ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Allattamento al seno: la mamma che allatta

Il latte materno rappresenta il miglior alimento per i neonati, perché fornisce tutti i nutrienti di cui hanno bisogno nella prima fase della loro vita. I consigli per la mamma che allatta.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Dovrò partorire tra poche settimane e vorrei avere alcuni consigli su come allattare al seno. Inoltre vorrei sapere dopo quanto tempo deve fare il ruttino il bebè.

Durante l'allattamento materno è opportuno alternare il seno da offrire al bambino, per mantenere un buon apporto di latte in entrambe le mammelle. La poppata dovrebbe durare in tutto all'incirca 20-30 minuti, e non di più per evitare che il piccolo, succhiando a vuoto, possa irritare il capezzolo.

Solitamente il lattante si stacca da solo dal seno, ma se si deve interrompere per qualche motivo il pasto, il bebè non va allontanato lasciando che rimanga appeso al capezzolo, ma è molto meglio infilare un dito nell'angolo della bocca e spingere poi il seno verso il basso.

Una volta terminata la poppata, si può aiutare il bambino a fare il "ruttino", tenendolo in posizione verticale con il capo appoggiato alla vostra spalla e battendo delicatamente qualche piccolo colpo sulla sua schiena. Il "ruttino" non è tuttavia obbligatorio, ed è sbagliato credere che in sua assenza il latte non venga digerito: il ruttino, infatti, rappresenta solo il rumore della fuoriuscita dell'aria che si è raccolta, durante la poppata, nello stomaco e non ha niente a che fare con la digestione.

Frequentemente si può anche osservare il rigurgito di piccole quantità di latte. Il bebè va lasciato attaccato al primo seno per una quindicina di minuti, poi all'altro e occorre alternare il seno con cui cominciare la poppata, a meno che non vi siano problemi di ingorgo mammario: in questo caso è meglio svuotare per primo il seno più gonfio e dolente.

Dopo ogni poppata i seni vanno lavati con acqua tiepida e senza sapone, asciugati con cura (si può eventualmente utilizzare anche il phon), coperti con garze o con coppette assorbenti (senza protezioni impermeabili), da porre all'interno del reggiseno e da sostituire frequentemente se umide. È consigliabile indossare indumenti leggeri, traspiranti, non stretti, esponendo spesso all'aria il seno (ma non direttamente al sole).

5/5/2003

15/6/2016

I commenti dei lettori

vorrei sapere che cosa posso mangiare per non fare male a lui e cose fritture non devo mangiare e vorrei sapere anche se allattando potrei dimagrire perche o ancora i chili di troppo cosa devo fare datemi un consiglio

rossella (TA) 17/01/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allattamento al seno: la mamma che allatta"

Latte per il neonato
Qual è la quantità corretta di latte per un neonato nei primissimi giorni di nascita? I consigli del Pediatra.
Allattamento al seno dopo i sei mesi
Come cambia la composizione del latte materno nei primi 12 mesi? Un aiuto alla mamma che allatta.
Integrazione del latte materno
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.
Allattamento al seno e svezzamento
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Coliche gassose e allergia al latte
Le coliche gassose possono essere provocate da un'allergia al latte? I consigli del pediatra.
Allattamento al seno: come interrompere?
Non offrendo più il seno al bimbo, viene gradualmente a mancare lo stimolo prodotto dalla suzione. Di conseguenza la produzione lattea va scemando gradualmente.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte