ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Si masturba a cinque anni

Mia figlia di cinque anni si masturba. Come posso aiutarla a superare questo momento? I consigli della psicologa per risolvere questa situazione.

a cura di: Dott. Luciano Pasqualotto (psicopedagogista della redazione di www.educare.it)

È da qualche tempo che la mia bambina di cinque anni si nasconde da noi per sdraiarsi per terra, stringere le gambe e strusciarsi con andamento ritmico... Mi chiedo se è possibile che abbia a che vedere con i primi spasmi sessuali, visto che le ho chiesto e mia figlia ha risposto che sente il solletico all'interno della vagina? E io come mamma come posso aiutarla a superare questo momento che lei trova imbarazzante e che le capita anche a scuola?

Gentile signora, non è facile rispondere al suo quesito con i pochi elementi che ci offre. Sarebbe importante sapere da quanto tempo si presentano questi comportamenti, in quali circostanze (ad esempio potrebbero essere messi in atto come "consolazione" di fronte ad una frustrazione subita), in quali momenti della giornata (ad esempio potrebbero essere correlati ad un senso di stanchezza) ecc. In linea generale, credo che, data l'età della sua bambina, vadano prese in considerazione due chiavi di lettura.

La prima inscrive l'autostimolazione dei genitali in una categoria più ampia di comportamenti abitudinari ed "automatici" come il mangiarsi le unghie, il dondolarsi, il torcersi i capelli. Mentre gli adulti attribuiscono agli organi genitali dei significati specifici che nessun altro organo ha, per i bambini essi sono una parte del corpo come un'altra, alla quale forse hanno già imparato a pensare con più o meno naturalezza.

In un'ottica complementare alla prima, occorre ipotizzare che il toccarsi o lo "strusciare" i genitali rispondano ad un bisogno di (piacevole) stimolazione nervosa, cui istintivamente un bambino può far ricorso in momenti di noia (cioè quando si abbassa il potenziale di stimolo/attivazione della situazione in cui si trova) o di sconforto.

Ed ora la sua domanda: "come posso aiutarla ?" Cara mamma, per capire cosa fare in queste situazioni è buona regola individuare le cause piuttosto che soffermarsi sui "sintomi". Provi ad analizzare i comportamenti della sua bambina alla luce degli elementi di comprensione che le ho fornito. In ogni caso ritengo che non sia opportuno far finta di non vedere, sia scuola che a casa.

Non si tratta di far sentire la bambina in colpa o di sgridarla per i suoi comportamenti ma, comprendendo il suo disagio, si può cercare di proporle alcune attività alternative, che saranno diverse a seconda del bisogno a cui rispondono: stimolazione, consolazione ecc... Data l'età della sua piccola, eviterei un approccio verbale al problema volto a far razionalizzare alla bambina quello che sta succedendo ed i significati dei suoi comportamenti.

14/10/2003

6/6/2016

I commenti dei lettori

anche noi abbiamo esperienza analoga con nostra figlia. Nostra figlia ha meno di 3 anni, si mette a pancia sotto e con andamento ritmico si struscia con l'aiuto delle mani che ha portato all'altezza della vagina. L'unico momento in cui abbiamo notato questo comportamento è al risveglio (sia mattutino o, più raramente, dal riposo pomeridiano). Abbiamo parlato con la bambina che ci ha confermato, su nostra domanda, che quello che fa è divertente. Nelle ultime settimane il comportamento è meno frequente dei mesi precedenti.

federico (AN) 09/09/2012

Ormai si trova una spiegazione a tutte cose. Come si fa a capire se invece questi bambini hanno subito abusi ? Perche' una volta - almeno le bambine - non avevano di questi problemi ?

Pietro (IT) 24/04/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Si masturba a cinque anni"

Si tocca il pisellino in pubblico
Nostro figlio di quattro anni si tocca il pisellino in pubblico. Come ci si comporta. I consigli dell'esperto.
Si tocca il pisellino
Toccarsi il pisellino è un gesto spontaneo molto frequente nei bambini. Ma i genitori reagiscono spesso con imbarazzo.
La masturbazione nel bambino
La masturbazione nel bambino: i consigli degli esperti.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Pressione bassa nel bambino
Mio figlio di 10 anni soffre di pressione bassa. Da che cosa può dipendere? Se l'alimentazione è varia, non sono necessari gli integratori.
Test di Coombs in gravidanza. Se positivo, che rischi ci sono?
Il Test di Coombs in gravidanza, se positivo, indica l'incompatibilità di sangue fra mamma e figlio. Leggi cosa fare e che rischi ci sono per il bambino.
Contraccezione durante l'allattamento
La contraccezione durante l'allattamento è necessaria se si desidera evitare una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto.
La prima colazione del bambino
E' indispensabile che il bambino faccia una buona colazione. La prima colazione deve coprire il 15-20% dell'apporto calorico giornaliero.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa