ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Maschio o femmina? Il sesso del nascituro

Maschio o femmina? Quali "metodi" ci sono per sapere il sesso del nascituro? Oggi l'ecografia consente, tra il quarto e quinto mese, di vedere quasi sempre se il feto è maschio o femmina.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Sono per fortuna lontani i tempi in cui il sesso del nascituro poteva costituire un problema per i suoi genitori. Oggi, salvo rarissime patologiche eccezioni, maschietti e femminucce sono altrettanto ben accetti nelle loro famiglie.
A quasi tutti i futuri genitori capita comunque di provare una certa curiosità di sapere, forse per prepararsi meglio psicologicamente all’incontro con il proprio bambino.

Fino a pochi anni fa, queste fantasticherie continuavano fino al momento del parto e solo le tradizioni e le superstizioni offrivano "metodi" per sapere il sesso del bambino. Oggi l’ecografia consente, tra il quarto e quinto mese, di vedere quasi sempre se il feto è maschio o femmina.

Meno note, ma altrettanto importanti sono le conoscenze di ciò che avviene nei meccanismi dello sviluppo fetale.
Il cromosoma sessuale dell’ovulo materno è sempre X. Lo spermatozoo, invece, può portare una X o una Y che, combinata con la X dell’ovulo, darà vita in modo del tutto casuale a un maschio (XY) o una femmina (XX).

Fino alla 12° settimana, però, il nuovo individuo non è compiutamente maschio o femmina: il primo abbozzo di organi  genitali è identico e ha caratteristiche femminili. Poi il cromosoma Y, se è presente, grazie a particolari ormoni guiderà la differenziazione e trasformerà il nuovo individuo in maschio. Se il feto è XX, questo meccanismo ormonale non si innesca e nasce una femmina.

Ciò significa in pratica che il "modello base" è femminile: se su di esso intervengono i "comandi" del cromosoma Y (portato dal padre) esso virerà verso l’individuo maschio, altrimenti continuerà la sua evoluzione femminile.

26/11/2009

23/7/2016

I commenti dei lettori

ciao mi chiamo Nella 78 ho 31 anni voglio sapere come si fa maschio o femmina? esempio il 5 ottobre inizia le mestruazione finisce il 12 ottobre dopo 4 giorni il 16 ottobre poco fertile concepire sara' femmina e giusto? invece il 19 ottobre alta fertile sara' maschio e giusto? grazie

Nella 29/10/2010

Ho saputo una settimana fa che a novembre nascerà la nostra bellissima quinta bambina...Più felici di noi non c'è nessuno...Al diavolo i calcoli con la speranza di far nascere maschio o femmina...Mia nonna diceva: "l'importante è che sia sano"... Elisa :)

elisa (RM) 20/07/2011

ho sentito molto parlare che qualche volta il sesso si può vedere anche attraverso la translucenza nucale.... è vero???????? mah! l'importante è che sia sano in effetti.. sono a 11 settimane e sono strafelice!!!!! dory

Doriana (BA) 23/11/2011

ciao future mamme!!sono alla 11 settimana del mio secondo pargolo e sono felicissima!!! del mio primo bimbo avevo solo 19 anni confusa e piena di nausee i primi mesi sono stati duri e al sesso non ci pensavo nemmeno,comuque al quarto mese ho saputo che era un maschietto ed è stato il momento in cui ho capito che dentro di me stava crescendo una persona che un domani sarebbe diventato uomo! ora piu consapevole di cosa mi succederà nei prossimi mesi ho una gran voglia di sapere che cos è, spero tanto che alla translucenza mi dicano qualcosa....io mi sento una femminuccia anche se mi piacerebbe un altro maschietto.....chissà

elisa (UD) 08/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Maschio o femmina? Il sesso del nascituro"

Mostrarci nudi
Non ci facciamo problemi a mostrarci nudi davanti a nostra figlia. E' un atteggiamento corretto? I consigli della psicologa.
Si tocca il pisellino
Toccarsi il pisellino è un gesto spontaneo molto frequente nei bambini. Ma i genitori reagiscono spesso con imbarazzo.
Spiegare l'educazione sessuale
Rispondere alle domande di un bambino sull'argomento "educazione sessuale" non è sempre facile e alcune volte imbarazzante. Il consiglio dell'esperto.
Sesso in gravidanza
In una gravidanza iniziata senza problemi non esiste alcun motivo medico per rinunciare ad avere rapporti sessuali.
Si tocca il pisellino in pubblico
Nostro figlio di quattro anni si tocca il pisellino in pubblico. Come ci si comporta. I consigli dell'esperto.
Sesso in gravidanza
L'attività sessuale durante la gravidanza non solo non è dannosa, ma è fonte di benessere per la coppia e per il bambino che nascerà.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte