ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Bambino con diarrea persistente

Problemi di diarrea persistente non sono rari nel bambino soprattutto dopo una infezione intestinale virale e per lo più si risolvono spontaneamente nel tempo.

a cura di: Dott. Roberto Bussi (pediatra)

Sono il papà di un bimbo di 17 mesi che fino ad un anno non ha avuto nessun problema; due mesi orsono ha cominciato ad avere scariche di diarrea dolorose più volte al giorno. Abbiamo effettuato esami del sangue su consiglio del pediatra per scongiurare una celiachia, infatti il bimbo è risultato negativo, mentre le IGE sono apparse molto alte. Anche eliminando latte e derivati come prima fase la situazione non è cambiata, così anche togliendo altri alimenti allergizzanti come pomodoro e uovo. Il bambino è risultato negativo anche al test delle intolleranze alimentari e l'allergologo ci ha ipotizzato una sindrome del colon irritabile. Devo aggiungere che il bimbo, a parte la diarrea, è in buona salute, idratato, vivace e con appetito. Qualcuno può fare un pò di chiarezza su cosa dobbiamo fare per capire meglio la situazione di nostro figlio?

Certamente non è facile rispondere brevemente a un quesito di questo tipo, ma problemi di diarrea persistente non sono rari a questa età soprattutto dopo una infezione intestinale virale e per lo più si risolvono spontaneamente nel tempo. Tuttavia sono fastidiosi soprattutto se si accompagnano a dolore prima o durante le scariche e generano preoccupazione comprensibile nei genitori.

Non viene riportato se il bambino frequenta o meno il Nido perché in tali ambienti infezioni virali intestinali sono più frequenti e ricorrenti. E’ indicato, come ha consigliato il vostro pediatra,  fare esami che escludano allergie alimentari, la celiachia, una intolleranza alimentare.

E’ risultato tutto negativo a parte le IgE “molto alte” (forse era meglio sapere i valori; potrebbe anche essere un errore di laboratorio); non viene riferito se è stato fatto anche un esame delle feci per ricerca batteri, virus, parassiti.

Ma la cosa più confortante è che il bambino sta bene,  è vivace, non perde peso ed è di buon appetito come riferito dal genitore. E’ difficile che ci sia un problema importante.

A questo punto non è indicato fare alcuna restrizione alimentare a parte, con il buon senso, ridurre gli alimenti che possono peggiorare le scariche perché particolarmente ricchi di fibre o amidi. La eliminazione  completa di latte e derivati può accompagnarsi a diarrea alla reintroduzione di tali cibi dovuta ad una riduzione dell’enzima  lattasi e non ad una allergia o intolleranza.

Sarà quindi compito del suo pediatra rassicurarvi e seguire il bambino nel tempo.

13/6/2011

16/9/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Bambino con diarrea persistente"

Diarrea da rotavirus: sintomi e dieta
Quali sintomi presenta la diarrea da rotavirus nei bambini, come avviene il contagio, occore seguire una dieta particolare? I consigli del Pediatra.
Reinserire il latte in un bambino allergico?
L'intolleranza al latte si è manifestata all'età di nove mesi.
L'allergia
Allergia: una reazione esagerata verso qualcosa che le persone normalmente tollerano bene.
Intolleranza ed allergia
Intolleranza ed allergia indicano due modalità differenti dell'organismo di reagire a sostanze estranee.
Si strofina frequentemente il naso
Strofinarsi frequentemente il naso è un tipico sintomo della rinite allergica. L'allergia respiratoria si instaura dopo rispetto all'allergia alimentare.
Predisposizione allergica
La possibilità che un bambino sia allergico è strettamente legata alla presenza di consanguinei affetti da allergia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.
Quando introdurre il glutine nello svezzamento
Il glutine deve essere introdotto nella dieta dello svezzamento del bambino dopo il sesto mese di vita.
Calmare il pianto del neonato
Il pianto del neonato è fatto apposta per non lasciare indifferenti. Non esistono neonati che mangiano, dormono e non piangono mai.
Che ruolo gioca il freddo nelle malattie da raffreddamento?
Il termine "raffreddore" ha ancora senso? La sola esposizione al freddo non può causare una malattia infettiva delle prime vie aeree.

Quiz della settimana

Come si corregge una ernia ombelicale del diametro di 2 cm in un bambino di sei mesi di età?
Applicandovi sopra un cerotto
Con un intervento chirurgico immediato
Entrambe le cose sono da fare
Non si deve fare nulla