ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Il vaccino della varicella

Come agisce il vaccino contro la varicella? La sola prima dose protegge dal contagio?

a cura di: Dott.ssa Chiara Gelmetti (pediatra)

Un ragazzo di 14 anni ha ricevuto la prima dose di vaccino contro la varicella. Circa 80 giorni dopo entra in contatto con un bambino che sta sviluppando la malattia. Interrompe i rapporti non appena appaiono le prime macchie. Il giorno dopo assume la seconda dose di vaccino. Mi chiedo: 1) la sola prima dose del vaccino ha potuto proteggerlo in qualche modo dal contagio? 2) l'aver ricevuto la seconda dose entro 30 ore dalla comparsa delle macchie sul bambino malato può aiutare a scongiurare il contagio? 3) è' necessario tenere il ragazzo lontano da persone che non hanno mai contratto la malattina/non sono vaccinate per il periodo in cui potrebbe incubare la malattia o 8-10 giorni dopo il possibile contagio?

La varicella è una malattia infettiva esantematica trasmessa da un virus della famiglia degli Herpes (Herper Zoster). Si tratta di una patologia estremamente contagiosa e la trasmissione avviene per via aerea attraverso un contatto diretto con il soggetto infetto.

La varicella ha un periodo di incubazione di 10-21 giorni, dopo il quale il bambino inizia a presentare i primi sintomi: solitamente febbricola e malessere generale seguiti a distanza d pochi giorni dalla comparsa dell’esantema caratteristico: papule pruriginose (cioè puntini rossi lievemente rilevati) che in poche ore divengono prima vescicole e poi, dopo alcuni giorni, croste.

Il decorso della malattia è nella maggioranza dei casi benigno, anche se ovviamente, come per ogni patologia, possono presentarsi, seppure raramente, delle complicanze. La gravità dei sintomi legati alla varicella è tuttavia maggiore in soggetti di età adolescenziale-adulta, in donne gravide, in neonati ed in persone immunodepresse.

Dopo questa breve nota introduttiva possiamo affrontare il tema del vaccino contro la varicella. Si tratta di un vaccino vivo attenuato e viene somministrato per via sottocutanea. Dovrebbero essere vaccinati adolescenti e giovani adulti non immuni, donne non immuni che lavorino a contatto con bambini o malati, familiari di persone immunodepresse.

Dal 2002 è possibile vaccinare i bambini sopra l’anno di vita e dal 2009 è in commercio in Italia un vaccino tetravalente in associazione a anti morbillo-parotite-rosolia. Il vaccino non deve invece essere effettuato a donne gravide, pazienti con deficit del sistema immunitario per malattie o terapie in atto ed i bambini di età inferiore a 12 mesi.

Lo schema vaccinale prevede una sola somministrazione da un anno di vita a 13 anni e due dosi distanziate di 4-8 settimane (ma qualora passasse più tempo si somministra comunque la seconda dose senza riprendere il ciclo dall’inizio) per soggetti di età superiore ai 13 anni.

Il vaccino è solitamente ben tollerato e conferisce una ottima protezione. In particolare studi hanno dimostrato, in soggetti fra uno e 12 anni, la presenza di anticorpi nel 97% dei bambini dopo la prima somministrazione. In soggetti di età superiore ai 12 anni si è visto che il 78% presenta anticorpi già dopo la prima dose ed il 99% dopo la seconda dose.

Bisogna inoltre ricordare che la somministrazione del vaccino entro tre giorni dal contatto con un soggetto infetto ha un’efficacia protettiva di circa il 90%.  Detto questo, per tornare al caso specifico possiamo fare alcune considerazioni.

Il ragazzo aveva già ricevuto una prima dose del vaccino quindi, essendo nella fascia di età oltre i 12 anni, aveva una probabilità del 78% di essere già protetto contro la varicella; se a questa aggiungiamo l’avvenuta somministrazione della seconda dose entro i tre giorni dal contagio, la probabilità che fosse protetto si eleva ulteriormente, come detto, ma la certezza del 100% non può essere ovviamente assicurata.

