ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale

La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen con una percentuale di successo molto elevata intorno al 98-99%.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

All'età di due mesi, dopo due episodi infettivi, a mio figlio è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale bilaterale, di III-IV grado. Effettuata indagine scintigrafica, si è evidenziato un rene, il destro, più piccolo del sinistro. In profilassi antibiotica da quell'epoca, il piccolo oggi ha due anni e non ha avuto, nell'ultimo anno e mezzo, infezioni alle vie urinarie. Eseguito un nuovo controllo scintigrafico e cistografico, si è accertata la persistenza della situazione patologica già nota. A questo punto, i medici prospettano la necessità dell'intervento chirurgico per correggere il reflusso. Vorrei conoscere le tecniche operatorie attuali, e comunque quelle più efficaci e quelle che garantiscono minori possibilità di recidiva.

Sarebbe opportuno poter conoscere alcune informazioni essenziali per poter rispondere più correttamente al quesito posto: Quale è la funzionalità di entrambi i reni (valutata scintigraficamente)?
È stata contemplata la possibilità di continuare la terapia profilattica sino al raggiungimento del controllo sfinterico e successivamente di sospenderla ed attendere, prima di una "eventuale" definitiva soluzione chirurgica?
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere: chirurgica e la tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen (reimpianto transtrigonale sottomucoso) con una percentuale di successo molto elevata, intorno al 98-99% ed una degenza di pochi giorni; endoscopica con l'utilizzo di diverse sostanze (a seconda della preferenza dell'operatore) e generalmente la percentuale di successo riportata è inferiore ed intorno all'80%.
Tuttavia il grosso vantaggio è rappresentato dalla possibilità di eseguire questa procedura in day-hospital con dimissione dopo poche ore.

21/11/2002

24/12/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cianosi
La cianosi è il colorito scuro-bluastro della cute che normalmente indica un problema di scarsa ossigenazione dei tessuti.
Perdite di sangue in gravidanza
Trovare delle perdite di sangue durante la gravidanza può rientrare nella normalità o essere un segno di allarme. Meglio chiamare il ginecologo.
Si può prendere il fluoro con il latte?
Una corretta prevenzione della carie.
Allattamento al seno: quali vantaggi?
L'allattamento al seno rappresenta in assoluto il miglior tipo di alimentazione per il bambino nei suoi primi mesi di vita.
I disturbi del sonno nei neonati e nei bambini
Disturbi del sonno nei neonati: si svegliano parecchie volte di notte. Come facilitare il sonno nei bambini: i consigli del Pediatra.

Quiz della settimana

Che cosa significa la parola astenia?
Essere privo di forza
Altezza al di sotto della media
Carenza di vitamine
Sonnolenza