ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ingrossamento delle adenoidi e allergia: esistono studi scientifici nei bambini?

L'allergia alimentare si caratterizza per una estrema variabilità delle espressioni cliniche. La Sindrome Allergica Orale si manifesta dopo pochi minuti dal contatto con alcuni alimenti.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Esiste un rapporto tra ingrossamento delle adenoidi ed allergia alimentare? Esiste qualche studio/ricerca sulla possibile connessione tra allergia alimentare e ingrossamento delle adenoidi?

L'allergia alimentare si caratterizza per una estrema variabilità delle espressioni cliniche. Le manifestazioni prevalenti sono a carico del canale digestivo, ma si possono verificare sintomi anche a carico della cute e dell'apparato respiratorio, mentre sono coinvolti più raramente gli altri apparati, sino allo shock allergico. La Sindrome Allergica Orale, per esempio, si manifesta dopo pochi minuti dal contatto con alcuni alimenti con edema delle labbra, prurito al palato, fenomeni infiammatori a carico del cavo orale associati talvolta ad edema della glottide (da qui la difficoltà respiratoria). Altre manifestazioni respiratorie si possono verificare a seguito dell'ingestione dell'alimento, sotto forma di rinite (talora associata a congiuntivite, sinusite od otite media sierosa) o di asma bronchiale.

Queste manifestazioni cliniche (Sindrome Allergica Orale, rino-congiuntivite, asma bronchiale ecc.) possono manifestarsi in soggetti pollinosici (N.d.R.: individui con allergia ai pollini) dopo ingestione di alcuni alimenti vegetali. Per quanto riguarda connessioni tra allergia ed ingrossamento adenoideo, tra le pubblicazioni degli ultimi anni non compaiono autori che abbiano riscontrato correlazioni significative.

6/10/2000

14/9/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ingrossamento delle adenoidi e allergia: esistono studi scientifici nei bambini?"

Cortisone in spray nasale per le adenoidi
Da una ricerca risulta che dopo un trattamento di circa sei mesi con uno spray a base di cortisone si è ottenuta la riduzione delle adenoidi nei bambini.
Apnea notturna nei bambini
Molti bambini soffrono di apnea notturna. La terapia consigliata dal Pediatra.
La tosse
Non presenta alcun sintomo di raffreddore, ma quando dorme, fa due e tre colpi di tosse. Quale può essere la causa?
Non riesce a respirare dal naso
Ha tolto le adenoidi, ma non riesce a repirare dal naso.
Rischio nella tonsillectomia
Che rischio si corre con l'intervento alle tonsille? L'operazione chirurgica viene sempre eseguita in anestesia generale.
Alito cattivo
L'alito cattivo o alitosi nei bambini si spiega con la formazione nella bocca di sostanze maleodoranti o con alcune malattie della bocca o del naso.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Trauma cranico: cosa fare quando un bambino sbatte la testa
Come gestire il trauma cranico. Non è sempre necessario portarlo in ospedale.
Non vuole stare con suo papà
Mia figlia di 13 mesi vuole stare sempre con me e non con il suo papà. I consigli dello psicologo.
Punti neri sulla fronte
La terapia da seguire per l'eliminazione dei punti neri sulla fronte.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte