ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Allattamento al seno: non vuole attaccarsi

Il neonato non si attacca al seno. Qualche suggerimento per non rischiare di perdere il latte della mamma.

a cura di: Dott. Rodolfo Varani (pediatra)

La nostra bimba (primogenita) ha otto giorni, ma non vuole saperne di attaccarsi al seno della mamma, nonostante che lei abbia il latte. La mamma, con tutta dolcezza, la invita sempre a provare avvicinandola al capezzolo, aiutandola a tenerlo in bocca, ma la bimba, dopo un minimo tentativo di succhiare, diventa impaziente e piange. L'unica soluzione è il prelievo tramite tiralatte e quindi il biberon. Questo purtroppo è molto snervante per la mamma che inizia a dare segni di cedimento. Eppure il ciuccio lo succhia con molta tenacia. Sapete dirci perché si comporta così e avete qualche suggerimento da fornirci per non rischiare di perdere il latte della mamma?

Innanzi tutto otto giorni sono pochi per dare segni di cedimento materno. Se è difficile improvvisarsi madre o padre... pensate quanto sia difficile improvvisarsi figlio e quindi non si può pretendere che il bambino a otto giorni debba fare subito il suo dovere e si adatti subito alla situazione. Quindi pazienza e niente drammi. È difficile poter dare consigli così, senza conoscere da vicino la bambina o la mamma. Penso che si sia esclusa la presenza del capezzolo retratto che comporterebbe una impossibilità della bambina ad attaccarsi regolarmente.

L'unica soluzione è avere pazienza e insistere per altri giorni tirandosi il latte e provando, con calma, anche ad attaccare la bambina al petto. Spesse volte la situazione si sblocca da sola senza altre tecniche o senza altri trucchi particolari. Per tranquillizzare la mamma basta dirle che, se il latte c'è e se lo estrae dalla mammella per un po' con il tiralatte, la bambina cresce bene lo stesso. Si può anche ipotizzare che vi sia il cosiddetto "ingorgo" del latte e che la mamma possa essere aiutata (consultare a questo proposito il proprio ginecologo o il proprio pediatra), se ritiene opportuna la somministrazione di farmaci che "scioglierebbero" questo "ingorgo" del latte e renderebbero più facile la poppata in modo da far prendere il via alla bambina.

4/9/2002

23/11/2009

I commenti dei lettori

Buongiorno, sono mamma di Riccardo un bel bambino di 3 mesi e di 6,410 kg!! Volevo dire a questa mamma di non mollare! il mio bambino si è attaccato al seno solo nei 3 gg di ospedale, poi a casa è stata una battaglia persa...dopo 4 gg di pianti abbiamo deciso di comperare biberon e latte artificiale, ma io nel frattempo continuavo a toglierlo, circa 5-6 volte ogni giorno. Così sono arrivata a fargli 4 pasti completi di latte materno al giorno, che alternavo con quelli di artificiale. Poi una sera per curiosità ho provato a vedere se si attaccava...dopo ben 21 gg dalla nascita ci siamo riusciti!!! All' inizio gli serviva qualche aggiunta di artificiale, ma ora mangia solo dal seno e il biberon è un bel ricordo!! Non è una strada facile, ma la fatica iniziale si è trasformata in una soddisfazione unica!!!

Valentina (VR) 04/12/2012

Cara Valentina, io sto avendo la tua stessa esperienza. Riprovo ad attaccare Yuri di 2 mesi, 5,200kg, ma ha ancora difficolta'ad attaccarsi bene, quindi ritorno al biberon per essere sicura che lui mangi abbastanza, e che sia piu' tranquillo, lui e io!! Ogni tanto riproverò ad attaccarlo, ma ormai mi sa che si è abituato al biberon. Saluti, Eleonora (FI)

Eleonora (FI) 24/01/2013

ciao a tuttti sono nuova ma vorrei rispondere per dire alla mamma di non mollare . Io sono mamma da 9 mesi di una splendida bimba, ho dovuto fare il cesario e all'inizio la piccola nn si attaccava al seno era scesa di peso 300 g usciti dall'ospedale, ero molto triste e mi stavo arrendendo e cosi ' ho preso la decisione di dare un po di aggiunta di artificiale oltre a tirarlo con il tiralatte. Nel frattempo continuo imperterterrita ad attaccarla provavo in continuaizione, ho passato i primi due mesi e mezzo di notte di giorni ...e' stato un vero stress ma ho resistito , poi un giorno nn ha piu voluto il biberon ma solo il seno e vedendo che cresceva molto bene ho smesso con il bibe. da li solo latte materno, ora nonostante abbia dopo il 7 mese con lo svezzamento nn ne vuole sapere di lasciare il seno e continuero' finoa quando il latte arriva . Non mollare resisti dammi retta fallo per la tua bambina.

Alessandra (MC) 29/01/2013

Sono una mamma con alle spalle due allattamenti riusciti. Per partire bene con l'allattamento al seno il ciuccio non va dato al bambino, tantomeno se appena nato!!! Forse per questo non vuole attaccarsi al seno: deve aver fatto confusione.

Elena (PR) 11/05/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allattamento al seno: non vuole attaccarsi"

Allattamento al seno: quali vantaggi?
L'allattamento al seno rappresenta in assoluto il miglior tipo di alimentazione per il bambino nei suoi primi mesi di vita.
Anestesia e allattamento
L'anestesia dal dentista durante l'allattamento al seno. Quali precauzioni devo prendere? I consigli dell'Odontoiatra.
Rigonfiamento del capezzolo in un ragazzo adolescente
Il rigonfiamento del capezzolo in un ragazzo adolescente è un fenomeno fisiologico che che si presenta in più di due terzi dei ragazzi al momento della pubertà.
Pubertà precoce
Si definisce classicamente pubertà precoce vera la comparsa dei primi segni di sviluppo puberali a un'età inferiore agli otto anni nella femmina.
Prepararsi ad allattare
La produzione del latte materno è un meccanismo complesso. E' un alimento indispensabile per le esigenze del bambino.
Allattamento al seno e lavoro
Il bambino si abituerà facilmente al cambiamento di orario dell'allattamento dovuto al rientro al lavoro. non bisogna sentirsi in colpa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo