ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale

La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen con una percentuale di successo molto elevata intorno al 98-99%.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

All'età di due mesi, dopo due episodi infettivi, a mio figlio è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale bilaterale, di III-IV grado. Effettuata indagine scintigrafica, si è evidenziato un rene, il destro, più piccolo del sinistro. In profilassi antibiotica da quell'epoca, il piccolo oggi ha due anni e non ha avuto, nell'ultimo anno e mezzo, infezioni alle vie urinarie. Eseguito un nuovo controllo scintigrafico e cistografico, si è accertata la persistenza della situazione patologica già nota. A questo punto, i medici prospettano la necessità dell'intervento chirurgico per correggere il reflusso. Vorrei conoscere le tecniche operatorie attuali, e comunque quelle più efficaci e quelle che garantiscono minori possibilità di recidiva.

Sarebbe opportuno poter conoscere alcune informazioni essenziali per poter rispondere più correttamente al quesito posto: Quale è la funzionalità di entrambi i reni (valutata scintigraficamente)?
È stata contemplata la possibilità di continuare la terapia profilattica sino al raggiungimento del controllo sfinterico e successivamente di sospenderla ed attendere, prima di una "eventuale" definitiva soluzione chirurgica?
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere: chirurgica e la tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen (reimpianto transtrigonale sottomucoso) con una percentuale di successo molto elevata, intorno al 98-99% ed una degenza di pochi giorni; endoscopica con l'utilizzo di diverse sostanze (a seconda della preferenza dell'operatore) e generalmente la percentuale di successo riportata è inferiore ed intorno all'80%.
Tuttavia il grosso vantaggio è rappresentato dalla possibilità di eseguire questa procedura in day-hospital con dimissione dopo poche ore.

21/11/2002

24/12/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Insonnia in gravidanza
Dal quinto mese di gravidanza in poi un po' di insonnia è normale. Che fare? I consigli dell'esperto.
Lo sviluppo motorio nel primo anno di vita
Esiste una grande variabilità nei tempi oltre che nelle modalità dello sviluppo motorio nel primo anno di vita.
Un elettrocardiogramma per tutti i neonati
Una proposta per prevenire le morti in culla.
Attaccamento alla mamma e rifiuto dell'estraneo
Ha un forte attaccamento alla mamma. La mamma deve mediare le risposte emotive del suo bambino e ampliarne le esperienze verso l'esterno.
Ha la fontanella pulsante
Ha la fontanella pulsante perché i capelli in corrispondenza della fontanella si alzano e si abbassano ritmicamente.

Quiz della settimana

Che cosa è l'ambliopia?
Una particolare forma di zoppia
Il mancato o diminuito sviluppo della capacità visiva da uno o entrambi gli occhi
Una rara forma di strabismo che interessa alternativamente i due occhi
La difficoltà a vedere gli oggetti da lontano