ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Allergia agli acari nei bambini

Quali sono i sintomi dell'allergia agli acari? Come si manifesta? Cosa si intende per bonifica ambientale dagli acari della polvere? I consigli dell'esperto.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Ho una bimba di due anni con una allergia agli acari. Vorrei chiedere se, avendo i materassi di lana, è sufficiente impermeabilizzarli, oppure è necessario sostituirli con materassi sintetici? Vorrei inoltre sapere se i fiori secchi possono dare problemi e se gli spray che vendono in farmacia per eliminare gli acari sono efficienti o possono essere nocivi.

Nel bambino con allergia ad acari riveste un ruolo importante la cosiddetta bonifica ambientale, utile, se eseguita correttamente, per ridurre la quantità di acari negli ambienti e quindi la successiva inalazione. Essa consiste nell'aerazione frequente degli ambienti, contenendo l’umidità tra il 40 e il 60% (poiché gli acari non sopravvivono in tali condizioni), e nell'eliminazione di tappeti, moquette, tendaggi, giocattoli di peluche, composizioni di fiori finti e di tutte quelle suppellettili che possano essere ricettacolo di polvere.

Per i materassi: a) sostituzione dei materassi con altri in poliuretano denso, che rappresenta un habitat sfavorevole alla riproduzione ed allo sviluppo degli acari b) rivestimento dei materassi con federe anti-acaro chiuse ermeticamente e confezionate con tessuti (poliammide - goretex o stoffe trattate con teflon, tilene) dotati di impermeabilità ma con buona traspirabilità. Questi ultimi sono attualmente la miglior misura preventiva.

Per poter poi parlare di acaricidi è necessario parlare prima della quantificazione del contenuto di acari nella polvere, che si può determinare con l'uso di test specifici (acarex test). Sulla scorta della quantità rilevata si utilizzerà eventualmente un acaricida. Alcuni esercitano una lieve azione irritante sulle mucose delle vie respiratorie, nelle prime ore dopo l'applicazione: per tale motivo gli acaricidi non vanno mai impiegati in presenza del paziente e l'assenza del paziente deve protrarsi per almeno 4-6 ore dopo l'applicazione. Molto utilizzati gli acaricidi a base di benzilbenzoato. Tralasciare gli altri acaricidi, molto pubblicizzati ma poco efficaci.

21/1/2000

4/11/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allergia agli acari nei bambini"

La casa del bambino allergico
Nella casa del bambino allergico è necessario applicare misure di prevenzione anti-acaro e, quando possibile, progettare sin dall'inizio gli ambienti interni.
Quale vaccino per l'allergia agli acari?
La sola presenza di allergia agli acari non giustifica l'inizio di una terapia desensibilizzante.
La casa del bambino allergico
Nel bambino allergico è necessario applicare misure di prevenzione anti-acaro. Alcuni consigli su come deve essere arredata e vissuta la casa.
Materassi al lattice per prevenire l'asma?
Materassi al lattice o fodere anti-acaro? Nessun materasso è privo di allergeni. Meglio utilizzare fodere anti-acaro.
Allergia agli acari della polvere nei bambini
Gli acari della polvere sono causa di allergia nei bambini. I sintomi vanno dalla rinite all'asma. Cosa fare, i rimedi, la terapia e il vaccino.
Si strofina frequentemente il naso
Strofinarsi frequentemente il naso è un tipico sintomo della rinite allergica. L'allergia respiratoria si instaura dopo rispetto all'allergia alimentare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La terza settimana di gravidanza
Alla terza settimana di gravidanza ma non dovresti avvertire, per il momento, alcun segnale.
Sindrome di Alport
La Sindrome di Alport è la malattia più comune fra i diversi tipi di nefriti ereditarie.
Visite di controllo dal Pediatra nei neonati e primi due anni di età
La valutazione della crescita nei neonati: quando fare le visite di controllo dal Pediatra.
Cambiamento dell'asilo nido
Potrà essere traumatizzante per mio figlio di due anni cambiare l'asilo nido?
Lussazione congenita dell'anca
La lussazione congenita dell'anca è tra le patologie ortopediche, una delle più frequenti anomalie congenite.

Quiz della settimana

Che cosa sono le petecchie?
piccole macchioline rosse che spesso compaiono dopo sforzo
lividi dovuti ad un trauma
piccole escrescenze cutanee causate da un virus
malformazioni congenite dell'intestino