ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Reflusso vescico-ureterale

Per un reflusso vescico-ureterale di grado medio che ha raggiunto il totale controllo sfinterico urinario e fecale sono favorevole alla sospensione definitiva della profilassi.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

Sono la mamma di un bimbo di due anni affetto da reflusso vescico-ureterale bilaterale di 3° grado. Dall'età di sei mesi è in profilassi con una dose serale di antibiotico e da allora non ha più avuto infezioni alle vie urinarie, e la sua crescita é stata regolare. L'ultima cistografia effettuata al 20°mese non ha rilevato alcuna regressione del reflusso vescico-ureterale. Il consulente chirurgo mi ha comunque detto che le possibilità di guarigione spontanea sono elevate e che al momento, visto anche le buone condizioni renali del bimbo, non è indicato intervenire chirurgicamente. Vorrei sapere, a questo punto, se é possibile sospendere la profilassi antibiotica, e fino a che età ci sono possibilità di guarigione spontanea.

La decisione di continuare (e fino a quando?) o sospendere la profilassi è totalmente arbitraria e continua a rimanere un problema aperto e discusso. Personalmente, per un reflusso vescico-ureterale di grado medio e in un maschio che ha verosimilmente raggiunto il totale controllo sfinterico urinario e fecale (= senza pannolino) sono favorevole alla sospensione definitiva della profilassi. Se il bambino non ha infezioni delle vie urinarie e rimane asintomatico, dopo circa due anni controllo la situazione del reflusso vescico-ureterale con una Scintigrafia Renale MAG3 associata ad una cistoscintigrafia indiretta. In ogni caso, se non vi sono problemi, non credo sia significativo il tempo necessario per la definitiva guarigione del reflusso vescico-ureterale. Viceversa, se alla sospensione della profilassi si verifica una infezioni delle vie urinarie sintomatica (= pielonefrite), credo che la situazione vada rivalutata e che l'intervento chirurgico sia probabilmente opportuno.

13/4/2001

2/11/2014

I commenti dei lettori

siamo genitori di una meravigliosa piccola di tre anni e mezzo che fin dall’ età di tre mesi ahimè fa profilassi antibiotica per via di ricorrenti infezioni alle vie urinarie. Vi descrivo meglio la storia clinica. All’età di tre mesi le viene diagnosticato un reflusso vescico ureterale di IV grado. Per più di due anni la bambina è sottoposta a profilassi antibiotica al fine di scongiurare risalita di urina infetta al rene. Dalle varie cistografie effettuate è venuto fuori nel corso del tempo che il reflusso è regredito fino ad un I grado. Anche dalle ecografie effettuate ai reni ed alla vescica risultava tutto nella norma. Si decide in accordo con il medico che la seguiva di sospendere l’antibiotico in quanto un primo grado non può causare non causa infezioni e invece si ricomincia, infezioni, infezioni ed infezioni, con contestuale ripresa della profilassi antibiotica. Questo fino a quando – e forse un po’ troppo tardi – abbiamo deciso di far vedere la bambina da un altro medico che visionando la documentazione sanitaria è venuto fuori che la bambina oltre al reflusso vescica ureterale aveva anche un voluminoso ureterocele ectopico in vescica e quindi un doppio distretto renale. Quest’ultimo decide quasi un anno fa di intervenire endoscopicamente effettuando una decompressione dell’ureterocele e la correzione con deflux di quel famoso reflusso che effettivamente era regredito. Continua profilassi antibiotica per alcuni mesi fino alla sospensione. Riprendono le infezioni. Di nuovo profilassi fino all’esecuzione di una cistouretrografia dalla quale si evince che l’uretere interessato da ureterocele è refluente di I grado. Continua profilassi per via del cateterismo e appena sospendiamo di nuovo infezione, Escherichia coli come sempre in questi anni a parte un paio di volte per batteri diversi. Aggiungo che la bambina ha effettuato 2 diverse scintigrafie dal quale si evince che i reni sono funzionanti e tra qualche tempo dovrà eseguire una scintigrafia divisa per settori. Io e mia moglie siamo preoccupati e ci chiediamo perché ancora ha queste infezionii non appena interrompiamo la profilassi nonostante abbia risolto il problema in vescica e abbia solo un reflusso di I grado?

Gianluca (TA) 31/01/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Reflusso vescico-ureterale"

Doppio distretto renale
E' importante conoscere la funzionalità renale di ogni distretto e la valutazione migliore è data dalla scintigrafia.
La pielonefrite
Una importante infezione del rene.
Iniezioni di collagene per il reflusso
Ci hanno proposto la correzione del reflusso delle vie urinarie con un'iniezione di collagene.
Pielonefrite
La pielonefrite acuta è un'infiammazione del rene, di solito causata da un'infezione batterica.
Reflusso vescico-ureterale
Se il reflusso vescico-ureterale è di basso grado può risolversi spontaneamente.
Scintigrafia renale e cisto-uretrografia
Scintigrafia renale e cisto-uretrografia. In che cosa consistono questi esami?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Complesso di Edipo: è morbosamente attaccata al suo papà
Il complesso di Edipo nasce con Freud e identifica il desiderio sessuale nei confronti del genitore di sesso opposto.
Contraccezione durante l'allattamento
La contraccezione durante l'allattamento è necessaria se si desidera evitare una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto.
Scoliosi nei bambini: quali esercizi consiglia il fisiatra
Gli esercizi consigliati dal fisiatra per la scoliosi nei bambini.
Cheratosi pilare
La cheratosi pilare è caratterizzata dalla presenza di piccole papule cheratosiche, di colore ora bianco-grigiastro ora rossastro.
Le vaccinazioni nel neonato
Per avere informazioni precise sul “calendario vaccinale” del neonato è oppurtuno rivolgersi al pediatra o al centro vaccinale della vostra zona.

Quiz della settimana

Al vostro bambino di 14 mesi compaiono spesso chiazze rosse sul mento ed agli angoli della bocca ogniqualvolta mangia alimenti contenenti il pomodoro (minestrine, sughi della pastasciutta ecc.), che poi spariscono rapidamente e spontaneamente. Qual è l'ipotesi diagnostica più probabile?
Un'allergia
Una dermatite da contatto
Un'intolleranza
Un'orticaria