ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Rischio nella tonsillectomia

Che rischio si corre con l'intervento alle tonsille? L'operazione chirurgica viene sempre eseguita in anestesia generale tramite intubazione oro-tracheale e narcosi con vena incannulata.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Siamo i genitori di Alessandro, un bel bambino di 3 anni; siamo già ricorsi al vostro aiuto per problemi comportamentali (non voleva dormire nel suo letto ma in mezzo a mamma e papa'), che anche grazie al vostro aiuto abbiamo risolto. Ora ci troviamo a doverlo operarare per l'asportazione di tonsille ed adenoidi in quanto da due anni ha il naso chiuso, frequenti apnee notturne, problemi alla gola, febbre ecc... Per questi motivi il pediatra che lo segue ci ha inviato da uno specialista che visitandolo non ha avuto esitazioni e ritiene opportuno operarlo. Vista la tenera età del bambino (3anni) siamo un po' spaventati: vorremmo sapere che genere di rischi ci sono in un intervento di questo tipo e quali accorgimenti adottare per rendegli il tutto meno traumatico.

Un bambino di tre anni può essere sottoposto senza problemi ad un intervento di asportazione delle tonsille e delle adenoidi. L’operazione chirurgica viene sempre eseguita in anestesia generale tramite intubazione oro-tracheale e narcosi con vena incannulata. Alcune manovre anestesiologiche possono produrre effetti indesiderati; in particolare l’intubazione endotracheale può causare una irritazione della laringe e della trachea da corpo estraneo, che si manifesta con dolore alla deglutizione, secchezza della gola, raucedine, tosse, tutti sintomi che, in genere, regrediscono spontaneamente nel giro di alcune ore.

Per quanto riguarda l'asportazione delle adenoidi, raramente si può verificare un’emorragia post-operatoria, che solitamente insorge nelle prime sei ore dopo l’intervento e che è sempre rapidamente dominabile. Nei giorni successivi all’asportazione delle tonsille potrà essere utile somministrare gelati a volontà, permettendo al bambino di nutrirsi senza dolore e offrendo un sollievo alla gola irritata.

1/11/1997

4/1/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Rischio nella tonsillectomia"

Ha catarro nelle orecchie e ci sente poco
L'otite media secretiva è caratterizzato dalla formazione nella cassa del timpano di un versamento siero-mucoso o muco-gelatinoso.
Adenoidectomia: l'operazione per le adenoidi ingrossate
Dopo una operazione per la adenoidi ingrossate (adenoidectomia), come starà il bambino e che rischi corre? I consigli del Pediatra.
Cortisone in spray nasale per le adenoidi
Da una ricerca risulta che dopo un trattamento di circa sei mesi con uno spray a base di cortisone si è ottenuta la riduzione delle adenoidi nei bambini.
Anestesia e allattamento
L'anestesia dal dentista durante l'allattamento al seno. Quali precauzioni devo prendere? I consigli dell'Odontoiatra.
Otiti ricorrenti
Le otiti sono infezioni acute dell'orecchio che possono essere ricorrenti nei bambini piccoli.
Operato alle tonsille
Dopo l'asportazione delle tonsille ci sarà un aumento delle infezioni delle basse vie respiratorie?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare