ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Adenoidi e tonsille

L'asportazione delle adenoidi e/o delle tonsille rappresenta l'operazione chirurgica in anestesia generale più frequentemente eseguita in età pediatrica.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Ho una bambina di tre anni che deve essere operata di adenoidi e tonsille, perché ormai le infezioni con febbre alta erano diventate molto frequenti. Ho deciso di seguire il consiglio del mio pediatra che ritiene l'intervento chirurgico inevitabile, ma vorrei sapere perché certi pediatri invece consigliano di attendere.

L'adenoidectomia e la tonsillectomia sono due distinti interventi chirurgici, anche se per consuetudine vengono spesso attuati contemporaneamente. L'asportazione delle adenoidi e/o delle tonsille rappresenta l'operazione chirurgica in anestesia generale più frequentemente eseguita in età pediatrica, ma negli ultimi 10-15 anni si è verificata una netta riduzione degli interventi: ciò è da attribuirsi alla diatriba che ha caratterizzato la comunità medica negli ultimi due decenni per quanto concerne le reali indicazioni all'adenoidectomia e/o tonsillectomia.

Come è noto, le tonsille e le adenoidi sono accumuli di tessuto linfatico, le prime situate in fondo alla gola (ai lati dell'ugola e della faringe), le seconde nascoste nella parte posteriore della faringe. Il loro compito è di costituire una barriera protettiva contro i batteri e i virus; non sempre però riescono a resistere agli attacchi di questi agenti infettivi, per cui spesso si infiammano e si ingrossano. Di conseguenza le indicazioni all'adenoidectomia e/o alla tonsillectomia possono essere di carattere ostruttivo e di carattere infettivo. Le indicazioni per problemi ostruttivi comprendono l'ostruzione cronica delle vie respiratorie superiori causata da ipertrofia adenoidea, tonsillare o adenotonsillare. I sintomi compaiono più frequentemente durante il sonno con respiro russante e/o episodi di apnea, ma anche di giorno con respirazione abituale a bocca aperta, difficoltà alla deglutizione, disturbi della crescita staturo-ponderale (da ipossia cronica), sonnolenza di giorno (come conseguenza dei frequenti risvegli notturni e del sonno disturbato). Le indicazioni per problemi infettivi includono, per quanto riguarda le tonsille, un'elevata ricorrenza di faringo-tonsilliti da streptococco beta-emolitico di gruppo A e l'ascesso peri-tonsillare.

Nel caso invece di evidente ipertrofia adenoidea, le otiti recidivanti rappresentano indicazioni all'adenoidectomia in alternativa o in concomitanza ad altri provvedimenti come l'applicazione di un drenaggio trans-timpanico o la profilassi antibiotica. Le adenoidi ingrossate inoltre, inibendo il normale flusso dei secreti dal naso alla faringe, possono favorire la comparsa e la persistenza di processi infettivi del rinofaringe che, estendendosi ai seni paranasali e alla mucosa bronchiale, danno luogo alla cosiddetta "sindrome sino-bronchiale" caratterizzata da tosse persistente, rinite cronica e scolo di muco-pus sulla parete posteriore del rinofaringe.

1/12/1996

1/5/2015

I commenti dei lettori

Salve, il mio bambino di 3anni e mezzo dalla nascita fino ad oggi è risultato più sensibile a livello delle vie respiratorie alte ed in particolare della trachea. Costantemente, infatti è soggetto ad una più o meno forte tossetta catarrosa a livello della trachea. Ultimamente poi, dopo una forte tonsillite con relativa cura antibiotica, presenta sulle tonsille delle vene rosse e gonfie che non vanno via? come comportarsi?

michela (LT) 13/06/2011

Ho risolto ogni problema di rinite, tosse, febbre, malessere generale (anche per una piccola sudata), asportando a mio figlio di 5 anni le sole adenoidi con consiglio del Pediatra e dello specialista Otorinolangoiatra.

Giuseppe (CH) 22/11/2011

per tonsille ipertrofiche le terme possono servire?

luciana (FG) 11/02/2012

salve mia figlia 4 anni tra un mese, andando alla materna è a contatto con virus e batteri molto frequentemente, stando pero alla pediatra non si è ammalata spesso anzi, 3 volte con febbre normale e ricorso ad antibiotici, e 3 volte episodi di febbre anche alta ma senza ricorre a farmaci tranne tachipirina. io da quando le parte il raffreddore faccio rinowash una volta al giorno e goccine di argento proteinato. l otorino mi ha parlato di adenoidi ipertrofiche ma sinceramente non so che grado poiche mia figla non ha mai muco giallo è sempre un muco trasparente, ha avuto un paio di volte mal d orecchi risolto con antiinfiammatorio e anche di notte respira con il naso, si russa per le prime ore del sonno ma poi la smette. non saprei sinceramente che grado di gravità attribuire al problema

liliana (PE) 29/04/2012

salve mia figlia a 3 anni e a fatto l'operazione di asportazione di tonsille e adenoidi 10giorni fa e andato tutto bene; l'adenotonsillectomia  sembra un'operazione difficile invece sono passatti 10giorni e mangia gia tutta la roba morbida.. fatela un consiglio noi stiamo risolvendo tanto....

masina (OT) 19/12/2012

mio figlio ha tre anni e 5 mesi, si è beccato la scarlattina già tre volte in un anno,il pediatra vorrebbe prescrivergli una visita dall'otorino, mi ha parlato di adenoidi, la visita è dolorosa? il bambino non ha mai avuto un otite, respira male quando si ammala, e ci sente benissimo, in questo caso si potrebbe parlare solo di tonsillite ?

gina (CA) 12/01/2013

vorrei sapere quanto tempo dura l'operazione delle tonsille.

PAOLA (RM) 22/01/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Adenoidi e tonsille"

Ipertrofia tonsillare: tonsille gonfie ed ingrossate
Per ipertrofia tonsillare si intende il fatto che le tonsille siano molto ingrossate e gonfie, tanto che possano creare un disturbo alla respirazione.
Non riesce a respirare dal naso
Ha tolto le adenoidi, ma non riesce a repirare dal naso.
Otiti ricorrenti
Le otiti sono infezioni acute dell'orecchio che possono essere ricorrenti nei bambini piccoli.
Placche in gola e febbre alta nei bambini
Placche in gola e febbre alta nei bambini sono i sintomi di una tonsillite da streptococco. Quando serve l'antibiotico come cura.
Rischio nella tonsillectomia
Che rischio si corre con l'intervento alle tonsille? L'operazione chirurgica viene sempre eseguita in anestesia generale.
Operato alle tonsille
Dopo l'asportazione delle tonsille ci sarà un aumento delle infezioni delle basse vie respiratorie?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.
Mucoviscidosi o fibrosi cistica
La mucoviscidosi è una malattia caratterizzata dalla produzione di secrezioni ghiandolari particolarmente viscose e da alterazioni del pancreas e dei bronchi.
Animali in casa?
Animali in casa, si o no? Non vi sono controindicazioni, a patto che si seguano delle norme igieniche rigorose.
Il bambino iperattivo
Le cause dell'iperattività e deficit di attenzione e cosa fare se un bambino sembra iperattivo.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica