire l'esito in cicatrice di alcune lesioni.

La terapia antibiotica in corso o appena smessa non ha lacuna interferenza con la varicella: nè la previene (in quanto non è attiva sui virus), nè la favorisce. L'antibiotico, infatti, contrariamente a quanto alcuni credono, non "indebolisce" l'organismo; semmai, sono le otiti ricorrenti ad indebolirlo.

Curare la varicella

Per quanto riguarda la terapia causale (cioè diretta verso le cause) della varicella, l'unico farmaco efficace è l'aciclovir; anzi, da questo punto di vista, le malattie da herpes (varicella, zoster, herpes labiale e genitale) sono le uniche malattie virali curabili con un farmaco specifico.

Dopo una fase di studio durata molti anni, in cui il farmaco veniva usato solo in situazioni alto rischio (ad esempio, nei bambini in trattamento per leucemia o turmore, nei quali la varicella era spesso mortale), attualmente si ritiene che esso sia sufficientemente sicuro da essere utilizzato regolarmente in bambini sani. Anzi, essendo i lattanti una delle categorie a rischio di sviluppare una malattia più severa (insieme agli agli immunodepressi, adolescenti e ai "contagiati in casa", cioè a quelli che prendono la varicella da un familiare convivente), proprio a loro si raccomanda attualmente la terapia con aciclovir per bocca. Perchè sia efficace, la cura va iniziata nel primo giorno di malattia, cioè alla comparsa delle prime vescicole. Essa non sembra in grado di prevenire le complicazioni, ma almeno allevia la sintomatologia e la durata della malattia.

Il vaccino contro la varicella

Da qualche anno è disponibile in Italia un vaccino contro la varicella. Alcune Regioni lo hanno inserito nel proprio calendario vaccinale, altre no. Esso può comunque essere acquistato in farmacia. Io, ma ovviamente non sono l'unico, penso che la vaccinazione sia utile, anche se la malattia spesso decorre in forma lieve.

 

1/1/1998

28/4/2013

I commenti dei lettori

AGGIORNAMENTI

12 Marzo 2010. L'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha revocato l’Autorizzatione dell’immissione in Commercio dell'antistaminico "Tinset prima infanzia 0,25% gocce orali sospensione" per l'assenza di un significativo beneficio terapeutico del dosaggio 0,25% nella fascia di popolazione approvata (prima infanzia), e per il rischio di sovradosaggi. L'AIFA ha comunicato, inoltre che l'unica formulazione orale liquida che rimane in commercio, Tinset 2,5% gocce orali sospensione, viene controindicata all'uso nei bambini di età inferiore ad 1 anno (da Medico e Bambino). Dr Fabio XXXXXX, Pediatra, Milano

FABIO FOCARILE (MI) 29/11/2010

Io ho un bimbo di quattro anni con la varicella e mi hanno dato aciclovir, tinset (antistaminico) e anche il talco mentolato. Mi hanno anche consigliato lo zovirax crema (lo stesso principio dell'acilovir) sulle vescichette in faccia o altri punti particolarmente esposti: tenendo a bada le pustole e il prurito evita il grattarsi e quindi diminuisce la probabilità delle cicatrici. A me è andata di lusso: mio figlio con queste curo non si gratta per niente :)

alessandra (MI) 03/12/2010

Ciao a tutti, sono Romina e mio figlio ha 9 mesi, ha fatto il 2°vaccino a settembre, ma da 2 giorni gli è venuta la varicella. la pediatra mi ha pescritto 5 gocce di tinset e 2 ml di zovirax sciroppo. Non ha avuto febbre alta, 37,1 circa; gli sono spuntati 2 linfonodi un pò grossi dietro l'orecchio, i quali un pò mi preoccupano..così come mi preoccupa la scritta "non dare il tinset al di sotto dell'anno!"  Le esperienze delle mamme le ritengo molto utili.

Romina (MI) 04/01/2011

Ciao a tutti e bentrovati, proprio oggi è 1 settimana che mia figlia è a casa con la varicella, fortunatamente tutto già finito...come ordinato dalla Pediatra ho somministrato immediatamente il Coclovir, per poco non andavamo a finire all'ospedale ! La Guardia Medica mi ha rimproverata per il fatto di dover per forza somministrare qualcosa nelle normali malattie infettive dei nostri bimbi...ora sono d'accordo...lasciamo che sfoghino così come facevano le nostre mamme con noi, io ho usato il talco Vitamindermina, molto più delicato del Mentolato, semplice gel all'Aloe rinfrescante una volta uscite le crosticine! Ecco, esattamente dopo 7 giorni siamo di nuovo in forma! Buona Pasqua a tutte ed ai Vs. bimbi!!!

 

 

Tiziana (RM) 07/04/2012

I miei due figli hanno avuto entrambi la varicella, in forma diversa, li lavavo con  amido e acqua calda a mò di pappetta senza strofinare sulle vescichette e per il prurito è stato molto valido applicare la lozione cytelium che secca le pustoline...

full (TS) 14/01/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Varicella nei bambini"

Atassia cerebellare dopo vaccinazione antimorbillo-rosolia-parotite
Ha sofferto di una atassia cerebellare benigna post vaccino morbillo-rosolia-parotite.
Vaccinazione contro la varicella durante l'allattamento
E' possibile vaccinarsi contro la varicella durante l'allattamento. Il vaccino puo' essere somministrato dal suo Medico curante.
Varicella in gravidanza
Contrarre la varicella in gravidanza è una situazione rara, ma non rarissima: leggi i nostri consigli.
Atassia cerebellare dopo varicella
Sebbene raramente, la varicella può complicarsi a livello neurologico con meningoencefalite o atassia cerebellare.
Farmaco antivirale in caso di varicella
I farmaci antivirali hanno un'efficacia limitata nella terapia dell'infezione da varicella. Tra le armi più efficace della prevenzione c'è la vaccinazione.
Il vaccino della varicella
Come agisce il vaccino contro la varicella? La sola prima dose protegge dal contagio?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Gravidanza: credenze e luoghi comuni
Luoghi comuni, fantasie, leggende, credenze popolari sulla gravidanza. Un viaggio fra voglie e segni premonitori, per sorridere insieme, senza stress.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.
Si blocca quando viene richiamato dalle maestre
A scuola si blocca quando viene richiamato dalle maestre. A cosa è dovuta questa paura? I consigli per fargli superare questa fase.
Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Idronefrosi: un difetto al rene trovato nell'ecografia in gravidanza
Idronefrosi nel nascituro: un difetto al rene trovato nell'ecografia eseguita in gravidanza.

Quiz della settimana

Avete notato, sulla cute del vostro piccolo di due anni, una decina di macchie color caffè-latte. Che cosa fate?
Nulla
Cercate di approfondire la diagnosi
Aspettate che sia più grande per farlo vedere ad un dermatologo
Pensate che si tratti di nei della pelle