ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Soffre di asma: montagna o mare?

La mia bambina soffre di asma. E' consigliabile effettuare i test allergologici al fine di gestire al meglio la bimba, sia nell'ambiente in cui soggiorna, sia per le vacanze.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Mia figlia di tre anni e mezzo ha, da qualche mese, degli episodi asmatici ricorrenti (ogni due settimane). C'è il sospetto che si tratti di asma allergico poiché il papà ha sofferto da bambino di asma allergico ma il pediatra ci ha detto che la bambina è troppo piccola per fare le prove allergometriche e ci ha consigliato un soggiorno climatico al mare di almeno due settimane durante l'inverno. Un altro pediatra viceversa ci ha consigliato di portarla in montagna sostenendo che, per l'asma, è meglio la montagna e l'aria è più pulita. A chi dare credito? È meglio il mare o la montagna?

Innanzitutto bisogna precisare che i test cutanei ed eventualmente un RAST (con un piccolo prelievo di sangue) possono essere eseguiti anche a questa età, non è necessario aspettare oltre.
Sulla scorta dei risultati e delle positività ottenute si potrà poi impostare l'eventuale scelta terapeutica considerando che: in caso di positività agli acari è utile seguire un programma di bonifica ambientale, soprattutto se si va al mare in casa privata, rimasta chiusa per molto tempo, mentre in montagna, a quote di 1000-1500 metri e oltre, il clima freddo e l'aria secca non favoriscono lo sviluppo degli acari; in caso di positività ai pollini, invece, bisogna seguire attentamente il calendario pollinico, considerando che in montagna la fioritura è più tardiva rispetto alla pianura, mentre il mare è la scelta più indicata; in entrambi i casi è comunque possibile effettuare una terapia desensibilizzante sublinguale (gocce o compresse solubili) per l'allergene in causa.
Quindi il mio consiglio è di effettuare innanzitutto i test allergologici al fine di gestire al meglio la bimba, sia nell'ambiente in cui soggiorna, sia per le vacanze.

12/3/2002

15/8/2018

I commenti dei lettori

a me mi hanno detto che andare in montagna quando si ha l'asma non fa affatto bene, poi non so se è vero...

agron (BS) 30/11/2010

Io sono stato in montagna per 8 anni per guarire d'asma, proprio in un centro per la cura dell'asma, potete guardare il sito del centro http://www.misurinasma.it

Diego (VI) 24/08/2011

Io abito in toscana e sono allergica a molti pollini. Seguo sempre le previsioni dei pollini sul sito www.biometeo.it/prev_pollini.html

Marta (FI) 29/08/2012

Asma allergico e riviera ligure di ponente: felice connubio...testato Su mio figlio di anni 10...dopo 5 anni di cure farmacologiche...dopo quasi tre mesi di vita qui, con mille sacrifici, mai sì é fatto ricorso a ventolin e pastiglie di mantenimento tranne quando sì torna nella pianura piemontese per pochi giorni. Gabriele e Monika

Gabriele e Monika (IM) 05/01/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Soffre di asma: montagna o mare?"

Allergia ai crostacei
Ha avuto una reazione nel mangiare i gamberetti. Sarà allergica ai crostacei? Il parere dell'esperto.
Broncospasmo
Gli è stato diagnosticato il broncospasmo. Sarà indice di una predisposizione asmatica? Il parere dell'esperto.
Si strofina frequentemente il naso
Strofinarsi frequentemente il naso è un tipico sintomo della rinite allergica. L'allergia respiratoria si instaura dopo rispetto all'allergia alimentare.
Allergia ai farmaci
Le reazioni a farmaci vengono definite ADR (Adverse Drug Reactions) e possono essere di due tipi.
Allergia e IgE totali
Le IgE totali sono uno degli indici più utilizzati per la valutazione dell'intensità dell'allergia.
Bambino con diarrea persistente
Problemi di diarrea persistente non sono rari nel bambino soprattutto dopo una infezione intestinale virale.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

L'acqua in gravidanza
L'acqua in gravidanza viene trattenuta nei tessuti provocando spesso gonfiori e aumento di peso. Si tratta, però, di disturbi lievi che si superano facilmente.
Palato ogivale
Con il termine "palato ogivale" si intende un palato molto profondo, la cui sezione ricorda appunto una ogiva.
Piedi piatti e posizione nel sonno
La posizione del sonno non ha particolare effetto sulla struttura del piede piatto. Non si può parlare di piede piatto nei primi due anni di vita.
Calazio ricorrente
La terapia medica (colliri e pomate antibiotiche associate a cortisonici) può fare regredire i calazi, se instaurata in tempo.
E' morbosamente attaccata ai nonni
Da sempre i nonni coccolano e viziano i nipoti. E' un rapporto stupendo, fatto di giochi e di complicità.

Quiz della settimana

Qaule regione del corpo è coinvolta nell'idrocefalo?
Il rene
Il cranio
La vescica
La colonna vertebrale