Per quanto riguarda il comportamento da tenere con le altre persone, non è indicata alcuna restrizione per la frequenza scolastica o di altre collettività da parte di soggetti che abbiano avuto un contatto ravvicinato (familiari e conviventi, compagni di classe...) con persone affette da varicella; nel caso specifico poi il ragazzo aveva ricevuto anche una profilassi.

Si deve tuttavia dire per correttezza che, come spiegato, la protezione non è del 100%, quindi una minima possibilità che sia stato contagiato esiste; pertanto una considerazione differente, a scopo prudenziale potrebbe essere fatta qualora il contatto nei giorni seguenti fosse con soggetti ad alto rischio, quali immunodepressi o neonati.

4/10/2010

25/3/2014

I commenti dei lettori

Salve, vorrei avere delle informazioni riguardo il vaccino contro la varicella. Volevo sapere se una volta somministrato posso tranquillamente entrare in contatto con tutti i tipi di persone, dalle donne in stato di gravidanza a gente immunodepressa. Ci sono restrizioni? e se si, solo nel caso di presenza di vescicole o in tutti i casi dopo la vaccinazione? grazie mille

irene (MC) 29/11/2011

Se mia figlia che ha 4 anni ha fatto il vaccino tetravalente, significa che ha una copertura anche per la varicella, giusto? e in piu ha fatto anche il vaccino del meningococco, ma il pediatra mi ha consigliato di fare anche quello dello streptococco. secondo lei sarebbe inutile sottoporre la bambina ad un altro vaccino, o il meningococco è sufficiente? grazie

FEDERICA (AV) 15/12/2012

Federica, in effetti il tetravalente è il vaccino combinato contro morbillo, parotite, rosolia e varicella, per cui la tua bambina è di fatto vaccinata contro la varicella. Ricorda però che servono due dosi per una copertura completa, per cui senti il tuo pediatra o il centro vaccinale per sapere se e quando è previsto il richiamo. La vaccinazione contro lo pneumococco (streptococco pneumoniae) è raccomandata sotto i tre anni o in bambini a rischio (cardiopatici, ad esempio) e poi negli anziani. Anche qui, chiedi al tuo pediatra se ci sono fattori particolari che ne giustifichino la somministrazione alla sua età.

Giuseppe Varrasi, Pediatra (BS) 16/12/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il vaccino della varicella"

La mamma ha la varicella
Se la mamma ha la varicella anche il neonato rischia di prenderla. Si consiglia di iniziare un trattamento con aciclovir.
Si può fare due volte la varicella?
Ha già avuto la varicella ed gli hanno prescritto l'Acyclovir. E' immune o potrà essere contagiato una seconda volta?
Le più comuni malattie dell'infanzia
Morbillo, Parotite, Pertosse, Rosolia, Quinta malattia, Scarlattina, Sesta malattia e Varicella.
Fuoco di Sant'Antonio
Il "fuoco di Sant'Antonio" (o "Zoster", in termini più tecnici) altro non è che una manifestazione a distanza della varicella.
Atassia cerebellare dopo varicella
Sebbene raramente, la varicella può complicarsi a livello neurologico con meningoencefalite o atassia cerebellare.
Epidemia di varicella a scuola
A scuola si ripetono casi di varicella, una vera epidemia. Cosa consiglia il Pediatra per prevenire il contagio. Esiste un vaccino per la varicella.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Consigli per l'alimentazione in gravidanza
La dieta per la mamma in gravidanza. Tutti i consigli per una corretta alimentazione.
Ecografia delle anche nei neonati
L'ecografia delle anche nei neonati è il miglior metodo per diagnosticare la "displasia congenita dell'anca".
Il bambino e l'ambiente
L'inquinamento sta diventando uno dei principali problemi della nostra epoca e causa danni alla nostra salute e all'ambiente.
Dieta di scatenamento
La dieta di scatenamento consiste nel provare una serie di alimenti per individuare quello responsabile dell'allergia.
Non racconta nulla di quello che succede a scuola
Quando le chiedo cosa ha fatto a scuola mi risponde che non sa, non si ricorda. E non ci racconta nulla. I consigli della psicologa.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta