ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Allattamento al seno: come interrompere?

Per interrompere l'allattamento al seno basta far mancare lo stimolo della suzione della ghiandola mammaria. Ecco cosa consigliano i nostri esperti.

a cura di: Dott. Saverio Mirabassi (pediatra)

Mia figlia ha nove mesi e la allatto ancora due/tre volte al giorno. Come posso terminare l'allattamento in modo naturale, senza dover ricorrere a farmaci?

La richiesta di consigli per la sospensione dell'allattamento materno saltuariamente viene sollecitata dalle mamme, per i più vari motivi. Comunque, nella mia esperienza, sono anche numerose le mamme che hanno piacere di continuare l'allattamento anche a lungo.

Venendo al quesito, la risposta più semplice e più fisiologica è questa: non offrendo più il seno al bimbo, viene gradualmente a mancare lo stimolo prodotto dalla suzione, che è il fondamento del mantenimento della secrezione ormonale deputata alla stimolazione della ghiandola mammaria, che a sua volta produce il latte materno. Per conseguenza di ciò, la produzione lattea va gradualmente scemando fino a scomparire. I primi giorni la nutrice può avvertire tensione al seno, risolvibile producendo una detensione usando il "tiralatte".

Una curiosità, da non tradurre in pratica: un tempo si usava il cosiddetto sale inglese (un medicinale lassativo). Orbene, quel composto non aveva virtù particolari, ma solo, passando nel latte, lo rendeva amaro, cosicché il bimbo, che non gradiva più l'alimento, smetteva di succhiare e innescava così il meccanismo sopraricordato, con progressiva riduzione, fino a scomparsa, del latte materno.

31/1/2001

13/5/2017

I commenti dei lettori

Salve io ho un bimbo di appena11 mesi e sn incinta di 9 settimane del2 figlio cm fare x far smettere a mio figlio di bere ancora mio mio latte.a livello salutare mi hanno detto ke potrebbe sia danneggiare mio figlio ke in questo momento cio' ke succhia nn e' adatto a lui xke potrebbe spero di no portare infezione all' intestino e sia essere un pericolo x il feto ke quando si mette in atto la suzione quest' ultima potrebbe, nn e' detto,ma potrebbe far avere il distacco della placenta dalla parete uterina.sn molto in ansia e preoccupata1xke vorrei continuar a darglielo il latte a mio figlio poiche' noto ke privandogliene lui e'+ nervoso, al tempo stesso vorrei ke nn se lo prendesse piu' ma nn so ke soluzione tirare poiche ip latte in polvere nn lo gradisce ho provato di tutto mellin, humana, nipiol,.....ma nulla aiutatemi per favore vorrei sapere anke se sicuram appena il mio dottore tornera' dalle vacanze kiedero' anke a lui, se il nostro latte potrebbe andare bene tipo berna granarolo,.....grazie

enza (NA) 26/08/2012

Cara Enza, una mamma incinta può allattare senza rischio il suo primo figlio mentre è in attesa del secondo. Il latte materno continua ad essere buono e nutriente e non può fare alcun male al tuo bambino.

Qui forse il problema è un altro: la suzione al seno comporta la produzione di ossitocina, un ormone che facilita anche le contrazioni uterine; ciò potrebbe costituire un rischio in presenza di una condizione di minaccia di aborto. Senti dunque il tuo ginecologo per capire se fosse questa la sua paura.

Altrimenti, avanti con l'allattamento al seno.

giuseppe varrasi, pediatra 27/08/2012

Io ho allattato fino al quinto mese di gravidanza, senza particolari problemi, né per il feto, nè per il mio primo figlio che aveva meno di 2 anni. L'unica cosa che ho potuto constatare è un maggior fastidio ai capezzoli durante la suzione (e questo fin da quando ancora non sapevo di essere incinta, durante le primissime settimane), ho continuato ad allattare finchè me la sono sentita, e senza interrompere bruscamente. Mio figlio si è progressivamente staccato nell'arco di un mese all'età di 22 mesi. Immagino che con un bambino di 1 anno sia molto più difficile staccarlo ma so di donne che non hanno interrotto l'allattamento durante la gravidanza e non ci sono state conseguenze. L'importante è che non ci siano contrazioni all'utero troppo anticipate.

Elena (PR) 15/05/2013

Io ho dovuto smettere l'allattamento a soli due mesi di età della bambina, sotto consiglio del pediatra, per cause di forza maggiore: la mia piccola affetta da proctocolite allergica al latte vaccino non migliorava neanche con l'allattamento esclusivo al seno e nonostante io seguissi una dieta ferrea con esclusione di latte e latticini.Ci son voluti parecchi giorni affinchè il latte si esaurisse e vi assicuro che si sta male non solo fisicamente (tensione e noduli al seno) ma anche psicologicamente: con tanta fatica (ho avuto la mastite per 3 volte nelle prime 3 settimane) la produzione di latte era partita davvero bene e ne avevo in abbondanza...Allattate i vostri figli più che potete e fate che l'interruzione sia del tutto naturale..non forzate mai il vostro bambino a non prendere il seno.

Marina (SA) 01/11/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allattamento al seno: come interrompere?"

Una dieta per la mamma allergica che allatta?
Se la mamma allatta ed è allergica non è necessario praticare alcuna dieta a scopo preventivo.
Quante poppate al giorno con l'allattamento al seno?
Otto poppate al giorno sono normali per il neonato allattato al seno. Il ritmo delle poppate al seno può subire ampie variazioni.
Allattamento al seno: la mamma che allatta
L'allattamento al seno è bello e utile, ma come fare? I nostri consigli alla mamma che allatta un neonato.
Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
La montata lattea
Normalmente la montata lattea arriva circa 5 o 6 giorni dopo il parto. I consigli del Pediatra.
L'allattamento al seno è molto importante per il neonato
L'allattamento al seno è molto importante per il neonato ma porta benefici anche alla mamma.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.
Trauma dentale
Uno dei due denti incisivi si è scurito dopo un trauma. Il dentista deve fare gli accertamenti necessari dopo la valutazione diagnostica.
Afte ricorrenti
Per certi bambini soffrire di afte ricorrenti può diventare realmente un problema perché i sintomi sono dolorosi e abbastanza intensi.
Inserimento alla scuola materna: è il più giovane della classe
Nella sua classe di scuola materna sarà il più giovane. I consigli per l'inserimento.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura