ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ha catarro nelle orecchie e ci sente poco

La causa determinante di questa otite è l'ostruzione della tuba di Eustachio. Nel bambino la conformazione della tuba di Eustachio è più corta e perciò ne rendono agevole l'ostruzione.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Mia figlia che ora ha cinque anni, da parecchi mesi sembra sentirci poco, continua ad alzare il volume della televisione e spesso sembra non sentire quando le si parla. So che molti bimbi lo fanno ma dagli esami fatti (audiometrico e impedenziometrico) risulta effettivamente che non ci sente molto bene. Le è stato fatta pure l'endoscopia nasale e le hanno trovato le adenoidi un po' ingrossate. Mi hanno detto che potevano essere tolte e anche messo un drenaggio al timpano (ma lei va in piscina regolarmente e quindi questo lo scarterei). Ha fatto cure con antistaminici e argento proteinato, in seguito alle quali i risultati degli esami sono un po' migliorati ma poco. Preciso che non ha mai avuto otiti (se non un caso isolato di dolore ad un orecchio una sola mattina, ma finito dopo poche ore) né febbre. Solo queste continue manifestazioni di sordità. Vorrei sapere la sua opinione e se mi devo preoccupare.

La sintomatologia descritta, associata alle indagini effettuate (audiometria ed impedenziometria), è indicativa di una condizione di otite media secretiva, ossia di un processo infiammatorio a carico dell'orecchio medio, caratterizzato dalla formazione nella cassa del timpano di un versamento siero-mucoso o muco-gelatinoso, più o meno denso, non tendente all'eliminazione spontanea, che impedisce la trasmissione dell'onda sonora dalla membrana timpanica alle altre strutture dell'orecchio medio. Anche la riferita "assenza di otiti" concorda con questo perché l'otite media secretiva spesso non determina febbre, limitandosi, infatti, a transitorie otalgie ed associandosi, costantemente, ad ipoacusia (N.d.R.: riduzione dell'udito).

La causa determinante questo tipo di otite è l'ostruzione della tuba di Eustachio, ossia il canalicolo che mette in comunicazione la cassa del timpano con il rino-ofaringe (N.d.R.: la parte posteriore del naso e della gola), la cui pervietà garantisce la ventilazione dell'orecchio medio e il deflusso di secrezioni dallo stesso. Nel bambino la conformazione della tuba di Eustachio è più corta e più orizzontale rispetto all'adulto; è, perciò, comprensibile come processi infiammatori a carico delle prime vie respiratorie (anche il comune raffreddore) ne rendano agevole l'ostruzione favorendo il ristagno delle secrezioni. Le stesse adenoidi, se ingrossate ed infiammate, possono ostruire lo sbocco tubarico.

Detto questo, è necessario porre in atto provvedimenti che mirino a ripristinare la normale capacità uditiva (che a questa età è particolarmente importante per il perfezionamento del linguaggio e per un regolare apprendimento cognitivo). A tal riguardo, vi è accordo tra la maggioranza degli otorinolaringoiatri nel considerare con migliori probabilità di successo il trattamento dell'otite media secretiva scegliendo un approccio combinato di adenoidectomia associata al drenaggio trans-timpanico.

Tuttavia, a mio parere, si dovrebbe iniziare un protocollo di terapia medica, al fine di modificare il terreno su cui agisce il processo patologico, aspettando l'esito di questo prima di un eventuale intervento chirurgico. Considerato, inoltre, che i due tipi di interventi chirurgici (adenoidectomia + drenaggio trans-timpanico) non sono necessariamente "abbinati", l'adenoidectomia potrebbe essere considerata (in presenza di adenoidi ingrossate) in associazione alla terapia medica; quest'ultima sarà sostanzialmente basata sull'impiego di cortisonici e mucolitici (essenzialmente per via inalatoria), vasocostrittori nasali e soluzioni antisettiche a base di sali d'argento, antistaminici, cure termali ed eventualmente antibiotici. Utile la regolare igiene nasale, con instillazione di soluzione fisiologica e rimozione del muco mediante idoneo aspiratore. In tale ottica, è necessario eseguire diversi cicli di terapia medica nel medio - lungo periodo prima di verificare l'opportunità di applicare un drenaggio trans-timpanico.

18/7/2002

13/1/2016

I commenti dei lettori

mio figlio e stato operato di drenaggio  e adenoidi per il fatto che ci sentiva poco mi hanno consigliato questo tipo di intervento  operato a gennaio da poco e andato via il drenaggio e il bambino dà l'impressione di sentire poco un po' come prima dell'intervento cosa è potuto succedere?   e cosa posso fare?

giuseppe 01/12/2010

la terapia termale può essere una buona soluzione

pompeo alfonsi (FR) 08/04/2012

MIO FIGLIO HA INIZIATO A SOFFRIRE D' OTITE A 3 ANNI. ADESSO HA SPESSO MAL D' ORECCHIO E PRESENTA CARENZA D' UDITO.MI HANNO DETTO CHE TUTTO DIPENDE DAL MUCO. C'E' DA PREOCCUPARSI?

lidia (CA) 10/04/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ha catarro nelle orecchie e ci sente poco"

Otiti ricorrenti
Le otiti sono infezioni acute dell'orecchio che possono essere ricorrenti nei bambini piccoli.
Rischio nella tonsillectomia
Che rischio si corre con l'intervento alle tonsille? L'operazione chirurgica viene sempre eseguita in anestesia generale.
Otiti ricorrenti: perchè si ripetono?
La ripetizione di episodi di otite media acuta in un bambino devono fare considerare se ci sono eventuali condizioni favorenti.
Non riesce a respirare dal naso
Ha tolto le adenoidi, ma non riesce a repirare dal naso.
Otiti ricorrenti: prevenzione
Se il bambino fa otiti ricorrenti, si possono applicare diversi metodi di prevenzione: antibiotici, togliere le adenoidi, mettere un drenaggio.
Insufflazioni endotimpaniche o cateterismo tubarico
Le insufflazioni endotimpaniche (cataterismo tubarico) rappresentano il metodo più valido per portare acqua termale all'interno dell'orecchio.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Misurare la temperatura basale per individuare il periodo fertile
La rilevazione della temperatura basale serve per individuare il momento dell'ovulazione e quindi stabilire il periodo fertile.
Pronazione dolorosa del radio
Ha già subito due pronazioni dolorose. La patologia si risolve spontaneamente entro i 4 anni di vita.
Raccomandazioni utili sull'alimentazione del neonato e del bambino
I consigli utili relativi all'allattamento del neonato e del bambino dopo i 6 mesi.
Craniostenosi
Con il termine di craniostenosi si intende una malformazione del cranio dovuta ad un’alterazione dell'ossificazione.
I disturbi del sonno
I disturbi del sonno: quando il bambino ha paura di addormentarsi da solo.

Quiz della settimana

Quale fra le seguenti affermazioni sulle caratteristiche del latte materno è più corretta?
Il latte materno ha caratteristiche nutritive che variano durante le varie ore della giornata
Il latte materno normalmente non ha necessità di essere analizzato in laboratorio
Il latte materno ha una composizione che varia durante la poppata
Tutte le precedenti risposte sono esatte