ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Si tocca il pisellino in pubblico

Nostro figlio di quattro anni si tocca il pisellino in pubblico. Come possiamo dirgli che certi atteggiamenti in pubblico sono sconvenienti? I consigli dell'esperto.

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Il nostro primo (di due) figli, maschio, quattro anni e mezzo, sta passando un periodo relativamente morboso nei confronti degli apparati sessuali proprio, e degli amichetti. Nonostante crediamo che sia una fase passeggera e forse necessaria, ci troviamo anche di fronte al problema di non sapere come reagire in modo da comunicare al bambino che certi atteggiamenti in pubblico sono, come minimo, sconvenienti, senza però sviluppare in lui dei tabù o delle reazioni negative nei confronti della sessualità.

Sicuramente la curiosità per il proprio e altrui sesso è una situazione di assoluta normalità, come pure il piacere che da esso deriva. La stimolazione dei genitali e il conseguente piacere segnano l'inizio di una nuova fase dello sviluppo psicologico del bambino: la fase fallica. Il bambino scopre i propri genitali, scopre le differenze fra i sessi, scopre il piacere che procura il toccarsi e scopre un attaccamento diverso al genitore del sesso opposto. In tutto ciò non c'è nulla di deviato o di perverso: la natura li mette di fronte ad una nuova realtà, con cui imparano a fare i conti.

Ma allora bisogna lasciarlo fare? Se il bambino inconsapevolmente ha degli atteggiamenti imbarazzanti, in pubblico o anche in casa, è compito dei genitori riprenderlo. I genitori hanno il dovere di porsi come modello educativo per i propri figli, suggerendo ad essi come esempio il corretto comportamento di papà e mamma. Se i genitori vivono il rimprovero con normalità, il rischio di inibire la sessualità o creare dei tabù non esiste.
Evitando di porre le questione in termini morali (che al bambino sembreranno incomprensibili o comunque assurdi e che comunque sono del tutto fuori luogo), si può invitare il bambino a non farlo, analogamente a come si insegna a "non mettere le dita nel naso" o a "non dire parolacce" o altre norme di galateo. Insomma, inquadrare tutto nella buona educazione, senza drammi né paure per il futuro.

1/1/1997

8/5/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Si tocca il pisellino in pubblico"

Sesso in gravidanza
L'attività sessuale durante la gravidanza non solo non è dannosa, ma è fonte di benessere per la coppia e per il bambino che nascerà.
Masturbazione
Mia figlia di cinque anni si masturba. Come posso aiutarla a superare questo momento? Cosa consiglia la psicologa.
Maschio o femmina? Il sesso del nascituro
Maschio o femmina? A quasi tutti i futuri genitori capita di provare una certa curiosità di sapere, forse per prepararsi meglio psicologicamente all'incontro.
Sesso in gravidanza
In una gravidanza iniziata senza problemi non esiste alcun motivo medico per rinunciare ad avere rapporti sessuali.
Mostrarci nudi
Non ci facciamo problemi a mostrarci nudi davanti a nostra figlia. E' un atteggiamento corretto? I consigli della psicologa.
La masturbazione nel bambino
La masturbazione nel bambino: i consigli degli esperti.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Speciale: l'ABC del nasino sano
Quasi tutti i piccoli e grandi malanni dei nostri piccoli iniziano dal naso. Trattiamolo con cura.
Stitichezza o stipsi nei bambini
Le cause di stitichezza si possono riassumere in stipsi da squilibri alimentari e la stipsi da ritenzione volontaria. Cosa fare in caso di stitichezza.
E' nata con solo un rene
E' nata con solo un rene. Da un'ecografia risultano numerose aree di ipofissazione riconducibili probabilmente a forme cistiche o displasiche.
Quando iniziare lo svezzamento in caso di allattamento al seno?
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.

Quiz della settimana

Lo scorbuto è una malattia causata dalla carenza di una vitamina. Quale?
Vitamina A
Vitamina C
Vitamina E
Vitamina K