ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Regressione spontanea del reflusso vescico-ureterale

Se il reflusso vescico-ureterale è di basso grado può risolversi spontaneamente tra i 2 e i 5 anni.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

La mia bambina di 17 mesi ha un reflusso sinistro di 2° grado e prende una dose serale di antibiotico per mantenere sterili le urine. Mi hanno consigliato di sospendere l'antibiotico una settimana al mese e, alla fine della sospensione, di effettuare le analisi delle urine. Tuttavia altri genitori con lo stesso problema non lo fanno. Lei cosa mi consiglia?

La storia naturale del reflusso vescico-ureterale (RVU), soprattutto quando è di basso grado, è estremamente favorevole con la risoluzione spontanea del reflusso. Dati della letteratura confermano una percentuale di guarigione completa (per un periodo di osservazione conservativo tra i 2-5 anni) del 91,8% per un RVU di 1° grado e dell'80,6% per un RVU di 2°. Nel caso della Sua bambina esiste quindi una altissima probabilità di una guarigione spontanea.

Personalmente, all'età di 17 mesi e con un RVU di 2° grado, sarei molto incline alla sospensione completa della profilassi ed a mantenere un monitoraggio attento della situazione con una urinocoltura di controllo periodica (mensilmente) ed immediata in caso di febbre dubbia o sintomi sospetti per una infezione urinaria (bruciori minzionali, urine torbide e/o maleodoranti, etc.). Se la bambina rimanesse del tutto asintomatica e senza problemi dopo la sospensione della profilassi, attenderei un ragionevole periodo di tempo per il completo raggiungimento del controllo sfinterico (= rimozione del pannolino) e, verso il 3°- 4° anno di età, eseguirei una Scintigrafia Renale MAG3 con associata una cisto-scintigrafia indiretta (= senza dover cateterizzare la bambina) per ricontrollare a distanza la evoluzione del RVU.

La probabilità di dover ricorrere ad una soluzione chirurgica (endoscopica o "aperta" con un reimpianto ureterale) rimane a mio giudizio estremamente bassa. Auguri per la piccola!

5/3/2004

23/5/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Regressione spontanea del reflusso vescico-ureterale"

Reflusso vescico-ureterale
Fino a quando continuare la profilassi antibiotica?
Pielonefrite
La pielonefrite acuta è un'infiammazione del rene, di solito causata da un'infezione batterica.
Iniezioni di collagene per il reflusso
Ci hanno proposto la correzione del reflusso delle vie urinarie con un'iniezione di collagene.
Scintigrafia renale e cisto-uretrografia
Scintigrafia renale e cisto-uretrografia. In che cosa consistono questi esami?
Infezioni delle vie urinarie
Spesso le infezione alle vie urinarie sono causate da un germe, l'Escherichia Coli, con cariche microbiche più o meno alte.
Infezione delle vie urinarie
Infezione alle vie urinarie: una ricaduta nonostante fosse sotto copertura antibiotica.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte