ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Adenoidectomia: cosa fare dopo l'operazione per la adenoidi ingrossate nei bambini?

Cosa fare dopo l'intervento di adenoidectomia? L'operazione alle adenoidi ingrossate comporta dei rischi per il bambino?

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Ho un bambino di 4 anni che si sta per sottoporre ad una operazione per togliere le adenoidi (adenoidectomia). Che comportamento devo usare subito dopo l'operazione, come lo devo riguardare, cosa può e cosa non può fare?

Sede di adenoidetomia, l'operazione alle adenoidi dei bambiniImmediatamente dopo un intervento di adenoidectomia possono comparire, come conseguenza della intubazione endotracheale necessaria per l’anestesia generale, sintomi quali dolore alla deglutizione, secchezza della gola, raucedine, tosse: in genere regrediscono spontaneamente nel giro di alcune ore. Raramente si può verificare un’emorragia post-operatoria, che solitamente insorge nelle prime sei ore dopo l’intervento.

Nella prima settimana dopo l’operazione chirurgica è possibile che compaiano difficoltà ad inghiottire, vomito, dolore alle orecchie, alito cattivo. Alcune misure possono essere messe in atto durante il periodo della convalescenza: bere abbondantemente, mangiare gelati, assumere antidolorifici per alleviare il dolore (evitando però l’uso di aspirina o suoi derivati che possono favorire l’insorgenza di emorragie), non fare bagni molto caldi. Sintomi di possibili complicazioni sono: emorragie dalla bocca o dal naso che non si risolvano nel giro di pochi minuti, importante difficoltà ad inghiottire, che impedisca l’assunzione di liquidi, dolore intenso che non risponda agli antidolorifici, comparsa di febbre sopra i 38.5° C. In questi casi occorre avvertire subito il medico.

1/3/1998

27/10/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Adenoidectomia: cosa fare dopo l'operazione per la adenoidi ingrossate nei bambini?"

Apnea notturna nei bambini
Molti bambini soffrono di apnea notturna. La terapia consigliata dal Pediatra.
Tosse secca
Talvolta dietro una tosse secca continua, fastidiosa e soprattutto notturna, può esserci una crisi d'asma.
Placche in gola e febbre alta nei bambini
Placche in gola e febbre alta nei bambini sono i sintomi di una tonsillite da streptococco. Quando serve l'antibiotico come cura.
La tosse
Non presenta alcun sintomo di raffreddore, ma quando dorme, fa due e tre colpi di tosse. Quale può essere la causa?
Adenoidi e tonsille
Le tonsille e le adenoidi sono accumuli di tessuto linfatico, le prime situate in fondo alla gola le seconde nascoste nella parte posteriore della faringe.
Alito cattivo
L'alito cattivo o alitosi nei bambini si spiega con la formazione nella bocca di sostanze maleodoranti o con alcune malattie della bocca o del naso.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Craniostenosi
Con il termine di craniostenosi si intende una malformazione del cranio dovuta ad un’alterazione dell'ossificazione.
I disturbi del sonno
I disturbi del sonno: quando il bambino ha paura di addormentarsi da solo.
Sottopeso
Mia figlia di 15 mesi mangia regolarmente, è una bambina molto attiva, ma è sottopeso. La pediatra dice che l'importante che stia bene.
Giorni fertili: in quali giorni del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta?
In quali giorni fertili del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta. Come calcolare la data dell'ovulazione.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.

Quiz della settimana

Quale fra le seguenti affermazioni sulle caratteristiche del latte materno è più corretta?
Il latte materno ha caratteristiche nutritive che variano durante le varie ore della giornata
Il latte materno normalmente non ha necessità di essere analizzato in laboratorio
Il latte materno ha una composizione che varia durante la poppata
Tutte le precedenti risposte sono esatte