ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Cortisone in spray nasale per le adenoidi

Da una ricerca risulta che dopo un trattamento di circa sei mesi con uno spray a base di cortisone si è ottenuta la riduzione delle adenoidi nei bambini trattati. E' vero?

Ho una bambina di quattro anni che dovrei sottoporre ad intervento di adenoidi. Ho letto su un giornale italiano che in America il giornale Pediatrics ha pubblicato una ricerca dalla quale risulta che dopo un trattamento di circa sei mesi con uno spray a base di cortisone si è ottenuta la riduzione del 82% delle adenoidi nei bambini trattati. Vorrei saperne di più.

L'articolo a cui fa riferimento è stato pubblicato sul numero di marzo 1995 della prestigiosa rivista pediatrica americana Pediatrics. Lo studio riguarda un numero abbastanza limitato di bambini (17), di età compresa tra i 5 e gli 11 anni, che presentavano ipertrofia adenoidea e conseguenti sintomi di ostruzione delle vie nasali quali respirazione cronica con la bocca aperta, voce nasale, respiro russante, mal d'orecchie, disturbi del sonno, enuresi notturna (incapacità a trattenere la pipì quando il bambino dorme di notte), ecc. I pazienti assumevano uno spray a base di cortisone (il nome esatto è beclometasone dipropionato) alla dose di due spruzzi per narice due volte al giorno per otto settimane seguita da un trattamento di altre 16 settimane a dosaggio dimezzato (uno spruzzo per narice due volte al dì). Durante le otto settimane dello studio tutti i soggetti hanno risposto al trattamento con una riduzione delle dimensioni delle adenoidi e un miglioramento della sintomatologia ostruttiva delle vie nasali; in particolare si è osservata una diminuzione della frequenza degli episodi di enuresi notturna e delle patologie intercorrenti a carico dell'orecchio. Tale sollievo dall'ostruzione adenoidea delle vie nasali è stato mantenuto e potenziato anche nelle successive 16 settimane a dosaggio ridotto.

Gli autori dello studio ipotizzano che il cortisone per via endonasale agisca attraverso uno o più dei seguenti meccanismi: riduzione diretta del volume adenoideo, riduzione della infiammazione delle adenoidi, del naso e della faringe, e/o diminuzione dell'importanza delle adenoidi come focolaio di infezione.

È importante inoltre insegnare al bambino (o alla sua famiglia) la corretta posizione al momento dell'erogazione con lo spray nasale: collo flesso, piegato in giù, con il flacone tenuto in posizione verticale in modo da dirigere il getto verso la cavità nasale posteriore, per consentire una migliore distribuzione del cortisone. In conclusione il beclometasone dipropionato somministrato attraverso spray nasale sembra poter rappresentare una valida alternativa medica all'intervento chirurgico di adenoidectomia o, quanto meno, una possibilità terapeutica di prova prima dell'intervento.

1/1/1997

21/6/2014

I commenti dei lettori

mia figlia ha 7anni.ha sempre naso chiuso. di notte respirava con la bocca aperta da qundo e nata.da 2 anni uso RINELON solo la sera e di notte respira meglio.lo uso solo 2mesi al anno inverno.

alessia (CE) 10/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Cortisone in spray nasale per le adenoidi"

Ingrossamento delle adenoidi e allergia nei bambini
La Sindrome Allergica Orale si manifesta dopo pochi minuti dal contatto con alcuni alimenti con edema delle labbra, prurito al palato.
La tosse
Non presenta alcun sintomo di raffreddore, ma quando dorme, fa due e tre colpi di tosse. Quale può essere la causa?
Alito cattivo
L'alito cattivo o alitosi nei bambini si spiega con la formazione nella bocca di sostanze maleodoranti o con alcune malattie della bocca o del naso.
Rischio nella tonsillectomia
Che rischio si corre con l'intervento alle tonsille? L'operazione chirurgica viene sempre eseguita in anestesia generale.
Operato alle tonsille
Dopo l'asportazione delle tonsille ci sarà un aumento delle infezioni delle basse vie respiratorie?
Adenoidi e tonsille
Le tonsille e le adenoidi sono accumuli di tessuto linfatico, le prime situate in fondo alla gola le seconde nascoste nella parte posteriore della faringe.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura