ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sindrome di Alport

La Sindrome di Alport è la malattia più comune fra i diversi tipi di nefriti ereditarie.

a cura di: Dott. Saverio Mirabassi (pediatra)

Hanno diagnosticato alla mia nipotina una sindrome di Alport. Vorrei avere notizie più dettagliate su questa patologia.

Nel grande gruppo delle malattie renali con presenza di sangue nell'urina (= ematuria, che può essere microscopica, cioè visibile solo al microscopio e macroscopica, cioè visibile ad occhio nudo, per essere le urine colorate da rosa pallido a rosso evidente), ha un posto importante la Sindrome di Alport, poiché è la malattia più comune fra i diversi tipi di nefriti (infiammazioni renali) ereditarie.

Esiste una notevole variabilità di espressione clinica di questa malattia, riconducibile alla variabilità del quadro genetico, delle alterazioni anatomiche riscontrabili all'esame al microscopio di un frammento di rene (biopsia) e della storia naturale di questa sindrome. In genere i pazienti affetti da Sindrome di Alport presentano sangue nell'urina non visibile ad occhio nudo e senza particolari sintomi ("ematuria microscopica asintomatica"), ma possono avere episodi di macroematuria (cioè comparsa di urine tinte di un colore dal rosa al rosso, distinguibile ad occhio nudo). Quando, alla presenza di sangue in forma microscopica nell'urina, si associa la presenza di proteine, è consigliabile effettuare una biopsia renale per chiarificare la diagnosi.

Una minoranza di pazienti affetti da questa sindrome presenta anche un difetto uditivo: si tratta di una sordità neurosensoriale, legata cioè ad alterazione della struttura nervosa deputata a condurre il suono dall'orecchio alla parte di cervello incaricata di decodificare le frequenze sonore e tradurle in qualcosa di comprensibile. Questo disturbo uditivo all'inizio interessa le frequenze alte, ma poi coinvolge le frequenze della voce parlata, con evidenti cattive ripercussioni sulla vita sociale, conducendo a sordità.

Un'altra (più piccola) parte di pazienti presenta anche anomalie oculari, di cui la più importante è la cataratta, cioè l'opacamento del cristallino (una delle lenti presenti all'interno dell'occhio). Se la malattia progredisce e la funzionalità dei reni diminuisce, i pazienti possono andare incontro a complicazioni, quali l'ipertensione arteriosa (la pressione alta del sangue), le infezioni delle vie urinarie e i segni iniziali di insufficienza renale (vedi di seguito).

Per quanto riguarda l'andamento della malattia, le donne affette, di regola, hanno una vita normale, il loro udito è interessato in modo marginale ma, proprio per il fatto che hanno pochi sintomi, possono trasmettere la malattia alla prole di sesso maschile. I pazienti maschi invece, che ammalano di una forma più grave, nel periodo dopo i 20 - 30 anni, in genere sviluppano una insufficienza renale (i reni, in altre parole, non sono in grado di esercitare la loro normale funzione depurativa del sangue) talvolta con perdita dell'udito.

Purtroppo non esistono medicine specifiche in grado di modificare l'andamento di questa malattia, per cui certi pazienti maschi sono candidati alla dialisi (devono cioè sottoporsi ad un collegamento periodico ad una speciale macchina che rimuove dal sangue le sostanze tossiche, lavorando quindi come un rene esterno al corpo) ed altri al trapianto renale. È importante che venga effettuata una consulenza genetica ai familiari di un paziente affetto da Sindrome di Alport, al fine di limitare la diffusione del difetto genetico che comporta la malattia.

13/1/2003

25/2/2017

I commenti dei lettori

ho 3 bimbi e al piu grande e stata diagnosticata tramite biopsia la sindrome di alport da x linke

04/04/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Sindrome di Alport"

Proteine nelle urine
per poter parlare di proteinuria persistente, occorre eseguire controlli seriati delle urine che confermino la presenza delle proteine urinarie.
Malattia di Berger
La malattia di Berger è una malattia renale spesso causa di macroematuria ricorrente.
Ematuria famigliare benigna
Le hanno diagnosticato l'ematuria famigliare benigna ma non è necessario seguire alcuna dieta particolare e la prognosi è ottima.
Sangue nelle urine
La presenza di sangue nelle urine va sempre accertata ed eventualmente approfondita.
Sindrome Nefrosica
La Sindrome Nefrosica è l'espressione clinica di alterazioni renali diverse sia per la forma, la causa, il modo di insorgenza e la prognosi.
Pipì scura
Per ematuria si intende l'eliminazione di globuli rossi con le urine. Si tratta di un fatto fisiologico.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La pelle del neonato
La pelle del neonato è soggetta ad arrossamenti ed irritazioni a causa dell'estrema fragilità cutanea e del contatto prolungato con fattori irritanti.
Non riesce a respirare dal naso
Ha tolto le adenoidi, ma non riesce a repirare dal naso.
Controllo della vista di un bambino piccolo
Entrambi i genitori sono miopi. Quale struttura scegliere per un bambino di nove mesi? I consigli dell'oculista.
La cameretta del neonato
Come arredare la cameretta del neonato tenendo conto di quelle che saranno le sue esigenze future.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore