ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Non riesce a respirare dal naso

Talvolta dopo l'intervento il tessuto adenoideo, se non asportato completamente, tende ad ipertrofizzarsi creando difficoltà al passaggio dell'aria e quindi il bambino non riesce a respirare dal naso.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Mio figlio di quattro anni e mezzo ha tendenza a frequenti bronchiti con produzione notevole di catarro. Un anno fa è stato operato di adenoidectomia, e ciò gli ha permesso di migliorare leggermente la situazione, anche se spesso, nonostante l'intervento, ha il naso chiuso. Sottoposto a test allergologici, è risultato positivo alle graminacee. La situazione per lui degenera di notte, quando il catarro prodotto si deposita, dando luogo a episodi di tosse anche consistenti (arrivando a vomitare la cena). Una cosa che ho comunque notato è che il bimbo, anche quando ha il naso non otturato, tende a respirare rumorosamente con la bocca, e non utilizza il naso. Il bambino, pur essendo vivace ed attivo, tende, a fronte di uno sforzo, ad entrare in affanno, e anche quando parla o mangia si ferma per prendere un respiro (con la bocca). Vorrei sapere se questo comportamento è effettivamente una delle cause di questa sintomatologia, e cosa è possibile fare per cambiare questa abitudine, riportandolo a respirare correttamente con il naso.

Per quanto riguarda il problema adenoideo andrebbe rifatta una visita specialistica otorinolaringoiatrica associata a endoscopia nasale, per vedere la situazione attuale all'interno del naso (ipertrofia dei turbinati? residui di adenoidi? deviazione del setto nasale?). Talvolta dopo l'intervento il tessuto adenoideo, se non asportato completamente, tende ad ipertrofizzarsi creando difficoltà al passaggio dell'aria e quindi nuovamente sintomatologia.

Per quanto riguarda il problema graminacee, direi che è appropriato valutare una terapia desensibilizzante sublinguale per l'allergene in questione, migliorando così il quadro clinico causato dall'allergia e conseguentemente la respirazione del bambino. Si potrà eventualmente associare terapia medica topica (nasale) o sintomatica (per bocca) nei periodi di maggiore pollinazione. Per ultimo, ma non meno importante, è opportuna una costante sorveglianza affinché il bimbo soffi il naso, eliminando regolarmente le secrezioni che si accumulano e che sono causa di tosse (scolo nel retrofaringe) e di respiro con la bocca. Nei bimbi più piccoli, si pratica un lavaggio con soluzione fisiologica e rimozione del muco mediante idoneo aspiratore; nei più grandi, utile anche un apparecchietto che, col gioco, insegna ai bambini a soffiare bene il nasino, ricreando l'abitudine persa.

9/3/2001

4/5/2014

I commenti dei lettori

anche la mia bimba di 4 anni soffre di adenotonsiliti e quando gli viene il catarro gli attacca subito l'asma .ho trovato rimedio con il rinowash, è un ottimo metodo

rosaria (NA) 26/03/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Non riesce a respirare dal naso"

Sintomi di adenoidi ingrossate nei bambini
I sintomi di adenoidi ingrossate nei bambini sono difficoltà nella respirazione nasale e respirazione prevalentemente con la bocca. Si può fare l'operazione.
Apnea notturna nei bambini
Molti bambini soffrono di apnea notturna. La terapia consigliata dal Pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Craniostenosi
Con il termine di craniostenosi si intende una malformazione del cranio dovuta ad un’alterazione dell'ossificazione.
I disturbi del sonno
I disturbi del sonno: quando il bambino ha paura di addormentarsi da solo.
Sottopeso
Mia figlia di 15 mesi mangia regolarmente, è una bambina molto attiva, ma è sottopeso. La pediatra dice che l'importante che stia bene.
Giorni fertili: in quali giorni del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta?
In quali giorni fertili del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta. Come calcolare la data dell'ovulazione.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.

Quiz della settimana

Quale fra le seguenti affermazioni sulle caratteristiche del latte materno è più corretta?
Il latte materno ha caratteristiche nutritive che variano durante le varie ore della giornata
Il latte materno normalmente non ha necessità di essere analizzato in laboratorio
Il latte materno ha una composizione che varia durante la poppata
Tutte le precedenti risposte sono esatte