ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Allattamento al seno: la mamma che allatta

Il latte materno rappresenta il miglior alimento per i neonati, perché fornisce tutti i nutrienti di cui hanno bisogno nella prima fase della loro vita. I consigli per la mamma che allatta.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Dovrò partorire tra poche settimane e vorrei avere alcuni consigli su come allattare al seno. Inoltre vorrei sapere dopo quanto tempo deve fare il ruttino il bebè.

Durante l'allattamento materno è opportuno alternare il seno da offrire al bambino, per mantenere un buon apporto di latte in entrambe le mammelle. La poppata dovrebbe durare in tutto all'incirca 20-30 minuti, e non di più per evitare che il piccolo, succhiando a vuoto, possa irritare il capezzolo.

Solitamente il lattante si stacca da solo dal seno, ma se si deve interrompere per qualche motivo il pasto, il bebè non va allontanato lasciando che rimanga appeso al capezzolo, ma è molto meglio infilare un dito nell'angolo della bocca e spingere poi il seno verso il basso.

Una volta terminata la poppata, si può aiutare il bambino a fare il "ruttino", tenendolo in posizione verticale con il capo appoggiato alla vostra spalla e battendo delicatamente qualche piccolo colpo sulla sua schiena. Il "ruttino" non è tuttavia obbligatorio, ed è sbagliato credere che in sua assenza il latte non venga digerito: il ruttino, infatti, rappresenta solo il rumore della fuoriuscita dell'aria che si è raccolta, durante la poppata, nello stomaco e non ha niente a che fare con la digestione.

Frequentemente si può anche osservare il rigurgito di piccole quantità di latte. Il bebè va lasciato attaccato al primo seno per una quindicina di minuti, poi all'altro e occorre alternare il seno con cui cominciare la poppata, a meno che non vi siano problemi di ingorgo mammario: in questo caso è meglio svuotare per primo il seno più gonfio e dolente.

Dopo ogni poppata i seni vanno lavati con acqua tiepida e senza sapone, asciugati con cura (si può eventualmente utilizzare anche il phon), coperti con garze o con coppette assorbenti (senza protezioni impermeabili), da porre all'interno del reggiseno e da sostituire frequentemente se umide. È consigliabile indossare indumenti leggeri, traspiranti, non stretti, esponendo spesso all'aria il seno (ma non direttamente al sole).

5/5/2003

21/8/2017

I commenti dei lettori

vorrei sapere che cosa posso mangiare per non fare male a lui e cose fritture non devo mangiare e vorrei sapere anche se allattando potrei dimagrire perche o ancora i chili di troppo cosa devo fare datemi un consiglio

rossella (TA) 17/01/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allattamento al seno: la mamma che allatta"

Allattamento al seno e svezzamento
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Coliche gassose e allergia al latte
Le coliche gassose possono essere provocate da un'allergia al latte? I consigli del pediatra.
Prepararsi ad allattare
La produzione del latte materno è un meccanismo complesso. E' un alimento indispensabile per le esigenze del bambino.
Una dieta per la mamma allergica che allatta?
Se la mamma allatta ed è allergica non è necessario praticare alcuna dieta a scopo preventivo.
Allattamento ogni due ore
L'allattamento ogni due ore: c'è un metodo per regolarizzare il suo appetito? Cosa consiglia il pediatra.
Allattamento al seno e risvegli notturni
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cianosi
La cianosi è il colorito scuro-bluastro della cute che normalmente indica un problema di scarsa ossigenazione dei tessuti.
Perdite di sangue in gravidanza
Trovare delle perdite di sangue durante la gravidanza può rientrare nella normalità o essere un segno di allarme. Meglio chiamare il ginecologo.
Si può prendere il fluoro con il latte?
Una corretta prevenzione della carie.
Allattamento al seno: quali vantaggi?
L'allattamento al seno rappresenta in assoluto il miglior tipo di alimentazione per il bambino nei suoi primi mesi di vita.
I disturbi del sonno nei neonati e nei bambini
Disturbi del sonno nei neonati: si svegliano parecchie volte di notte. Come facilitare il sonno nei bambini: i consigli del Pediatra.

Quiz della settimana

Che cosa significa la parola astenia?
Essere privo di forza
Altezza al di sotto della media
Carenza di vitamine
Sonnolenza