ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Boel-test: perchè il Pediatra gli suona i campanellini?

Il Boel-test è un test che sembra un gioco ed invece fornisce importanti indicazioni riguardanti la vista, il quadro neuro-motorio e l'udito del nostro piccolino.

a cura di: Dott. Enrico Solito (pediatra)

È possibile sapere in cosa consiste il test dell'udito con le campanelline che il pediatra esegue verso i 7 mesi? Quali tipi di disturbi dell'udito rileva? Cosa succede se il bambino non reagisce?

Il BOEL test, cui lei si riferisce, è soprattutto, ma non solo, un test dell'udito. Dato che però questa è la sua funzione principale, la esamineremo più a fondo e per prima. Il test si svolge all'età di 7 - 8 mesi. Il bambino è in braccio alla mamma e il pediatra si siede di fronte, con calma e sorridendo, per non spaventare il bambino. Attrae la sua attenzione con un bastoncino rosso o, se questo non serve, con una girandola (entrambe facenti parte dell'attrezzatura del test) o al limite con un qualsiasi altro oggetto che interessi il piccolo: solo a questo punto, quando il bambino è concentrato sull'oggetto distraente, muove lentamente le mani sui lati e agita una delle campanelline, provocando un rumore improvviso ed inatteso ad una frequenza ben determinata. Il bambino si gira verso il rumore, ed è così dimostrato che a quella frequenza ci sente bene.

A questo punto viene di nuovo distratto e si ricomincia, fino a testare entrambe le orecchie per tutte e due le campanelline (quindi, sia per le frequenze alte che per quelle basse). Naturalmente occorrono una serie di accorgimenti: bisogna che ci sia silenzio, che il bambino non sia spaventato, che le mani siano messe in modo che il bimbo non le veda, eccetera. Ma questi sono particolari tecnici. Con il BOEL, che è solo uno dei test cosiddetti "da distrazione" si valutano anche alcuni aspetti riguardanti la vista (presenza o meno di strabismo), il quadro neuro-motorio (posizione seduta, capacità uguali da entrambe i lati, movimenti spontanei, prensione, ecc.), alcuni dati psico-relazionali (paura dell'estraneo, curiosità, risposta allo stress, richieste alla madre, risposte della madre allo stress e alle richieste del bambino, ecc.) e cognitive (sviluppo del linguaggio, capacità di manipolazione, esplorazione, ecc.).

Va sottolineato che le informazioni suddette possono ovviamente essere ottenute dal pediatra anche in altre visite, o nella stessa visita in altri momenti: ciò non toglie che tutte queste possibilità, ed altre ancora, fanno sì che il BOEL non sia più considerato "solo" come un test per l'udito, ma uno strumento utile a più livelli. Naturalmente il bambino dimostra di sentire anche molto tempo prima dei 7-8 mesi: fin dalla nascita sussulta a un forte rumore, si gira, come può, verso una voce umana, si calma con la voce dei genitori, eccetera. E infatti queste cose vengono chieste ai genitori. Ma diciamo che a 7-8 mesi si ha una "prova del nove": la risposta è chiarissima ed inequivocabile. Il test è stato ideato per lo screening di ogni tipo di diminuzione dell'udito (ipoacusia). Quello che interessa di più è l’ipoacusia congenita, che se è grave isola il bambino e non gli fa percepire i suoni: così il bimbo non imparerà neppure a parlare ed avrà gravi ripercussioni, a meno che non venga riconosciuta e trattata subito la situazione che è alla base . Tuttavia non tutti i bambini che non rispondono bene al test hanno questa situazione, anzi, pochissimi.

Per la stragrande maggioranza dei casi hanno avuto un banale raffreddore che ha provocato un accumulo di muco all'interno dell'orecchio (otite media essudativa) che non lo fa sentire bene per qualche settimana (capita anche a noi grandi), oppure "non è giornata" perché è molto distratto. Perciò il pediatra in caso di test fallito non si allarma subito, ma chiede di ripeterlo dopo qualche giorno: di fronte a un nuovo fallimento controlla l'orecchio con l'otoscopio, e solo a questo punto invia il bambino al "secondo livello". Qui vengono fatte altre prove in grado di evidenziare una vera perdita di funzione delle vie uditive e si decide per una eventuale terapia. Proprio il fatto che la terapia è tanto più efficace quanto è precoce ha portato ultimamente a discutere se il BOEL non sia uno strumento che arrivi troppo tardi. Il problema è complesso: i bambini sordi più o meno gravi sono solo uno su mille e ha senso cercarli solo se possiamo garantire di esaminare tutti i bambini. Con una percentuale così bassa basta che 3 o 4 su mille non siano esaminati perché tutto il lavoro sia inutile.

Ora, gli strumenti alternativi al BOEL, che si possono usare anche a pochi giorni di vita, sono molto costosi per uno screening di massa, possono essere fatti solo in luoghi centralizzati e costi ancora più alti sono legati a chiamare apposta tutti i genitori, richiamarli ancora se i test non sono perfetti, eccetera. Costi, badate, non solo economici, ma in termini di disagio per la popolazione e soprattutto di mancata risposta (nessuno gradirebbe perdere giorni e giorni per lo screening dell'udito, poi quello della vista, ecc.: e basta che poche persone non si rechino poi al test per far fallire tutto). La discussione è aperta, ma per ora il BOEL sembra ancora il mezzo più adatto a cercare tra tutti i bambini "normali" quell'uno su 1000 circa che ha un danno più o meno grave all'udito.
Naturalmente il discorso è diverso se i genitori notano qualcosa di strano, o se il bambino è conosciuto per correre dei rischi in questo senso (i prematuri, chi ha avuto gravi infezioni, eccetera): in questi casi non si aspettano gli 8 mesi e il BOEL test, ma viene testato l'udito subito con le tecnologie a disposizione.

1/6/1998

5/8/2016

Per approfondire

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Boel-test: perchè il Pediatra gli suona i campanellini?"

Boel-test
Il Boel test è un test comportamentale in grado di fornire informazioni non solo sull’udito del bambino ma anche sulle sue capacità uditiva e motoria.
Meningite e difetto dell'udito
La meningite è una grave infezione che colpisce il sistema nervoso centrale e che può essere causata da molti germi diversi.
Sordità
I bambini la cui sordità viene identificata immediatamente possono apprendere in maniera del tutto paragonabile ai bambi con un udito normale.
Non parla ancora
Ritardo del linguaggio? A due anni non parla ancora, mentre dovrebbe già utilizzare parole o piccole frasi per comunicare.
Ha catarro nelle orecchie e ci sente poco
L'otite media secretiva è caratterizzato dalla formazione nella cassa del timpano di un versamento siero-mucoso o muco-gelatinoso.
Diagnosi precoce di sordità
La sordità può essere dovuta a sindromi congenite e malformazioni o anomalie del cranio o del volto, a malattie virali e batteriche del neonato o della madre.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La febbre nel bambino
Informazioni e raccomandazioni utili sulla febbre nei bambini.
Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte