ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

uno specialista a tua disposizione

Come comportarsi se un bambino non mangia

È importante osservare se cresce, regolarmente, di peso e di altezza. Ma non solo: si deve capire il motivo per cui il bambino non mangia.

a cura di: Dott. Rodolfo Varani (pediatra)

Vorrei sapere quanto un bambino di 16 mesi è in grado di regolarsi in fatto di cibo. Premesso che mio figlio non ha certo l'aspetto di un bambino deperito e rientra perfettamente nelle tabelle di crescita, ci sono dei giorni che non ne vuole sapere del pranzo o della cena. Vorrei sapere come comportarmi. Forzarlo mi sembra sbagliato, anche perché è veramente difficile, ma anche assecondare questo capriccio forse non è giusto. Lascio correre oppure devo insistere?

La cosa più importante è controllare il peso del bambino e la sua statura nel tempo (attraverso le tabelle di crescita, dette anche curve dei percentili). Se i due parametri seguono delle linee di crescita (è il pediatra che in base alle sue curve di accrescimento deve interpretarle) con regolarità il problema non si pone. Ogni bambino può avere un senso di sazietà diverso dall'altro in base alla dieta (di cui non possiamo trattare in questa risposta perché ci porterebbe lontano). È chiaro che l'obeso lo ha diverso dal bambino magro o normale.

Ad ogni modo all'età del suo bambino - i terribili due anni - i rifiuti ed i capricci sono la regola sia per il cibo che per altre situazioni. Infatti così il bambino riesce ad affermare la propria personalità e va gestito con il solito buon senso. C'è da immaginarsi come si senta importante un bambino a 16 mesi nel camminare da solo e nel correre rispetto a quando si sentiva totalmente dipendente dai genitori. Così pure il bambino assapora delle sue "vittorie" che aumentano la sua fiducia in sé stesso dicendo: adesso cammino da solo e vado dove voglio io. Allo stesso modo può essere gratificato, dicendo... "adesso mangio quando mi pare e quello che mi pare".

Quindi è in questo modo di vedere che va anche gestito. Lo si lascia scorrazzare per casa, correre, ma se va in zone pericolose va fermato, consigliato e anche forzato. Lo stesso per il cibo. Forzarlo o acconsentire a tutto non va bene. È necessario osservare serenamente se il bambino cresce regolarmente in peso ed in altezza, cercare di capire anche il perché di certi rifiuti (gioca ad affermare la propria personalità o ha una vera e propria avversione per un determinato cibo?) e cercare di farlo adattare, senza forzature, alla nostra alimentazione.

24/5/2002

1/1/2000

I commenti dei lettori

Mio figlio ha nove mesi è ancora non vuole accettare il cucchiaino e le varie pappe per l'alimentazione. Gli omogenizzati in genere gli fanno venire i conati di vomito,preferisce la pastina e la carne bollita tritata,ma anche cosi dopo tre o quattro cucchiaini si rifiuta di aprire la bocca.Per questo gli do ancora dai quattro ai cinque biberon di latte al giorno che beve con piacere. I suoi parametri di crescita sono più o meno nella norma,ma non so proprio come comportarmi per aiutarlo nel fargli apprezzare il cucchiaino. Grazie Linda.

linda (OT) 10/11/2010

Ho un bambino di 13 mesi che finora ha mangiato di tutto dalle verdure alla carne al pesce non faceva storie di nessun genere e io mi sentivo appagata dal momento che tutto quello che mangiava compresa la frutta fresca senza distinzione gliela preparavo con le mie mani quindi immaginate che soddisfazione! ma poi e successo che da qualche settimana sta facendo dei veri e propri capricci inizia a mangiare ma poi dopo un paio di cucchiai si rifiuta categoricamente e cerco in tutti modi di prenderlo x le buone ma a volte e veramente difficile.Ora mi chiedo ma perchè adesso si comporta cosi è una cosa passeggera o e solo l'inizio?A volte non so come comportarmi sono preoccupata forse perchè finora non e mai sorto questo problema cosa fare?Grazie.

Antonia (TV) 02/12/2010

Mia figlia di 3 anni oogni volta che deve venire a tavola comincia a fare capricci, non le va bene quello che viene preparato,anche se non è niente di diverso da quanto mangia solitamente e spesso neanche lo assaggia. In genere non ha grande interesse per il cibo e se fa un pasto completo a pranzo a cena mangia poco o nulla. I 2 fratelli più grandi, anche loro sempre restii dal sedersi a tavola, soprattutto se vuol dire interrompere un gioco o la visione della TV, dopo poco si siedono e mangiano con una certa regolarità. Come possiamo serenamente convincerla? grazie

roberto (VI) 14/12/2010

Non obbligate mai i bambini a mangiare!!!! Si regolano da soli e spesso è più un problema nostro, che ci aspettiamo mangi più di quanto può fare. consiglio "il mio bambino non mi mangia" di C. Gonzales.

