ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Si strofina frequentemente il naso

Strofinarsi frequentemente il naso è un tipico sintomo della rinite allergica. L'allergia respiratoria si instaura in età più avanzata rispetto all'allergia alimentare.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Premesso che siamo genitori entrambi allergici a graminacee, parietaria, acari, ... abbiamo notato che il nostro figlio, di due anni di età, spessissimo durante il giorno, anche quando è distratto o gioca, si tocca insistentemente il naso. Può essere un sintomo di qualche intolleranza? A che età si sviluppano le "allergie" e quando si può verificare? Che esami occorrono e quali eventuali terapie sono necessarie per non aggravare il quadro futuro? 

La probabilità che un bambino, con entrambi i genitori allergici, possa soffrire di allergia è molto alta, essendo intorno all'80%. La tendenza a strofinarsi frequentemente il naso è un tipico sintomo della rinite allergica. L'allergia respiratoria si instaura in età più avanzata rispetto all'allergia alimentare, di solito dai tre anni in su, ma in bambini ad alto rischio è frequente un inizio precoce intorno al 2° anno di vita.

Gli esami più importanti per effettuare una diagnosi precisa sono i prick-test, la cui positività servirà a confermare l'allergia e ad individuare gli allergeni coinvolti. La terapia è in stretta relazione con il tipo di allergia, poiché un'allergia agli acari richiederà l'utilizzo di alcune accortezze ambientali (profilassi ambientale), caratterizzate principalmente dall'uso di un copricuscino ed un coprimaterasso specifici.

Se il bambino è allergico ai pollini o agli animali domestici i rimedi saranno rappresentati dalla terapia antiistaminica per tutto il periodo di pollinazione nel primo caso e dall'allontanamento dell'animale nel secondo caso. In tenera età (sotto i quattro anni) non viene presa in considerazione la terapia con vaccino desensibilizzante specifico. Alcuni studi recenti hanno evidenziato come anche nell'allergia all'epitelio di animali domestici (cani e gatti), l'utilizzo di coprimaterassi e copricuscini antiallergici (i migliori sono in microfibra) ha un effetto benefico, riducendo la concentrazione di allergene dell'animale nel materasso.

18/6/2001

22/7/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Si strofina frequentemente il naso"

Reinserire il latte in un bambino allergico?
L'intolleranza al latte si è manifestata all'età di nove mesi.
L'allergia
Allergia: una reazione esagerata verso qualcosa che le persone normalmente tollerano bene.
Bambino con diarrea persistente
Problemi di diarrea persistente non sono rari nel bambino soprattutto dopo una infezione intestinale virale.
Predisposizione allergica
La possibilità che un bambino sia allergico è strettamente legata alla presenza di consanguinei affetti da allergia.
Allergia e IgE totali
Le IgE totali sono uno degli indici più utilizzati per la valutazione dell'intensità dell'allergia.
Intolleranza ed allergia
Intolleranza ed allergia indicano due modalità differenti dell'organismo di reagire a sostanze estranee.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte