ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Otiti ricorrenti e allergia

Mio figlio soffre di otiti ricorrenti. Possono essere causate da allergia?

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

 È possibile che le otiti ricorrenti, con adenoidi che producono spesso molto muco, siano di origine allergica? Le prove allergiche, e gli esami per le intolleranze alimentari è possibile farli all'età di quattro anni e mezzo, età di mio figlio? Ci saranno risultati attendibili?

La cavità dell'orecchio medio è collegata, mediante la tuba d'Eustacchio, alla cavità nasale, ciò al fine di consentire il continuo deflusso della piccola quantità di muco che si forma al suo interno. Qualunque infiammazione della mucosa nasale o un'ostruzione meccanica (ipertrofia adenoidea), possono alterare questo transito. L'ostacolo al continuo deflusso di muco causa un'otite media catarrale, caratterizzata da accumulo di muco nel cavo medio. Se non si verifica alcuna infezione batterica e questo muco ristagna per moltissimo tempo (anni), la conseguenza sarà una diminuzione della capacità uditiva del bambino.

Se invece si verificano sovrainfezioni batteriche del muco, allora le conseguenze saranno soprattutto otiti ricorrenti, con sintomi quali febbre e otalgia. La rinite allergica, essendo una rinite cronica, può facilmente causare quest'ostruzione al deflusso del muco con conseguenze simili a quelle descritte. Per tale motivo spesso non è facile capire subito se i disturbi respiratori ricorrenti del bambino sono da attribuire ad ipertrofia adenoidea o a rinite allergica. Pertanto l'otite può essere una conseguenza indiretta di un'allergia respiratoria. Sono stati descritti, ma si tratta di rarità, casi di otite ricorrente in bambini con sola allergia alimentare.

All'età di quattro anni si possono praticare tutte le indagini volte alla scoperta di un'etiologia (N.d.R.: causa) allergica. Non esiste un'età nella quale tali test non sono praticabili; l'unica verità è che, mentre l'allergia alimentare è esplorabile fin dai primi mesi di vita, la diagnostica per allergia respiratoria viene di solito iniziata dai due anni in su, poiché è raro riscontrare bambini con tale allergia prima dei due anni di vita. L'attendibilità dei risultati è sempre relativa al tipo di allergia che si sta cercando. I test diagnostici (Prick test, Rast) per le allergie respiratorie sono molto più attendibili rispetto ai test per le allergie alimentari. In caso di sospetta allergia alimentare l'iter diagnostico è molto più complesso.

4/11/2003

1/3/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Otiti ricorrenti e allergia"

Prevenire le otiti con un chewing-gum?
L'uso del chewing-gum, favorendo il riflesso della deglutizione e di conseguenza l'apertura delle tube di Eustacchio, può prevenire le otiti.
Ha catarro nelle orecchie e ci sente poco
L'otite media secretiva è caratterizzato dalla formazione nella cassa del timpano di un versamento siero-mucoso o muco-gelatinoso.
Otiti ricorrenti
Le otiti sono infezioni acute dell'orecchio che possono essere ricorrenti nei bambini piccoli.
Otiti ricorrenti: prevenzione
Se il bambino fa otiti ricorrenti, si possono applicare diversi metodi di prevenzione: antibiotici, togliere le adenoidi, mettere un drenaggio.
Insufflazioni endotimpaniche o cateterismo tubarico
Le insufflazioni endotimpaniche (cataterismo tubarico) rappresentano il metodo più valido per portare acqua termale all'interno dell'orecchio.
Otiti ricorrenti: perchè si ripetono?
La ripetizione di episodi di otite media acuta in un bambino devono fare considerare se ci sono eventuali condizioni favorenti.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

L'acqua in gravidanza
L'acqua in gravidanza viene trattenuta nei tessuti provocando spesso gonfiori e aumento di peso. Si tratta, però, di disturbi lievi che si superano facilmente.
Palato ogivale
Con il termine "palato ogivale" si intende un palato molto profondo, la cui sezione ricorda appunto una ogiva.
Piedi piatti e posizione nel sonno
La posizione del sonno non ha particolare effetto sulla struttura del piede piatto. Non si può parlare di piede piatto nei primi due anni di vita.
Calazio ricorrente
La terapia medica (colliri e pomate antibiotiche associate a cortisonici) può fare regredire i calazi, se instaurata in tempo.
E' morbosamente attaccata ai nonni
Da sempre i nonni coccolano e viziano i nipoti. E' un rapporto stupendo, fatto di giochi e di complicità.

Quiz della settimana

Qaule regione del corpo è coinvolta nell'idrocefalo?
Il rene
Il cranio
La vescica
La colonna vertebrale