Sara (VA) 30/01/2011

Salve,mio figlio ha 21 anni e ancora siamo fermi a brodini vegetali con pastina tipo "risoni" o "maccheroncini"...ho provato ad inserirgli le farfalline e le pennette dei piccolini barilla ma senza speranze...se le trova, spesso tagliate a nche a metà, le risputa fuori e dopo 2 o 3 volte che gli ripropongo 1 cucchiaio con queste paste "grandi", mi dice che non vuole più nulla...mi chiede la frutta ke è rigorosamente 1 vasetto omogeneizzato...io non capisco perchè non ha alcuna intenzione di assaggiare..e di masticare..neanche al nido dove ormai va da 1 mese s'invoglia ad assaggiare....:-( io dico che dovrebbe restare senza mangiare cosi prima o poi imparerà a mangiare quello che gli si passa...i miei familiari però insistono dicendomi che cosi non và bene...!!! Come risolvo questo problema??? Non sò più cosa inventarmi... :-( Grazie

valentina (RM) 25/10/2011

Salve .il mio bambino di 15 mesi mangia di tutto . da un po di tempo sto provando ad offrigli anche un secondo a pranzo ma nn ne vuole proprio sapere a differenza della sua amichetta piu "grande" di lui di solo 4 giorni che tra l altro si porta anche piu grande di aspetto. il punto quando un bambino dovrebbe cominciare a mangiare un secondo piatto?dimenticavo per pranzo gli do pasta e legumi ogni giorno per compensare l assenza del secondo faccio male? grazie spero di avere la vostra opinione

anna 30/04/2012

Buongiorno.Il mio figlio di 4anni è un bambino che ha voglio di dargli di mangiare soltanto da me(mamma) e poi non vuol mangiare.Gli devo dire 100volte mangi mangi.Senza mangiare non posso lasciarlo...noooo.Adesso va nell asilo ma li non mangia ne a mattina ne a pranzo,dice voglio mangiare con mia mamma... :( Vi prego che devo fare.E una settimana che va.e una settimana che arriva alle 14 senza mangiare nulla.Poi gli do io.pero non e giusto cosi.Che posso fare,vi prego....

besa (AL) 14/05/2013

Buongiorno, il mio bambino di 21 mesi quando è ora di venire a tavola per manigiare inizia a dire NO! quando è nel seggiolone e gli porgo il piatto con la pappa me lo da indietro e dice NO! devo sempre distrarlo con i cartoni e non mangia da solo, dopo un pò di cucchiaiate serra la bocca e non ne vuole sapere..non mangia un pasto completo ma gli faccio un passato unico (ovviamente vario) con la pasta..è una disperazione non riesco mai a mangiare tranquilla con mio marito per seguire lui..non so più come fare perchè mi arrabbio solo... Simona 10/06/2013

Simona (TO) 10/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Come comportarsi se un bambino non mangia"

Svezzamento e familiarità allergica
Il rischio di ingerire cibi ad alto potere allergizzante spinge a ritardare il divezzamento. Ecco quali alimenti è meglio usare e quali evitare.
Raccomandazioni utili sull'alimentazione del neonato e del bambino
I consigli utili relativi all'allattamento del neonato e del bambino dopo i 6 mesi.
La carne nell'alimentazione
Per le sue caratteristiche la carne è sicuramente uno degli alimenti protagonisti dello svezzamento.
Glutine: a che età?
L'età comunemente consigliata per l'introduzione del glutine nella dieta del lattante sono i 6 mesi.
Progetto "MiVoglioBene": svezzamento
Recenti indicazioni scientifiche raccomandano l'inizio della svezzamento al compimento dei 6 mesi.
Svezzamento: quando è meglio?
Lo svezzamento del neonato fatto a cinque o sei mesi viene deciso dal pediatra a seconda del caso specifico.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A tre anni non riesce ancora a strutturare le frasi
La variabilità dei tempi e modi dello sviluppo del linguaggio è notevole ma, in presenza di alcuni "segnali" significativi, vanno valutati alcuni aspetti.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Problemi di inserimento in prima media
E' in crisi, continua a piangere per l'enorme cambiamento che le medie comportano.
Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte