ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sangue nelle urine

La presenza di sangue nelle urine viene definita con il termine di "ematuria". Quali accertamenti sono necessari? Moltissime sono le cause di ematuria.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

La mia bambina di 16 mesi presenta, dopo tre esami urine di controllo, un valore di emoglobina di 0,03. Da cosa può dipendere, visto che è sana e tutti gli altri valori sono nella norma? Quali accertamenti sono necessari? Preciso che in famiglia non ci sono casi analoghi.

La presenza di sangue nelle urine viene definita con il termine di "ematuria". Si parla di ematuria macroscopica se il sangue è visibile ad occhio nudo: le urine possono apparire rosse, rosate, rosso marsala o marrone. L'ematuria può però essere microscopica, ossia (come nel caso in esame) non visibile ad occhio nudo ma svelata da un esame urine (che quantifica l'emoglobina) o da un esame microscopico del sedimento urinario (che quantifica i globuli rossi). Più precisamente, si definisce ematuria microscopica il riscontro di più di 5 globuli rossi per campo nel sedimento urinario.

Moltissime sono le cause di ematuria, e questa non è la sede né l'occasione per elencarle tutte; tuttavia, occorre precisare che mentre la macroematuria (N.d.R.: l’ematuria macroscopica, cioè visibile ad occhio nudo) deve essere indagata con estrema accuratezza, anche se si verifica un singolo episodio, per il suo sicuro significato patologico, diverso è l'atteggiamento da assumere di fronte ad una condizione di microematuria (N.d.R.: l’ematuria microscopica, cioè riscontrabile solo con gli esami), che è poi l'argomento che ci riguarda. Una modesta microematuria isolata, senza proteinuria, è un quadro di frequente riscontro in patologia pediatrica e non sempre di facile interpretazione: per questo è necessario dare delle coordinate per renderla "più interpretabile".

La microematuria può essere definita, in base alla durata, come: Transitoria, quando è presente per una durata inferiore a 6 mesi e diviene infine negativa in 3 esami urine consecutivi; Intermittente, quando è presente per più di 6 mesi ed è documentata in meno del 50% degli esami delle urine eseguiti; Persistente, quando è presente per più di 6 mesi ed è documentata in più del 50% degli esami delle urine eseguiti. Nel suo caso, non conosciamo l'esito del sedimento urinario (che potrebbe essere assolutamente non significativo), né si capisce bene se sono stati eseguiti 3 esami urine consecutivi, che hanno evidenziato tutti la presenza di emoglobina, oppure se, dopo tre esami urine negativi, l'ultimo ha mostrato la presenza di emoglobina.

Ad ogni modo, in entrambi i casi, non è ancora possibile inquadrare con certezza la condizione in una delle tre categorie suddette (potremmo, ad oggi, considerarla come microematuria "occasionale" o "ripetuta"); tuttavia, è necessario precisare che il solo tipo di microematuria che merita attenzione è la forma persistente, in quanto è l'unica per la quale è stata dimostrata con frequenza significativa una patologia renale sottostante.

Per quanto detto, nel caso in oggetto, gli accertamenti da effettuare sono rappresentati da controlli periodici dell'esame urine, anche con l'osservazione microscopica del sedimento urinario, al fine di poter valutare l'evoluzione di tale microematuria: e' meglio quantificabile tramite l'analisi del sedimento urinario? Persisterà e per quanto tempo? Seguiranno degli episodi di macroematuria? Nel frattempo, sarebbe utile una accurata anamnesi al fine di indagare l'eventuale presenza di parenti che abbiano sofferto di insufficienza renale, lesioni oculari ed uditive che configurano una sindrome familiare ben precisa chiamata Sindrome di Alport. Oppure, parenti che abbiano avuto episodi di macroematuria isolata (anch'essa spesso familiare), ipertensione o calcolosi renale. Relativamente alla bambina, poi, deve essere in particolare esclusa una vulvite (N.d.R.: infiammazione degli organi genitali esterni femminili) oppure pregressi episodi di infezioni delle vie urinarie, traumatismi o calcolosi renale, tutte condizioni che, assieme ad episodi febbrili, possono dare una isolata microematuria.

18/10/2000

21/5/2014

I commenti dei lettori

 salve o un problema stamattina come tutte le notti mia figlia di 5 anni a fatto la pipi' a letto ma questa volta c'era una macchia di sangue nell'urina cosa significa? e quali accettamenti devo fare ? grazie e una buona giornata

isabella (SI) 16/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Sangue nelle urine"

Malattia di Berger
La malattia di Berger è una malattia renale spesso causa di macroematuria ricorrente.
Pipì scura
Per ematuria si intende l'eliminazione di globuli rossi con le urine. Si tratta di un fatto fisiologico.
Sindrome di Schoenlein-Henoch
La sindrome di Schoenlein-Henoch è una vasculite. La sindrome è caratterizzata dalla comparsa di manifestazioni cutanee di tipo maculo-papulare.
Sangue nelle urine
La presenza di sangue nelle urine va sempre accertata ed eventualmente approfondita.
Sindrome di Alport
La Sindrome di Alport è la malattia più comune fra i diversi tipi di nefriti ereditarie.
Ematuria famigliare benigna
Le hanno diagnosticato l'ematuria famigliare benigna ma non è necessario seguire alcuna dieta particolare e la prognosi è ottima.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Difficoltà respiratoria in gravidanza
In gravidanza, qualsiasi sforzo fisico risulta talmente affaticante da provocare una certa difficoltà respiratoria.
In vacanze con i bambini
I bambini si adattano bene all'ambiente della vacanza. Qualche piccolo consiglio per rendere gradita la vacanza.
Le cause del raffreddore
Il comune raffreddore è causato da virus che colpiscono le vie respiratorie superiori e determinano un'infiammazione della mucosa nasale.
Calo di peso nel neonato
Il calo di peso è normale nei primi giorni di vita del neonato. Si considera normale che un neonato a termine recuperi il peso della nascita entro 8-10 giorni.
Come alleviare i fastidi causati dal raffreddore
Il bambino piccolo soffrono particolarmente di raffreddore per via della ostruzione delle vie nasali. I consigli su come alleviare i fastidi.

Quiz della settimana

Normalmente, entro quando cade il cordone ombelicale nel neonato?
Due settimane di vita
Il tempo di caduta è estremamente variabile e non indicativo
Quattro giorni di vita
Un mese di vita