ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Alimenti allergizzanti

Il consiglio è quello di cominciare sempre lo svezzamento con gli alimenti considerati generalmente meno allergizzanti quali brodo di verdure con carote, patate e lattuga.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Mio figlio ha sette mesi e mezzo ed ha iniziato lo svezzamento quando ne aveva cinque. Prende ancora tre pasti di latte materno: a colazione, a merenda nel pomeriggio e alla sera verso le 22:30, prima di andare a dormire. Mi hanno detto che, nel caso in cui il bambino prenda ancora il latte materno, le indicazioni più recenti consigliano l'introduzione di alimenti allergizzanti finchè il bambino è ancora "coperto" dal latte materno. Vorrei sapere se è vero e nel caso quale può essere un calendario di introduzione degli alimenti allergizzanti proprio per il bambino che prende ancora il latte materno.

Esistono due articoli recenti in cui viene rimessa in discussione una delle più consolidate convinzioni in fatto di alimentazione infantile e cioè quella che vuole lo svezzamento come un percorso da compiere per gradi, evitando i cibi solidi prima dei sei mesi per evitare le allergie.

Lo studio ha seguito 642 bambini fino all'età di cinque anni e ha scoperto che l'introduzione ritardata dei cibi solidi proteggeva da asma, allergie ed eczemi solo nel primo anno di vita, quindi perdeva ogni effetto e questo indipendentemente dalla presenza di una storia familiare di allergie ed asma.

Inoltre due alimenti per cui si consiglia di aspettare (le uova e il latte di mucca) facilitavano le allergie se dati troppo tardi. Infatti, se il bambino assaggiava per la prima volta uova e latte quando aveva più di anno, la probabilità di reazioni allergiche aumentava, rispettivamente, del 60% e del 70%.

Questo studio condotto in Germania afferma che ritardare lo svezzamento potrebbe aumentare il rischio di allergie ed eczemi fino a tre volte, invece di ridurlo come si credeva fino a oggi.

Nel contempo però un altro studio inglese pare giungere a conclusioni opposte: infatti i dati hanno rivelato che il rischio di allergie o eczemi ad un anno d'età triplicava, se lo svezzamento era cominciato prima dei quattro mesi. Inoltre, il rischio era dell'80% maggiore per i maschietti.

Secondo la mia esperienza di pediatra e di allergologo il consiglio è quello di cominciare sempre lo svezzamento con gli alimenti considerati generalmente meno allergizzanti quali brodo di verdure (la cottura ne riduce l'allergenicità) con carote, patate, lattuga.

Successivamente si prosegue con finocchio, fagiolini, sedano lasciando per ultimi legumi e zucchine. Crema di riso, mais e tapioca, carni bianche (coniglio, tacchino e agnello) (solo tardivamente vanno introdotti manzo e vitello), olio extra-vergine d'oliva. Si possono introdurre mela, pera, banana e, solo dopo l'anno, gli altri frutti: agrumi, pesca, albicocca, fragola e kiwi.  

E'  indubbio che la migliore profilassi dell'allergia è l'allattamento materno mentre per il latte vaccino è meglio aspettare almeno fino al 12° mese di vita del piccolo. Per tutto il primo anno, andrebbero evitati il bianco d'uovo, (il tuorlo può essere introdotto a partire dal 9° mese), i pomodori e gli agrumi.

Per tutti i cibi, poi, occorre controllare sempre  la loro freschezza e genuinità ed il fatto che siano privi di conservanti e additivi, mal tollerati dallo stomaco del piccolo.  L'allergia al pesce, che rappresenta uno degli alimenti più allergizzanti, presenta una elevata frequenza soprattutto nei paesi forti consumatori (Spagna, Norvegia, Svezia); nei bambini a rischio atopico è consigliabile la sua introduzione dopo il dodicesimo mese di vita.
 

11/6/2010

30/5/2017

I commenti dei lettori

mia figlia Elisa ha provato inizialmente la frutta dal 4° mese e la pappa dal5°, e non l'ha mai rifiutata. Essendo molto curiosa ha voglia di provare tutto e allora non abbiamo problemi, adesso mangia 2-3 volte al giorno la pappa, mangia la frutta dopo pranzo e lo yogurt alla frutta oppure con biscotti per merenda e la sera la pastina nella pappa. Certamenete non mangia grandi quantità alla volta ma abbastanza per essere sazia. Raccomando tanta pazienza a tutte le mamme.........



cristina (TE) 01/12/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Alimenti allergizzanti"

Le verdure surgelate
Si possono usare per l'alimentazione dei piccoli le verdure surgelate?
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Progetto "MiVoglioBene": svezzamento
Recenti indicazioni scientifiche raccomandano l'inizio della svezzamento al compimento dei 6 mesi.
Quando deve iniziare a bere l'acqua un neonato?
Allattando un neonato al seno non è necessario dare in più dell'acqua da bere.
Non sa ancora masticare
Mio figlio di 22 mesi non sa ancora masticare, cioè non deglutisce nulla che non sia liquido.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.
Mucoviscidosi o fibrosi cistica
La mucoviscidosi è una malattia caratterizzata dalla produzione di secrezioni ghiandolari particolarmente viscose e da alterazioni del pancreas e dei bronchi.
Animali in casa?
Animali in casa, si o no? Non vi sono controindicazioni, a patto che si seguano delle norme igieniche rigorose.
Il bambino iperattivo
Le cause dell'iperattività e deficit di attenzione e cosa fare se un bambino sembra iperattivo.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica