ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Adenoidectomia: cosa fare dopo l'operazione per la adenoidi ingrossate nei bambini?

Cosa fare dopo l'intervento di adenoidectomia? L'operazione alle adenoidi ingrossate comporta dei rischi per il bambino?

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Ho un bambino di 4 anni che si sta per sottoporre ad una operazione per togliere le adenoidi (adenoidectomia). Che comportamento devo usare subito dopo l'operazione, come lo devo riguardare, cosa può e cosa non può fare?

Sede di adenoidetomia, l'operazione alle adenoidi dei bambiniImmediatamente dopo un intervento di adenoidectomia possono comparire, come conseguenza della intubazione endotracheale necessaria per l’anestesia generale, sintomi quali dolore alla deglutizione, secchezza della gola, raucedine, tosse: in genere regrediscono spontaneamente nel giro di alcune ore. Raramente si può verificare un’emorragia post-operatoria, che solitamente insorge nelle prime sei ore dopo l’intervento.

Nella prima settimana dopo l’operazione chirurgica è possibile che compaiano difficoltà ad inghiottire, vomito, dolore alle orecchie, alito cattivo. Alcune misure possono essere messe in atto durante il periodo della convalescenza: bere abbondantemente, mangiare gelati, assumere antidolorifici per alleviare il dolore (evitando però l’uso di aspirina o suoi derivati che possono favorire l’insorgenza di emorragie), non fare bagni molto caldi. Sintomi di possibili complicazioni sono: emorragie dalla bocca o dal naso che non si risolvano nel giro di pochi minuti, importante difficoltà ad inghiottire, che impedisca l’assunzione di liquidi, dolore intenso che non risponda agli antidolorifici, comparsa di febbre sopra i 38.5° C. In questi casi occorre avvertire subito il medico.

1/3/1998

27/10/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Adenoidectomia: cosa fare dopo l'operazione per la adenoidi ingrossate nei bambini?"

Non riesce a respirare dal naso
Ha tolto le adenoidi, ma non riesce a repirare dal naso.
Tosse secca
Talvolta dietro una tosse secca continua, fastidiosa e soprattutto notturna, può esserci una crisi d'asma.
Ipertrofia tonsillare: tonsille gonfie ed ingrossate
Per ipertrofia tonsillare si intende il fatto che le tonsille siano molto ingrossate e gonfie, tanto che possano creare un disturbo alla respirazione.
Cortisone in spray nasale per le adenoidi
Da una ricerca risulta che dopo un trattamento di circa sei mesi con uno spray a base di cortisone si è ottenuta la riduzione delle adenoidi nei bambini.
Placche in gola e febbre alta nei bambini
Placche in gola e febbre alta nei bambini sono i sintomi di una tonsillite da streptococco. Quando serve l'antibiotico come cura.
Rischio nella tonsillectomia
Che rischio si corre con l'intervento alle tonsille? L'operazione chirurgica viene sempre eseguita in anestesia generale.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La febbre nel bambino
Informazioni e raccomandazioni utili sulla febbre nei bambini.
Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte