ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ha predisposzione allergica

Va precisato che, nell'infanzia, un'allergia alle proteine del latte si riscontra nel 3-5% dei bambini al di sotto dei due anni di età

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Nei bambini con predisposizione atopica, allattati esclusivamente al seno (che quindi arrivano al sesto mese senza aver mai incontrato proteine vaccine) e che proseguono l'allattamento materno dopo l'inizio dello svezzamento non sarebbe opportuno posticipare l'introduzione di latticini (ad esempio il parmigiano nella minestrina) così come si raccomanda per gli altri alimenti allergizzanti (uova, pesce, ecc.), data l'incidenza elevata di allergie ed intolleranze alle proteine del latte vaccino nei bambini? Mia figlia non ha mai preso un biberon di latte ma, da quando aveva otto mesi, basta una quantità minima di qualunque latticino per provocarle un attacco di diarrea. Vi assicuro che imporre delle restrizioni dietetiche dopo l'anno, quando un bambino dovrebbe assaggiare un po' tutto e "prendere gusto" alla tavola, è molto fastidioso, per non parlare del problema strettamente nutrizionale che si pone quando cessa l'allattamento materno. Tutto per quel cucchiaino di parmigiano che secondo la mia pediatra era così importante....

Innanzitutto va precisato che, nell'infanzia, un'allergia alle proteine del latte si riscontra nel 3-5% dei bambini al di sotto dei due anni di età e quindi la frequenza non è così elevata come a prima vista può sembrare. In secondo luogo, si osserva molto spesso una graduale risoluzione spontanea dell'allergia alimentare dopo il secondo anno di vita, fino a scomparire in quasi tutti i bambini all'età di dieci anni, per cui i pazienti possono poi ingerire latte vaccino senza alcun disturbo. La frequenza delle reazioni avverse agli alimenti è invece più alta quando si considerino anche le reazioni da intolleranza. Infatti molte delle sindromi cliniche da latte vaccino sono sostenute da meccanismi diversi come, ad esempio, un deficit di lattasi (l'enzima che scompone il lattosio e ne permette l'assorbimento).

Ecco perché andrebbe accertato se la diarrea della bimba, quando assume derivati del latte, non sia causata da un deficit parziale o totale di lattasi, prima di imputare il quadro clinico all'allergia. Non colpevolizzerei poi eccessivamente la collega circa l'introduzione del parmigiano: consideri che anche nel latte materno c'è passaggio di proteine del latte, specialmente se alla mamma viene consigliato di bere molto latte per favorire l'allattamento. Giusto invece posticipare l'introduzione degli alimenti più allergizzanti (pesce, uovo).

30/7/2011

11/11/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ha predisposzione allergica"

Soffre di allergia al latte
L'allergia al latte vaccino è la sensibilizzazione alimentare più diffusa nei primi anni di vita. I consigli dell'allergologo.
Dermatite atopica: da quando va in piscina è peggiorata
La piscina può far peggiorare la dermatite atopica? L'acqua fa bene, ma il cloro può essere irritante.
Genitore celiaco e diabetico
Sono un genitore celiaco e diabetico: quando fare i primi esami a mia figlia per controllare se è celiaca anche lei?
Allergia ai pollini
Graminacee, parietaria, composite, olivo, betulla, pioppo sono i principali responsabili di allergia ai pollini.
Lo svezzamento nella storia
Fino alla metà del 1700 non esistevano indicazioni circa il metodo oppure gli alimenti più adatti per lo svezzamento.
Quando introdurre il glutine nello svezzamento
Il glutine deve essere introdotto nella dieta dello svezzamento del bambino dopo il sesto mese di vita.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura