ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Infezioni delle vie urinarie: quali esami?

Soffre di infezioni delle vie urinarie. Cosa fare oltre l'esame delle urine?

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Salve siamo i genitori di Maura, una bimba di 11 mesi che da giugno soffre di frequenti infezioni alle vie urinarie, ha costanti stati febbrili con picchi di 39° ( e stabilmente la sera 37,5 ), che passano sotto copertura antibiotica, ci è stato consigliato di effettuare un'ecografia all'apparato uro-genitale che ha dato responso negativo. Da poco ci è stato consigliato di sottoporla ad un'analisi con liquido di contrasto, ma la bimba è anche un soggetto allergico e noi siamo seriamente preoccupati. Ci hanno prospettato un coinvolgimento dei reni, con danni irreversibili alla loro funzionalità. Cosa ci consigliate?

Questo caso è doppiamente istruttivo: intanto, perché insegna a considerare sempre le infezioni delle vie urinarie fra le cause di febbre nel lattante (almeno quando non siano presenti altri sintomi evidenti, come tosse o diarrea); poi, perché evidenzia come in certe situazioni è importante eseguire esami anche impegnativi per "togliersi un dubbio", cioè per verificare una possibile situazione di rischio sottostante. Effettivamente, anche UN SOLO episodio di infezione delle vie urinarie con febbre alta giustifica l'esecuzione di un esame radiografico delle basse vie urinarie, chiamato "cistografia minzionale". L'esame, che consiste in una serie di radiografie eseguite dopo avere introdotto del mezzo di contrasto nella vescica con un piccolo catetere, serve ad evidenziare un eventuale reflusso vescico-ureterale. In altre parole, la possibilità che l'urina, durante lo sforzo, possa risalire verso il rene. Se così fosse, assieme all'urina potrebbero risalire anche i germi, danneggiando il rene.

L'ecografia, che pure era giusto fare per verificare la posizione dei reni, non è in grado di chiarire questo dubbio. E' quindi importante eseguire l'esame e vi consigliamo di farlo. Nel frattempo, riterremmo essenziale tenere la bambina sotto copertura antibiotica, con una bassa dose serale, e controllare periodicamente le urine. Se poi l'esame risulta normale, le infezioni non faranno più paura, perché saranno comunque limitate alla vescica. Se invece il reflusso sarà presente, ne riparleremo.

1/5/1997

15/3/2015

I commenti dei lettori

mio figlio ha 10 anni e stanotte si lamentava di bruciori e non riusciva a far pipi stamattina in ospedale dopo lo stick delle urine mi hanno detto che ha un infezione: antibiotico, bere tanto e lavarsi bene le mani.

cristina (BS) 16/02/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Infezioni delle vie urinarie: quali esami?"

La pielonefrite
Una importante infezione del rene.
Infezione delle vie urinarie
Gli accertamenti diagnostici eseguiti non hanno documentato anomalie significative, ma a 20 mesi ha già avuto tre casi di infezioni delle vie urinarie.
Infezioni delle vie urinarie
Spesso le infezione alle vie urinarie sono causate da un germe, l'Escherichia Coli, con cariche microbiche più o meno alte.
Reflusso vescico-ureterale
Fino a quando continuare la profilassi antibiotica?
Doppio distretto renale
E' importante conoscere la funzionalità renale di ogni distretto e la valutazione migliore è data dalla scintigrafia.
Stimolo ad urinare spesso in gravidanza
Lo stimolo ad urinare spesso è un problema frequente in gravidanza, l'incremento progressivo del volume dell'utero provoca una compressione sulla vescica.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Animali in casa?
Animali in casa, si o no? Non vi sono controindicazioni, a patto che si seguano delle norme igieniche rigorose.
Il bambino iperattivo
Le cause dell'iperattività e deficit di attenzione e cosa fare se un bambino sembra iperattivo.
Sono spuntati i denti permanenti
Sono spuntati i denti permanenti e quelli da latte non sono ancora caduti.
Misurare la temperatura basale per individuare il periodo fertile
La rilevazione della temperatura basale serve per individuare il momento dell'ovulazione e quindi stabilire il periodo fertile.
Pronazione dolorosa del radio
Ha già subito due pronazioni dolorose. La patologia si risolve spontaneamente entro i 4 anni di vita.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica