ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Inizia a voler camminare troppo presto

A sei mesi e mezzo cerca di fare qualche passetto. I genitori spesso vorrebbero che i figli iniziassero a camminare prima del tempo.

a cura di: Dott. Antonio Andreacchio (ortopedico)

Ho un bimbo di sei mesi e mezzo e volevo chiedere quando posso cominciare a farlo caricare per camminare, visto che lui tende ad alzarsi aggrappandosi ai mobili e, se lo si tiene con le mani, sta in piedi e cerca di fare qualche passetto. Non vorrei che fosse troppo presto ed ho paura che si faccia male alle anche.

ll cammino è un evento naturale la cui tempistica è dettata dalla maturazione neurologica del bambino e dal raggiungimento di determinate tappe evolutive. Questo per dire che nessun può farci camminare prima del tempo se il nostro organismo non è pronto. Tutti i bambini sani sono programmati per assumere una stazione eretta e camminare.

Generalmente alcune tappe sono ben codificate nel raggiungere determinate autonomie: a 3 mesi si raggiunge il controllo del capo che smette di ciondolare, a 4 mesi si acquisisce il rotolamento del corpo, a 6-7 mesi si riesce a mantenere una postura seduta in modo autonomo, a 9-10 mesi si iniziano a fare delle prove di cammino, tenendosi in piedi aggrappati, a 12 mesi si inizia a camminare in modo autonomo.

Tali date sono soggette a variazioni individuali ma sono frutto di una maturazione neurologica e motoria e non vanno forzate, pena la possibilità di determinare danni o problemi futuri.

Non è consigliabile sostenere e aiutare il bambino a camminare in quanto una cosa è il desiderio del bambino di farlo, cosa che è già presente alla nascita (esiste un riflesso della marcia  che viene fatto dai neonatologi alla nascita) altra cosa è essere pronti per farlo in quanto la maturazione del nostro apparato neurologico e locomotore va rispettata.

Sarebbe un po’ come far guidare la macchina ad un dodicenne solo perché lo desidera e abbiamo visto che se la cava a girare il volante sulle giostre. Vanno banditi girelli e aiuti sproporzionati nel sostenere e incoraggiare quello che non è che un riflesso, non una marcia autonoma.

Sottoporre le ossa a carichi prolungati, come nel girello, possono determinare in alcuni casi accentuazioni del varismo delle ginocchia e vizi del cammino con passo sulla punta dei piedi. Ogni tappa della nostra vita implica sacrificio e volontà di raggiungere determinati risultati con un impegno che ognuno di noi deve trovare attingendo alle proprie forze.

Anche il raggiungimento del cammino autonomo non si sottrae a questa legge. È la motivazione a scoprire quel che ci circonda o a raggiungere qualcosa che ci piace che ci spinge ad alzarci e camminare quando siamo pronti dal punto di vista organico a farlo, ognuno di noi ha avuto questa spinta interiore anche se non ne eravamo consci.

Lasciare che il bimbo al momento giusto raggiunga quel che desidera senza che un adulto glielo porti è il giusto atteggiamento. Molti bambini tardano a iniziare a camminare solo perché i genitori li assecondano in tutto e sono pronti a portare loro ogni oggetto il bambino manifesta volere senza lasciare che questi si lanci da solo a cercare di raggiungerlo.

Cara signora, non abbia fretta di veder camminare suo figlio prima del tempo: lui ha solo sei mesi e mezzo ed è troppo presto. Il momento verrà quanto tutto sarà pronto per camminare.

Al momento lasciarlo giocare nel box permette a lui di giocare, aggrapparsi, stare seduto, giocare in ambiente protetto e consente a lei di tenerlo sott’occhio facilmente. Verrà il momento in cui camminerà senza aiuto di nessuno e da lì in avanti bisognerà aumentare di molto la sorveglianza per evitare i pericoli che derivano dall’indipendenza di movimento e
dall’incoscienza dei piccoli.

29/10/2012

24/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Inizia a voler camminare troppo presto"

Cammina sulle punte
Mio figlio di sei anni cammina sulle punte. I piedi sono perfetti e non ha difetti morfologici a carico dei tendini. I consigli dell'ortopedico.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare